Venerdì 14 Dicembre 2018 - 6:05

Innovazione, è asse Napoli-Pechino per le Startup

Internazionalizzazione per startup, nuove opportunità per docenti e ricercatori, una summer school sino-italiana sul manifatturiero avanzato, la creazione di un centro di un centro di trasferimento tecnologico su salute e medicina e, ancora, un’ulteriore spinta a rapporti di collaborazione in ambito aerospaziale e marittimo. Si chiude a Città della Scienza nel segno dell’Asse Napoli-Pechino la IX edizione della Settimana Italia-Cina della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione, la più importante piattaforma di cooperazione nazionale di settore tra i due Paesi.

Inaugurata a Milano martedì 4 dicembre con numeri da record (1470 delegati cinesi e italiani, 755 organizzazioni, 200 incontri B2B, 224 progetti di cooperazione presentati, 19 accordi sottoscritti) e la firma di una Dichiarazione Congiunta sui settori strategici comuni tra i due ministri della Ricerca, Marco Bussetti e l’omologo cinese Wang Zhigang, la Settimana Italia-Cina 2018 accende, in occasione del “Sino-Italian Exchange Event”, i riflettori su startup, Pmi innovative e reti universitarie.

 

STARTUP, NOVANTA VERSO PECHINO (GUIDATE DALLA CAMPANIA)

Elemento caratterizzante della Settimana Italia-Cina 2018 è stato la terza edizione dell’Italy-China Best Startup Showcase - Entrepreneurship Competition (BSS) che, guidata a livello nazionale da Campania NewSteel, (unico incubatore certificato dal Ministero italiano dello Sviluppo Economico nel Sud Italia) ha assunto una veste completamente rinnovata diventando un’autentica piattaforma di accompagnamento nei rispettivi ecosistemi di riferimento per realtà innovative giudicate a più alto potenziale di mercato.

Come è stato illustrato stamattina nel corso del seminario “Go To Italy And China. Opportunità e Strumenti di internazionalizzazione delle start-up e Pmi” l’Italy-China Best Startup Showcase prevede la selezione di 90 startup italiane da accompagnare nel mercato cinese con benefit e incentivi economici crescenti in vista della finale di Pechino nel 2019. Le prime 36 sono state già individuate in occasione della giornata inaugurale della Settimana Italia-Cina a Milano. Le altre 54 startup verranno selezionate tra sei specifici settori innovativi (Digital Economy, Intelligenza artificiale & Big Data, Strumenti e dispositivi intelligenti, Produzione avanzata, Salute e Medicina, Sviluppo sostenibile). Per partecipare occorre rispondere alla Call “Italy-China Best Startup Showcase” aperta fino al febbraio 2019.  

 

LE 9 STARTUP CAMPANE GIÀ SELEZIONATE

Tra le startup già selezionate per il percorso di internazionalizzazione verso la Cina sono ben 9 quelle campane: MyPart meccanica srl, Apptripper srl, RisLab Srl, Tolemaica srl, 3drap s.r.l., Lascò srl, Sòphia High Tech, Future Environmental Design srls, eProlnn.

Nel corso dell’incontro è stato inoltre lanciato un bando riservato a sole startup, spinoff e pmi innovative residenti in Regione Campania per l’assegnazione di un premio speciale consistente in un percorso gratuito e personalizzato di preparazione e di accompagnamento alla partecipazione al Best Startup Showcase nel 2019 in Cina, erogato da Città della Scienza e Campania NewSteel.

"Sin dal 2006, quando in Italia si parlava di Cina soprattutto in termini di delocalizzazione delle produzioni a basso costo, la Regione Campania ha inteso lanciare una sfida: investire sulla costruzione di una relazione stabile di cooperazione tra i due paesi, basata su scienza, tecnologia e innovazione” ha commentatoValeria Fascione, assessore all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione della Regione Campania. “Dopo dodici anni possiamo affermare che la sfida è stata vinta. Il SIEE - Sino  Italian Exchange Event - nato come piattaforma regionale di specializzazione intelligente, è diventato una realtà nazionale. Sono tanti gli attori regionali che hanno raccolto le opportunità derivanti da questo importante appuntamento di lavoro e networking. Nove gli accordi di cooperazione sottoscritti in ambito scientifico, accademico e industriale”. “Vere protagoniste di questa edizione sono le startup. Tra le dodici compagini vincitrici della competizione nazionale, quattro sono campane. Per loro si avvierà nella prossima primavera un programma di accelerazione in Cina.” Così ha concluso l’assessore Fascione.

 

UNIVERSITÀ, NASCE IL NETWORK SINO-ITALIANO “MATTEO RICCI”

Guidato dall’Università Parthenope e con la presenza di tre atenei campani, nasce il “Network Matteo Ricci”, venti università italiane e cinesi firmano un protocollo per agevolare la mobilità di docenti e ricercatori su temi interdisciplinari. A presentarlo nel corso del Siee è stato Sergio Ulgiati, docente della Parthenope e responsabile del Network. In ciascun Ateneo i diversi Dipartimenti potranno instaurare accordi tematici, usufruendo di finanziamenti ministeriali o europei e sponsor privati. Vi aderiscono tra le università cinesi: Tsinghua, Peking, Jiao Tong, Fudan, Tongji, Wuhan, South China University of Technology, Beijing Normal University; tra le italiane: Parthenope, Bologna, Torino, Venezia Ca’ Foscari, Genova, Macerata, Sassari,Federico II, L’Orientale.

 

GLI ACCORDI DI COOPERAZIONE ITALIA-CINA “TARGATI” NAPOLI

Dei diciannove accordi di cooperazione economici e accademici siglati nell’ambito Settimana Italia-Cina dell’Innovazione, sette coinvolgono università, centri di ricerca campani. Oltre al network “Matteo Ricci”, si segnalano i seguenti.

Ricerca su economia del mare.

Il Cluster Tecnologico Nazionale “Blue Italian Growth”, con sede presso la Stazione Zoologica Anton Dhorn di Napoli, e Haiyang Municipal People's Government hanno siglato un accordo su progetti congiunti di ricerca e innovazione nonché opportunità di trasferimento di tecnologie relative al settore dell'economia marittima.

Summer School sul Manifatturiero Avanzato.

Firmato un accordo attuativo tra Università degli studi di Bergamo, Università di Napoli Federico II e Tsinghua University per la mobilità di studenti e ricercatori nell’ambito del laboratorio congiunto Italia-Cina sui temi del Manifatturiero Avanzato (CI-LAM). L’accordo, di durata quadriennale (2019-2023) prevede l’attivazione di un programma di Summer School congiunta destinata agli studenti dei corsi di laurea magistrale provenienti dagli Atenei firmatari su Automazione Industriale, Meccatronica, Robotica avanzata e Sistemi Digitali. La Summer School prevede la costituzione di una Faculty mista con docenti italiani e cinesi.

Aerospazio, certificazione al Cira per aero cinese.

Siglato un accordo tra Shanghai Aircraft Design and Research Institute of Commercial Aircraft Corporation of China e Centro Italiano Ricerche Aerospaziali per l'esecuzione dei test di certificazione di comportamento in condizioni di ghiaccio del velivolo C919 di SADRI – COMAC nella galleria del vento al ghiaccio del CIRA in Italia.

Rete di incubatori italo-cinesi.

Obiettivo dell’alleanza è quello di supportare il softlanding  dei principali progetti imprenditoriali nei rispettivi paesi. Comprende un network molto ampio di incubatori e parchi tecnologici italiani e cinesi promosso da Città della Scienza,

Campania Newsteel, China Association for International Science and Technology Cooperation (CAISTC), International Technology Transfer Network (ITTN)

Incubatore per giovani talenti Napoli-Suzhou

Campania NewSteel, l’International Technology Transfer Network (ITTN) e il Suzhou Center for International Innovation siglano un accordo per la creazione di un centro di incubazione che mira ad attirare e coltivare talenti italiani e cinesi e progetti con un’elevata maturità in grado di stabilire una sede legale nella città di Suzhou e in Italia.

Trasferimento tecnologico su medicina e salute

Siglato accordo tra la Chinese Association for Pharmaceuticals and Medical Devices Technology Exchange, l’International Technology Transfer Network e Fondazione IDIS – Città della Scienza per la creazione di un Centro di Trasferimento Tecnologico Italia-Cina sulla Salute e la Medicina.

 

COSA È IL SIEE- SINO-ITALIAN EXCHANGE EVENT

Nato nel 2007 su iniziativa di Città della Scienza e su mandato della Regione Campania, il Sino-Italian Exchange Event (SIEE) è un programma pluriennale di cooperazione scientifica e tecnologica con la Cina e, in particolare, con il Bast – Beijing Association for Science and Technology e la Municipalità di Pechino. È il Siee a preparare il terreno per la nascita della Settimana Italia-Cina dell’Innovazione che vedrà la sua prima edizione nel 2010.

Nel corso degli undici anni di gestione del programma Siee, l’iniziativa ha consentito di creare contatti tra oltre 3,500 professionisti italiani e cinesi, con molteplici accordi sottoscritti e di estendere la cooperazione a diverse regioni e province della Cina. Grazie ai risultati raggiunti, nel 2012 il SIEE è stato inserito in un “Joint Statement” sottoscritto dai ministri della Ricerca italiano e cinese come una delle più significative iniziative di scambio e cooperazione tra i due Paesi.

Il Siee di Napoli ha chiuso la “Settimana Italia-Cina della Scienza, della Tecnologia e dell’Innovazione” in programma quest’anno dal 4 al 6 dicembre a Milano, Roma, Cagliari e Napoli. Un tour all’insegna di una capillare azione di networking e matchmaking che ha condotto stratup, imprese, centri di ricerca e università ad avviare business e progetti di collaborazione scientifica. Dal 2010 la Settimana Italia-Cina ha coinvolto 8000 esperti in occasioni di visite reciproche, ha attivato 4.900 azioni di trasferimento tecnologico e favorito oltre 600 accordi di cooperazione.

14:41 6/12

di Redazione

Commenta

“Alla Corte del Gusto”, doppio appuntamento a Marigliano

Dopo “Il Sud che Vince”, incontro-dibattito con Dario Vassallo, aperto alle scuole del territorio, con cui si è aperta la Quinta Edizione de “Alla Corte del Gusto”, la kermesse prosegue con un doppio appuntamento, venerdì 7 e sabato 8 dicembre. Venerdì 7, alle ore 19,30, presso la Sala Consiliare del Comune di Marigliano, si terrà la cerimonia di consegna del Premio Terre di Campania, giunto alla sua quarta edizione e assegnato a personalità di origine campana che si siano distinte in vari campi della cultura, del sociale, dell’arte, delle scienze e dell’imprenditoria, promuovendo la conoscenza di quanto di buono e di bello la nostra terra ha da offrire. Il riconoscimento è stato istituito al fine di dare rilievo alla storia e all'esperienza di coloro che rappresentano motivo di vanto per il nostro territorio e fungere da sprono a proseguire in questa onorevole opera. Quest’anno, tra i premiati figurano quattro mariglianesi: Pasqualina Tramontano, Agente Scelto di Polizia Penitenziaria; Salvatore Ferrara, Colonello dell’Aeronautica Militare; Richard Ingarra, Campione di Moto d’Acqua; Ettore Scandolera, Musicista. Oltre alla partecipazione di giornalisti, scrittori e imprenditori, il Premio sarà assegnato, in particolare, al Cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe e al volto noto di Striscia la Notizia, Vittorio Brumotti. Intermezzi musicali e un brindisi finale allieteranno la serata. “Alla Corte del Gusto” continuerà, il giorno seguente 8 dicembre, con il Concerto di Natale “Donna Madonna” a cura della Corale Polifonica di Grottaminarda, che si terrà presso la Chiesa Collegiata di Santa Maria delle Grazie, a partire dalle ore 19,30. A dirigere la Corale sarà il Maestro Sabrina Caprarella, accompagnata dal pianoforte del Maestro Pina Molinaro e dal violino del Maestro Luigi Sisto. Alla Corte del Gusto si concluderà, domenica 9 dicembre, con la presentazione del libro “Campania, bellezza del Creato” opera di Giuseppe Ottaiano, presso la Chiesa del SS Sacramento, alle ore 17,00. L’evento “Alla Corte del Gusto” è ideato e organizzato dall’Associazione Culturale Terre di Campania in collaborazione con il Comune di Marigliano e con il sostegno della Regione Campania nell’ambito del progetto “Marigliano InJazz Winter Edition”.

 

14:35 6/12

di Redazione

Commenta

“Sogni Sotto L’Albero”, charity gala a Villa Domi

Arginare l’abbandono dei neonati e la loro sofferenza attraverso la “Culla della vita”: questo il leitmotiv della XI edizione di “Sogni Sotto L’Albero” il Charity Gala ideato e promosso da Maridì Communication in partnership con l’Associazione Soccorso Rosa-Azzurro Onlus che andrà in scena il prossimo 11 dicembre sera nella prestigiosa Villa Domi, dimora patrizia del “700, situata sulla zona collinare di Napoli. Protagonisti della serata, condotta da Maridì Vicedomini, il Prof Francesco Raimondi, Direttore Unità Operativa di Neonatologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli, Presidente  dell’Associazione Soccorso Rosa-Azzurro Onlus e la sua eccellente equipe che opera puntualmente nel reparto di Pronto Soccorso Neonatale per salvare le vite di neonati che arrivano in condizioni di salute drammatiche, spesso abbandonati in contenitori di rifiuti. Già set di molte riprese della serie Tv Rai di grande successo, “I Bastardi di Pizzofalcone 2” con la regia di Alessandro D’Alatri, la struttura dispone di “una culla per la vita” che ha sostituito la storica “ruota degli esposti” dell’“Annunziata” oltre ad una sala parto pluriattrezzata dove le partorienti possono dare alla luce il proprio bambino in assoluto anonimato, disconoscendo la maternità. Ad aprire la kermesse, un defilè di brand di alto profilo, quali  “Mimmo Donisi Creation” che proporrà un’anteprima della preziosa Wedding Collection 2019 oltre ad una capsule di abiti da gran sera ideali per le Christmas Holidays, “Gisella Gallotta gioielli come arte” di Gisella Gallotta, discendente da un’antica famiglia napoletana di gioiellieri che opera nel settore dal 1922 che presenterà la “Prince Collection”, una serie di monili preziosi  di argento con  pietre preziose e perle naturali  che si ispira a Napoli ed alle sue tradizioni, in un’originale mixage tra “sacro e profano”; ed ancora, in passerella le avvolgenti e pregiate pellicce di Umberto Antonelli, maestro pellicciaio di antica tradizione che sfilerà modelli esclusivi, perfetti nei tagli , eccentrici nei colori , frutto di una confezione artigianale e di una selezione accurata nei pellami utilizzati. A chiudere il discorso “Fashion”” Tersige Cerrone, con il suo brand “Cerrone”, più volte tra le grandi protagoniste di Altaromamoda, che presenterà 12 outfit, tra capi in pelle trasformati in abiti molto eleganti e pellicce trattate come stoffe con preziosi lavori d’intarsio e tecniche di lavorazione che le rendono leggere ed attualissime.  Da segnalare, tra gli autorevoli  partner della manifestazione, la BCC NAPOLI, “Banca etica per eccellenza”, sempre attiva, grazie al suo brillante Presidente Amedeo Manzo, a sostenere mission sociali, lo Studio Legale Ferrara Dentice De Dominicis, operativo da oltre 30 anni a Napoli e a Milano, in materia di responsabilità medica, diritto assicurativo e diritto di famiglia, puntualmente sensibile al discorso di solidarietà verso le fasce più deboli e disagiate,  T&D Trasporti Cinematografici,  azienda leader nel segmento dei trasporti cinematografici in grado di fornire service per la realizzazione sul campo di un prodotto audiovisivo. Ampio spazio anche al campo medico-scientifico con Otofarma Spa, costruttore per eccellenza impegnato nella realizzazione, made in Italy, di protesi acustiche miniaturizzate digitali che nella persona del suo AD Giovanna Incarnato Bartolomucci illustrerà gli strumenti più innovativi, idonei ad arginare l’handicap della sordità. Di grande interesse, in vista delle prossime white holidays, il discorso Beauty & Health interpretato da Giorgia Bertone d’Aniello, titolare di Claia, rinomato beauty center del Vomero, che presenterà il 4Shape, l’ultimo sensazionale apparecchio non invasivo alternativo al lifting ed alla  liposuzione, oltre ad offrire “Pacchetti natalizi” volti al benessere , al dimagrimento ed all’estetica di base, quale originale alternativa all’usuale  cadeau sotto l’albero. Infine, di scena il Food & Beverage, con Caffè Kamo  che, presso la sua Coffee Station, offrirà una degustazione delle nuove ed inebrianti miscele della linea cialde per un’esperienza sensoriale unica e le “dolcezze natalizie” della pasticceria Colotti. Non mancheranno performance di artisti by “Zebby Animation”, mentre l’attore Angelo Iannelli, omaggerà gli ospiti con un’interpretazione superba di “Pulcinella” la maschera simbolo della nostra cultura partenopea. Dulcis in fundo, dinner buffet di ispirazione mediterranea con la supervisione di Maria Rossi e Marcello Messuri. Attesi centinaia di ospiti, esponenti dello spettacolo e del mondo delle Istituzioni, dell’impresa e delle professioni.

12:36 6/12

di Redazione

Commenta

Oronero sostiene Ospitalia ne "Le nuove forme dell’ospitalità"

NAPOLI. L’associazione culturale Oronero – dalle scritture del fuoco  è al fianco del suo importante partner Ospitalia  un format ideato da Federico Samaden che da tempo si pone come punto di incontro tra scuola, istituzioni e imprese e promotore del convegno ‘Le nuove forme dell’ospitalità in programma oggi e domani 7 dicembre nel teatro di Roncegno Terme (Trento).  Il  Convegno organizzato in collaborazione con l’Istituto di Formazione Professionale Alberghiero provinciale e dalla Apt Valsugana vedrà ad un tavolo confrontarsi esperti del settore, dirigenti scolastici provenienti da ogni regione italiana e autorevoli figure istituzionali. Oronero e Ospitalia condividono i valori, il rispetto per l’ambiente e la volontà di promozione del territorio. ‘’Le strade di Oronero e Ospitalia si incrociano su un tema di grande importanza per l’Italia’’ afferma Carmine Maione (nella foto) presidente dell’associazione Oronero dalle scritture del fuoco. ‘’Promuovere la cultura dell'ospitalità e' la strada da intraprendere se davvero vogliamo puntare ad un turismo di qualità’’.  Si comincia oggi con Etica ed identità dell'ospitalità un incontro a più voci dove associazioni, manager e istituzioni si incontrano per tracciare il futuro dell'ospitalità. Domani si discute di ‘Etica del lavoro ben fatto: fare e imparare’ dove si parlerà di imprese e qualità nel settore del turismo,  di etica dell’ospitalità, servizi di sala e modelli di eccellenza. Oronero dalle scritture del fuoco è un’associazione di promozione culturale e sociale, che partendo dal Vesuvio si pone l’intento di favorire l’incontro con gli altri popoli, coinvolgendo le possibili relazioni, le forme di simbiosi oltre che le buone prassi nel senso della difesa dell’ambiente, dei beni culturali, della biodiversità e dell’enogastronomia. 

08:07 6/12

di Redazione

Commenta

I Tre Tenori al Museo Filangieri, via alla rassegna promossa da Opera e Lirica

NAPOLI. È una festa dell'Immacolata all'insegna della grande musica, quella in programma nel Museo Filangieri di Napoli: sabato 8 il Palazzo dell'arte di via Duomo ospiterà il primo dei quattro concerti della rassegna «I Tre Tenori: arie d’opera, Napoli e canzoni di Natale», promossa dalla società Opera e Lirica srls. A esibirsi, a partire dalle 20,30, saranno Francesco Fortes, Alessandro Fortunato e Stefano Sorrentino (nella foto): protagonisti di una straordinaria stagione che li ha visti trionfare prima a Sorrento e poi a Ischia, gli interpreti eseguiranno non solo brani tratti da opere liriche, ma anche canti natalizi e grandi classici della tradizione musicale partenopea.

Sono quattro gli appuntamenti in programma nella sala Filangieri dell’omonimo museo napoletano, tutti con inizio alle 20,30. Dopo il concerto dell'Immacolata si replicherà il 15 e il 22 dicembre, prima del gran finale fissato per il 29. I concerti si articoleranno in due parti: nella prima, i tre tenori interpreteranno arie d’opera frutto del genio di compositori del calibro di Giuseppe Verde, Pietro Mascagni e Giacomo Puccini, solo per citarne alcuni; nella seconda, invece, ci sarà spazio per brani come “Jingle Bells” e “Adeste Fideles”, ma anche “Torna a Surriento” e “Funiculì Funiculà”. I biglietti possono ancora essere acquistati online sul sito www:opera-licirca.com oppure telefonando al numero 3470500108.

Dopo lo straordinario successo riscosso nel Museo Correale di Sorrento e nel Palazzo Reale di Ischia, Opera e Lirica srls porta i suoi tenori in un altro tempio della cultura campana: «La partnership col Museo Filangieri – sottolineaGiuseppina Cuccaro, fondatrice e ceo della società - ci onora e qualifica ulteriormente la nostra proposta musicale che senz’altro riscuoterà l’apprezzamento dei napoletani e degli ospiti presenti in città». Entusiasta Paolo Jorio, direttore del Filangieri: «Sin dal mio insediamento ho immaginato la struttura non come semplice museo, ma come palazzo policulturale in grado di ospitare eventi di altissimo livello e di vario genere. La rassegna promossa in collaborazione con Opera e Lirica risponde a questa strategia finalizzata a rendere la proposta culturale del Filangieri sempre più dinamica e attrattiva».

07:59 6/12

di Redazione

Commenta

Francesca Rondinella, "Di voce in voce"

NAPOLI. È una Francesca esplosiva che non si arresta davanti a nessun numero immenso di ragazzi, che la circondano inondandola di un’euforia che arriva alle stelle.  Francesca Rondinella ritorna ad occupare un meraviglioso spazio nei teatri napoletani o negli auditorium delle scuole con il concerto lezione: ‘Di voce in voce’. La memoria di Napoli al cuore dei giovani. Un concerto lezione che fa viaggiare nella storia della città attraverso la canzone, la musica, la poesia, le immagini, la fantasia. Il suo è uno straordinario viaggio storico musicale che inizia dal 1550 con ‘Sto core mio’ di Orlando di Lasso per continuare con Michelemma del 1600, Cicerenella del 1700, entrambi di autori ignoti, come Lo Guarracino del 1700. Continua con ‘Te voglio bene assai’ di Raffaele Sacco del 1835. Tocca le vibranti parole di ‘Pianoforte e notte’ anno 1890, ‘E Spingule Frangese’ 1888 e ‘Marechiare’ del 1885 tutte di Salvatore Di Giacomo. Arriviamo nel 1914 con ‘Tammurriata Palazzola’ di Ferdinando Russo e R. Falvo a ‘Tammurriata all’antica’ di Ernesto Murolo e E.A.Mario del 1914. ‘Tamburriata Nuvella’ di Giuseppe Capaldo e R. Falvo del 1917. ‘Tammuriata Americana’ di Libero Bovio e E. Tagliaferri del 1934. ‘Guaglione’ di Raffaele Viviani 1931. ‘Tammuriata Nera’ di E.A.Mario e E. Nicolardi, 1944. ‘Caravan Petrol’, ‘O’Sarracino’ e ‘Tu vuo fa ll’americano’ tutte di Nisa e Carosone 1958. Per chiudere, quasi come una magia con ‘Napule e’’’ di Pino Daniele 1977. Insomma un viaggio storico musicale che sarebbe da consigliare a tutte le scuole del territorio, in cui la fa da padrona la nostra stupenda città Napoli, con il suo dialetto, che colora e rallegra tutto ciò che accarezza, per far esplodere di gioia, melanconia o poesia la musica napoletana, che non teme nessun genere al mondo, ma che a testa alta ancora oggi abbaglia ed incanta anche giovanissimi ragazzi delle scuole. Ad accompagnare Francesca in questo viaggio storico musicale il pianista ed artista Giosi Cincotti.Il fascino indimenticabile di una Napoli che fa scintillare ancora di più attraverso la musica e le parole la storia che ci ha regalato un prezioso arco di vissuto, che ritorna quasi come un monito, per ricordarci che la nostra città può risplendere ancora di più.

15:27 5/12

di Filomena Carrella

Commenta

"Cielo", viaggio nell'universo dominato da donne al Bellini

Donna è trasformazione, contraddizione, nascita e distruzione. Lo spettacolo “Cielo” al Teatro Bellini fino al 5 dicembre, è la rappresentazione di come l’arte della danza possa rappresentare in pieno tutte queste azioni. Donne, tante donne, bellissime che raccontano attraverso i loro corpi un viaggio nell’universo delle energie che si contrappongo. Un universo dominato da donne, donne giovani, donne violente, donne Dio, donne comuni.

Un lungo racconto di vita scandito dal suono dei bassi che battono forte in petto, da un’atmosfera a tratti mistica creata da un bellissimo gioco di luci chiaro e scuro, da interazioni digitali e dai corpi che si muovono quasi in moviola con una forza unica. “Cielo”, metafora divina che ci rende vulnerabili di fronte agli eventi della vita, diventa la forza motrice di queste donne che danzano, si abbracciano, si respingono senza mani fermarsi. “Cielo” è vita e con loro queste donne.  

Con (in ordine di apparizione) Valentina Schisa, Sara Lupoli, Maria Anzivino, Olimpia Graziosi, Marianna Moccia, Ilaria Punzo, Giulia Iurza, Rossella Iavarone, Roberta Zavino, Monica Cristiano, Luisa Clemente, Marcella Martusciello, Claudia Crispino, Ginevra Cecere, coreografia e regia Emma Cianchi.

15:02 5/12

di Roberta Madonna

Commenta

"La serenità": croce e delizia di un visionario

Amore, passione, colore, trasudano emozioni positive i lavori di Francesco Cuomo, il vulcanico artista ebolitano presenterà il prossimo 7 dicembre il suo ultimo progetto artistico dal tema “la serenità”. Continua a sperimentare Cuomo e a ritenere che l'arte “vada vissuta, indossata, raccontata” ed è proprio partendo dai versi di una sua poesia (come accade per gran parte dei suoi lavori) che una nuova idea prende forma espressa dalla pittura ad acquerello. Nei volti di donna impressi su carta un'esplosione di colori, in ogni “ritratto” dettagli che rimandano alla territorialità, Francesco Cuomo riassume così in ventiquattro acquerelli la sua caleidoscopica visione del mondo.

Ad Eboli presso lo show room l'artista presenterà anche quattro tele dipinte in acrilico e un elegante cofanetto contenente dodici acquerelli riprodotti su carta pregiata, accompagnati dalla poesia ispiratrice del lavoro (in edizione limitata). Nell'ambito dell'evento saranno in mostra anche le sue ultime sculture in ceramica, “gli steli della follia” che hanno contribuito a diffondere la sua fama di colorista nel panorama internazionale. Partner ufficiale del progetto la società di comunicazione e marketing “Zonalab” di Davide Balzano che ha collaborato alla realizzazione dell'evento.

La mostra è un'anteprima di quella che sarà la presentazione ufficiale prevista in primavera in occasione della terza edizione del “Sorrento loves Art”, organizzato da Rossella Savarese, curatrice della galleria SyART, presso villa Fiorentino, sede della Fondazione Sorrento. Confermato per l’evento lo spettacolo “Contemporay art in motion“, un mapping in 3D a cura del regista Enrico Agresta, in cui le opere dell'artista si animano e prendono forma. L' appuntamento ad Eboli è per venerdì 7 dicembre alle ore 18 presso lo show room su Corso Garibaldi. Sabato 8 e domenica 9 dicembre sono previsti “open days” per offrire la possibilità di visitare la mostra ad una vasta platea. L’esposizione rimarrà aperta al pubblico fino a lunedì 7 gennaio 2019.

00:05 5/12

di Redazione

Commenta

Markett: Pop Star in vetrina

Markett questa settimana sarà Pop Sstar, grazie alla migliore selezione musicale pop, dance e hip hop di sempre che farà ballare divertite il pubblico del Club Partenopeo Sabato 08 dicembre ore 23:00.

Le vetrine di Markett si riaccendono al Club di Coroglio attraverso una colonna sonora che celebra personaggi così popolari da far ballare generazioni intere.

Una musica che ha fatto sognare per anni il pubblico, star così popolari da essere nelle camere di tanti ragazzi, grazie agli storici “poster”, riviste che raccontavano gli idoli della musica mondiale.

Questo e altro ancora, raccontato dai personaggi nelle vetrine di Markett.

La migliore selezione Pop, Dance e Hip Hop di sempre grazie ai djs: Caiano

Mya, Joseph Romano e alla voce di Christian Key.

Le fasi del Format innovativo della night life partenopea

L'evento prende vita in 4 momenti salienti, fulcro dell’evento che a Napoli ha registrato un numero significativo di pubblico che ogni sabato ha preso parte allo show che celebra miti della cultura pop internazionale.

Le fasi del sano divertimento di Markett sono:

L' Accoglienza, in cui le persone attraversano un percorso costruito da scenografie e performer.

Lo show, il momento clou con cui viene presentato il tema della serata con effetti performer e colpi di scena unici.

Il contest, dove tutti i partecipanti del concorso on line possono essere i protagonisti per una notte nelle nostre vetrine!

The voice Markett, il momento di chiusura dove la musica fa il suo corso in modo super coinvolgente e canterino passando I microfoni alla platea, rendendola protagonista.

19:40 4/12

di Redazione

Commenta

"Industria 4.0", arriva in Campania il prototipo del primo punto impresa digitale

Cos’hanno in comune Bosch, Bmw, General Motors, Cisco, Caterpillar, Google e Velp Scientifica? All'apparenza nulla, ma in realtà sono esempi concreti di una ripresa economica, scaccia-crisi targata Industria 4.0. Con questo nome si identifica un insieme di novità tecnologiche e organizzative che determinano valore aggiunto, riducendo i costi e aumentando i profitti. L'impatto sull’economia delle aziende che hanno già effettuato il passaggio al 4.0 è stato significativo, così come quello sul PIL nazionale: aumentato, ad esempio, in Germania di oltre l’1% annuo, pari a 30 miliardi di euro; qui infatti, più della metà delle oltre 6mila imprese manifatturiere si è convertita all'Industry 4.0, ricavandone giovamento anche in termini di occupazione.
Ed è proprio alla Germania che l'Italia si è ispirata col Piano Nazionale Impresa 4.0, all'interno del quale sono previste strutture di servizio, i Pid (Punti Impresa Digitale), attivati sui territori mediante le Camere di Commercio e dedicati alla diffusione della cultura e della pratica digitale delle MPMI (Micro Piccole e Medie Imprese) di tutti i settori economici. Ma ogni nazione ha la sua identità e spesso per proporzioni, storia e cultura è impossibile calzare gli stessi indumenti. Così Alex Giordano, fondatore di Ninjamarketing e direttore scientifico di Societing 4.0 dell'Università Federico II di Napoli, grazie al supporto di UnionCamere e con le Camere di Commercio di Salerno e Caserta ha promosso il «PIDMed», prototipo di un Punto Impresa Digitale a vocazione mediterranea. Il prototipo si propone di approcciarsi al modello di impresa 4.0 con una visione “mediterranea”, ovvero una visione capace di adattarsi e quindi di valorizzare il tessuto imprenditoriale italiano nel quale si inserisce. Avvicinandosi al contesto delle MPMI, creando un modello innovativo in grado di rispondere in maniera mirata alle diverse esigenze degli imprenditori grazie alle nuove tecnologie e capace di abbracciare la diversità e la bellezza anche delle tante piccole realtà del nostro Paese.
«Non andiamo a promuovere le tecnologie - spiega Giordano - ma a valutare le esigenze degli imprenditori per trovare le giuste soluzioni. Le piccole e medie imprese che hanno fatto grande l'Italia non possono snaturarsi sotto il peso della propaganda tecnologica. Ma è il tempo di addomesticare le tecnologie per rilanciare e fare grandi le nostre imprese nel mondo, producendo impatti positivi sull'economia, l'ambiente e le nostre comunità». Prima di tutto, però, bisogna spiegare agli imprenditori cosa si intende per Industria 4.0 e come sfruttare al massimo le opportunità che derivano dall’applicazione delle sue tecnologie, nelle loro attività grandi o piccole che siano.
Per tale scopo il 10 e l’11 dicembre, alle 10.30, rispettivamente presso l'Hotel Mediterranea di Salerno (via Gen Clark, 54) e presso la Camera di Commercio di Caserta (via Roma, 75) Alex Giordano e Derrick de Kerckhove, una delle menti più brillanti del panorama mondiale dell’innovazione digitale, sociologo e giornalista belga naturalizzato canadese, direttore del McLuhan Program in Culture & Technology dell'Università di Toronto, oltre che direttore scientifico di Media Duemila e TuttiMedia, incontreranno gli imprenditori per offrire loro una consulenza approfondita e costruire insieme un prototipo di Punto Impresa Digitale Mediterraneo.

18:59 4/12

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno