Sabato 23 Febbraio 2019 - 21:37

Birra Morena, prodotto che fa tendenza

«Stiamo valutando come Federazione Italiana Cuochi sempre più l’utilizzo della birra in cucina non solo come abbinamento ma come ingrediente all’interno delle ricette». Il presidente della Fic., Rocco Pozzulo, a margine dei Campionato della Cucina Italiana, organizzati in concomitanza con “Beer Attraction”, l’evento fieristico sulla birra più importante in Italia svoltosi a Rimini dal 16 al 19, riconosce che «è stata una edizione che ha sancito per la prima volta il matrimonio a tavola tra la cucina italiana e le birre craft». «Tutti gli ospiti del ristorante della competizione - ha aggiunto - hanno apprezzato tantissimo il fatto che siamo usciti dai soliti canoni cibo/vino per proporre cibo/birra, birra di qualità come la Morena». «Bere birra, bere Birra Morena è ormai una tendenza. I millecinquecento cuochi che hanno affollato i padiglioni dei Campionati si sono convinti che birra non è solo pizza ma, se abbinata a birre di qualità, è una ottima alternativa a pranzo o a cena, ha aggiunto Gaetano Ragunì general manager della Nazionale Italiana Cuochi. Come non si può utilizzare a tavola una bevanda talmente antica e nobile?». I Campionati, alla quarta edizione, sono stati la più estesa e completa competizione culinaria nazionale, riconosciuta dal circuito Worldchef, ed anche semifinale per l’European Global Chef Challenge, l’evento mondiale di cucina organizzato dalla World Association of Chefs Societies e in programma il prossimo anno a San Pietroburgo.
E di birra si è parlato in un seguitissimo evento organizzato da Birra Morena, birra ufficiale ed esclusiva dei campionati, con gli chef della nazionale italiana e condotto da Veronica Maya e Antonio Iacona. “Birra e alta gastronomia in viaggio tra le emozioni” il tema proposto dove, con l’ausilio di slide e filmati, è stato tracciato un percorso sull’importanza dell’abbinamento birra e gastronomia con quindici ricette inedite, tutte firmate Nazionale Italiana Cuochi. Non un ricettario o una raccolta ma “l’emozione” del cibo abbinata alla corretta Birra Morena. Un’idea che nasce dalla consapevolezza che gli chef non producono semplicemente cibo bensì emozioni, soprattutto quando propongono un piatto inedito per il quale hanno dedicato tempo e lavoro. Abbinato alla giusta birra l’emozione si completa e li esalta entrambi a tutto vantaggio della percezione finale del consumatore.

16:29 23/02

di Redazione

Commenta

Nasce NSL, la prima emittente ibrida italiana tra televisione e visual radio

Crossmedialità, intrattenimento, informazione indipendente e senza filtri dove trovano ampio spazio factual e serie tv in esclusiva, insieme alla più innovativa offerta di visual radio dedicata a grandi temi quali la difesa dell’ambiente e del mondo animale, i diritti umani, la valorizzazione delle arti, culture, scienza e nuove tecnologie. Tutto questo è NSL, la nuova proposta omnichannel presentata oggi a Roma, in onda dall’11 febbraio su digitale terrestre, Sky e radio FM e destinata a trasformare profondamente l’esperienza di visione del pubblico, proponendo nuovi contenuti e nuove modalità di esposizione ai media, grazie a una linea editoriale innovativa, originale e coinvolgente che incarna lo spirito dei tempi.

«Nel panorama attuale dei media, crediamo che NSL si differenzi per una proposta originale e virtuosa di infotainment di altissima qualità, interviste esclusive, serie tv e visual radio nonché rivoluzionaria, perché mette in primo piano la difesa umana, animale, ambientale, promuovendo la conoscenza di realtà e attualità non sempre adeguatamente seguite dall’informazione cosiddetta “mainstream”. Ma tutto questo intendiamo proporlo con lo “stile NSL”: un linguaggio rock senza filtri ideologici ma di spessore, con grande libertà autoriale, in grado di affrontare i diversi temi con il giusto equilibrio tra spettacolarizzazione, autorevolezza e profondità del messaggio» ha dichiarato Christian Lelli, Direttore generale e artistico, fondatore di NSL insieme a Giuseppe Soda, Direttore finanziario.

Nella costante ricerca di contenuti di qualità e valore s’inseriscono le partnership con realtà quali Medici senza Frontiere, Greenpeace e Sea Shepherd sui temi dei diritti umani e della salvaguardia ambientale. Target e palinsesto NSL viaggerà sui binari classici della comunicazione ma su un treno molto versatile, ricco di opportunità e centrato su diversi contenuti. Per questo l’audience di NSL appare in prospettiva molto ampia, in grado di coinvolgere tutte le classi sociali e incontrare le diverse inclinazioni personali.

Inizialmente il content mix di NSL si rivolge a un target medio alto, ritenendo che la copertura ipotizzata rappresenti un giusto compromesso per un simulcast tra DTT e Sky. «NSL - sottolinea Christian Lelli – “offre un palinsesto tutto gratuito con un linguaggio crossmediale, in grado di coinvolgere lo spettatore nelle tematiche fondamentali dell’umanità, ma in chiave spettacolare e a tratti divertente con il contributo di conduttori e ospiti di grande impatto e valore, in costante dialogo con il pubblico. Una sfida ambiziosa per un panorama mediatico italiano, dove la proposta ibrida non ha ancora trovato il suo spazio. Successivamente al lancio, supportato da una pianificazione pubblicitaria su diversi media, valuteremo se implementare l’offerta adattandola ad un’audience mix ulteriormente diversificato, sapendo che il pubblico del DTT è diverso da quello della piattaforma Sky».

Il palinsesto è articolato su ventiquattro ore di programmazione con un’offerta studiata per sfruttare al massimo le differenti fasce orarie, costituita da blocchi temporalmente definiti e ripetuti con diverse modalità di packaging nel corso della giornata. La maggior parte delle serie tv avrà una durata di 30, 60 o 75 minuti intervallate da format visual radio della durata di 120 minuti. «Una programmazione” – sottolinea ancora Christian Lelli - con un grande potenziale nel generare revenues significative, grazie alla vendita anche a terze parti e possibili sinergie da attuare nel settore social e pay per view. La piattaforma Sky, il digitale terrestre e tivùsat garantiscono inoltre a NSL la possibilità di arrivare a un audience molto ampia, diffusa sul territorio e ricettiva verso le tematiche tipiche della programmazione».

NSL coinvolge professionalità e management di elevata esperienza nel campo cinematografico e televisivo che garantiscono scenografie e autoproduzioni molto curate. Tutta la produzione del canale è il risultato di professionalità operanti ai massimi livelli nel business dei media, con il supporto di strutture tecnologicamente all’avanguardia, consulenze tecniche accademiche e scientifiche, unite a un contributo creativo costante che accompagna ogni aspetto d’intrattenimento della rete, rendendo fruibili anche le tematiche più sensibili.

NSL è in onda contemporaneamente su tutti i device: canale 74 DTT nel Lazio e 194 in Lombardia, canale 816 della piattaforma Sky, canale 57 di Tivùsat. Sulla frequenza radiofonica FM 90.0 a Roma e nel Lazio, ma con la previsione di arrivare molto presto in Lombardia; in streaming sul sito www.nslradiotv.it. e tramite App. Sui canali social Facebook @NSLradioTV, Instagram e Twitter. Nel corso del 2019, NSL valuterà il passaggio al DTT nazionale con un unico LCN oltre all’inserimento nel bouquet Sky.

16:59 22/02

di Redazione

Commenta

Dia de Los Muertos, party di carnevale all’Agorà Morelli

Dia de Los Muertos è il tema scelto per il party di carnevale che si terrà venerdì 1 marzo, a partire dalle 20.30, all’Agorà Morelli di Napoli. Significa “giorno dei morti”, è una delle feste più conosciute nel mondo, la sua origine è atzeca e rappresenta, sin dalla notte dei tempi, una commemorazione per il ritorno dei defunti sulla terra, nel 2003 è stata insignita dall’Unesco del titolo di Patrimonio dell’Umanità. Il party organizzato all’Agorà Morelli in collaborazione con Visivo Comunicazione prende spunto da questa spettacolare festa tradizionale e sarà l’occasione per sbizzarrirsi con fantasiose maschere colorate e trucchi appariscenti. In Messico i simboli della festa sono rappresentati dalla Calavera Catrina (la signora della morte), uno scheletro di donna in abiti eleganti con sombrero e dalle Calaveras, ovvero teschi, che compaiono in tutte le forme, colori, dimensioni e varianti. Ben lontane dall'essere macabre, le Calaveras in realtà ricordano di celebrare la vita e la mortalità, la festa rappresenta un incontro tra vivi e morti, dove le frontiere tra i due mondi svaniscono temporaneamente. Il dress code della party sarà per l’appunto Calaveras, fiori colorati, grandi cappelli, abiti e trucchi variopinti. In programma per la serata musica, videoarte e danza sulle note della selezione musicale del dj Duccio Bocchetti. Cucina messicana e mediterranea a confronto per la cena a cura di Alba Catering che fonderà le specialità delle due tradizioni culinarie; da una parte la colorata, speziata e saporita cucina messicana, dall’altra le specialità gastronomiche carnevalesche nostrane: piatti gustosi e irrinunciabili come la lasagna e i dolci di antica tradizione, il sanguinaccio e le chiacchiere. Anche la drink area rispetta il tema del party con la scelta di mexican & international cocktails che renderanno ancora più originale la festa.

16:51 22/02

di Redazione

Commenta

Al teatro Immacolata una pièce per raccogliere fondi per il “Santobono”

NAPOLI. “Dio c’è…ma non si vede”, è questo lo spettacolo di beneficenza che la compagnia “La Combriccola” metterà in scena nei giorni 22, 23 e 24 febbraio 2019. La commedia vede protagonisti un gruppo di amici ed amanti del teatro che si esibiranno sul palco del teatro Immacolata del Vomero per donare sorrisi agli spettatori ed anche sostegno ai bambini del vicino ospedale Santobono. Il ricavato, infatti, sarà devoluto all’associazione “Sos sostenitori Santobono” allo scopo di acquistare una colonna laparoscopia. La commedia non mancherà di coinvolgere il pubblico in sala attraverso un intreccio di vicende con al centro una strampalata famiglia, una boss della malavita con i propri temibili emissari ed una serie di simpatici personaggi. La storia è ambientata intorno alla fine del 2049 quando la famiglia Boncristiano sta per partire per Roma in occasione del Giubileo del 2050. Il capofamiglia, Pio, titolare di un’impresa di pompe funebri, si definisce un ottimo cristiano e quindi ha deciso di portare tutti in Vaticano per assistere all’apertura della Porta Santa. Ma quello che dovrebbe essere un chiassoso e semplice pellegrinaggio si trasformerà in altro. La boss di un’organizzazione criminale, Laura Lampa, fa rubare dai suoi scagnozzi la chiave della Porta Santa che, per un banale equivoco, finisce nelle mani dei Boncristiano. Da qui nasce un groviglio di situazioni. A far parte del cast, tra i vari attori, anche il presidente della commissione cultura della V Municipalità, Adolfo De Santis.

13:32 22/02

di Marco Altore

Commenta

Live della cantante Maria Nazionale al “Mastunicola” di Pianura

NAPOLI. Maria Nazionale (nella foto) sarà l’attesa protagonista di un evento musicale venerdì 22 febbraio dalle ore 21 a Pianura presso il locale “Mastunicola”, sito in via Pallucci 160. La popolare artista partenopea proporrà i brani del suo ampio repertorio che spazia da “Ragione e sentimento” a “Però te penzo” passando per “Ciao ciao”, “Storie ’e piccerelle” e “Tiempo y silencio”, tributo a Cesària Èvora. Non mancherà la canzone “Senza penzà a dimane”, anticipo del suo nuovo lavoro discografico. 

13:28 22/02

di Redazione

Commenta

“L’Amore è..”, Charity Gala a Villa Domi per la Lilt: tra gli ospiti Pier Francesco Pingitore

Grande successo per l’VIII edizione de “L’Amore è..” il Charity Gala promosso da Maridì Communication, diretto a sostenere il Progetto Ludoteca della LILT NAPOLI, attivato presso l’Istituto dei Tumori “Pascale”. L’evento, condotto dalla giornalista Maridì Vicedomini si è svolto martedì sera 12 febbraio, nella splendida cornice di Villa Domi ed ha visto come special guest, premiati con un prestigioso riconoscimento dal Prof Adolfo Gallipoli Presidente Lilt Napoli, autorevoli esponenti del mondo dello showbiz e della cultura italiana quali Pier Francesco Pingitore “Principe della satira italiana”, Maria Rosaria Omaggio, attrice, in veste inusuale di autrice di un libro un volume dal titolo “Il Linguaggio di Cristalli, Gemme e Metalli”- Edizioni Mediterranee Maurizio De Giovanni, scrittore, Antonio Riva, stilista Haute Couture, il maestro Giacomo Rizzo che ha festeggiato gli ottant’anni ed i settantadue di carriera, varcando il palcoscenico ad appena otto anni. Accanto a loro, la scenografa costumista Graziella Pera, la cantante attrice Anna Capasso e Marta Krevsun, conduttrice televisiva ed un parterre di alto profilo del mondo partenopeo, dal Console di Bulgaria, avvocato Gennaro Famiglietti, Presidente dell’Istituto di Cultura Meridionale accompagnato dalla moglie Rosy, alla scienziata di fama mondiale Annamaria Colao, al Console del Nicaragua, avvocato Gerry Danesi, al penalista Antonio Emilio Krogh. La serata si è articolata tra momenti di moda e di spettacolo. In passerella un esclusivo defilè con una capsule delle collezioni 2019 by Antonio Riva quali  “Petals” intesa come leggerezza e seduzione, come multiforme sfumatura di colore, gioia ,sofisticata e sussurrata eleganza e “Fil Rouge” che delinea, racchiude e dal quale prende il sogno a colori del maestro milanese di unire con sapiente delicatezza, lo stile tipico della Maison conosciuta in tutto il mondo a “Le Rouge”, tonalità per eccellenza ed elemento  d’impatto per le singolari sfumature degli abiti. Ed ancora, riflettori puntati sui magnifici gioielli, preziosissimi nei materiali, unici nel design di un brand internazionale di alta gioielleria, “Chantecler” forte di una storia affascinante nata a Capri, perla del Mediterraneo, che da oltre settant’anni ha preservato e perpetuato nel tempo un’eredità unica, legata ai suoi fondatori, Salvatore Aprea e Pietro Capuano, grazie anche al suo direttore creativo, Maria Elena Aprea, che puntualmente si ispira a tutto ciò che caratterizza l’isola azzurra con la sua lussureggiante bellezza ed i suoi colori unici. A completare il quadro “Moda”, il maestro pellicciaio Umberto Antonelli che ha presentato un’anteprima della prossima collezione autunno Inverno 2019/20 dei suoi capi pregiati dalle nuance brillanti e la manifattura artigianale.  Ampio spazio anche alla cura del benessere psico-fisico dell’individuo con le tecniche più innovative ed efficaci e sempre meno invasive del “Mago della chirurgia plasticaIvan La Rusca ed i “Love Gift” for Health & Beauty proposti da “Claia”, Centro Estetico di Giorgia Bertoni, situato in pieno centro del Vomero. In scena anche il Food & Beverage con le “dolcezze” di Maxtris Confetti, le specialità regionali e nazionali della nota pasticceria salernitana “Dolce e Caffè” di Aniello e Clorinda Esposito e la degustazione della linea Cialde del Caffè Kamo articolata in quattro selezionatissime miscele, Kamo Tulima, Kamo Tambora, Kamo Fuego, ispirate alla denominazione di noti vulcani del mondo accanto alla miscela Kamo Deca che esula dalla logica dei vulcani. Emozionante, il momento dell’estrazione a sorte dei cadeaux “Chantecler” destinati a coloro che nella circostanza, hanno devoluto un contributo volontario alla LILT NAPOLI ai quali è stata donata anche una mini bag di juta con le cialde del Caffè Kamo.  Da menzionare, infine, tra i partner dell’evento, lo Studio Legale Ferrara Dentice De Dominicis, operativo da oltre 30 anni a Napoli ed a Milano in materia di responsabilità medica, diritto assicurativo e diritto di famiglia, puntualmente sensibile al discorso di solidarietà verso le fasce più deboli e la “Banca Stabiese”, Banca Etica per eccellenza, sempre vicina alle iniziative ed ai progetti a sfondo sociale, soprattutto della LILT NAPOLI ed in perfetta linea con la mission sociale della manifestazione, il Programma di Assistenza Domiciliare “Amiamo Gli Anziani”, Società Coop.Sociale-Onlus. Gran finale con dinner buffet al suono del “Live” applauditissimo di Giulia Ligorio, vera artista “prestata” al mondo del Diritto. Visti, tra centinaia di invitati, Antonella Ciriello, Paola Mazzuccato, Andrea Raffaelli, Annalisa Calabrese, Roberto Turrà, Dario e Daniela Giordano, Pippo Russo, Fabrizio Faggiolo, Giulio Ferlaino, Grazia Beneduce, Livia Maisto,  Daniela Sabella, Maria Teresa Stile, Enrico e Carmen Bonelli, Giuseppe e Vanda Mirante, Paola De Giovanni, Simona Gallipoli, Maria Francesca Cattaneo della Volta,  Roberto e Diana De Laurentiis, Luigi e Patrizia Ferrandino, Maria Teresa Iannuzzo, Ida Carla Canale, Marinella Scorciarini Sforza, Paola Fragalà, Valentina De Giovanni,   Vincenzo e Beatrice De Notaris.              

11:02 22/02

di Redazione

Commenta

Procida, ecco la grotta immersiva: sarà come nuotare tra i pesci

Sarà come nuotare tra i pesci di Procida, comprendendo le profonde leggi che regolano la vita nell’acqua, espresse nella semplicità delle geometrie di un banco in movimento. Un viaggio virtuale nel paradiso sommerso della più piccola delle isole del golfo di Napoli, che così rivela il suo legame inscindibile con il mare, accompagnato dai suoni del mare, acquisiti al largo dell’isola con un idrofono, quasi come fece Mario, il personaggio interpretato da Massimo Troisi ne “Il Postino”.
E’ una iniziativa senza precedenti la Grotta Immersiva realizzata in via Roma, in uno degli antichi ricoveri per le barche, in occasione di MareXperience”, l’iniziativa di animazione territoriale promossa per venerdì 22 febbraio dalFlag (Gruppo di azione locale nel settore della pesca) “Sviluppo Mare Isole di Ischia e Procida SCARL” al fine di garantire la salute e la sostenibilità del settore della piccola pesca.
La grotta sarà visitabile gratuitamente venerdì dalle 13:00 alle 18:00 e sabato mattina dalle 9:00 alle 13:00.
“L’installazione – spiega Nicola Scotto di Carlo, direttore del Museo Civico Virtuale di Procida, che ha ideato la Grotta insieme all’architetto Leopoldo Repola, ricercatore dell’università Suor Orsola Benincasa -  nasce dall’intenzione di digitalizzare il movimento collettivo dei pesci nell’acqua, ricostruendo in tracciati geometrici le traiettorie che essi compiono all’interno delle correnti del mare. Il digitale qui si determina come strumento di registrazione dei movimenti e di rappresentazione delle traiettorie secondo grafici vettoriali, in cui rimappare attraverso parametri l’armonia delle forze della natura”.
Così la grotta diventa un luogo del mare, proprio davanti al mare di Procida: percorrendola, il visitatore sarà condotto in un luogo intermedio tra il movimento della vita nel mare e le traiettorie definite da sistemi di calcoli, nati dall’osservazione del reale e dalla loro e semplificazione. E ancora: i suoni tracceranno i segni attraverso cui immergersi oltre l’esclusiva percezione razionale degli eventi: le pareti della grotta proietteranno così i visitatori altrove, in un luogo prossimo al mare, colto sulle pietre per mezzo delle luci dei proiettori.
L’installazione è realizzata mediante software parametrici di videografica e di spazializzazione sonora tridimensionale: il progetto dell’allestimento immersivo è nato come risultato degli ambiti di ricerca, sulla rappresentazione dei contesti culturali, promossi e attivati in seno al Museo Civico di Procida.  Le opere digitali sono state realizzate da Kanaka Project di Milano. Le ambientazioni scenografiche sono opera di Angelo Gaudino.
La Grotta Immersiva è una delle attrazioni legate all’iniziativa di animazione territoriale che prevede, a partire dalle 10.30 di venerdì 22 febbraio nella sala consiliare del Municipio di Procida, il convegno “MareXperience”: ai saluti diRaimondo Ambrosino, sindaco di Procida, Francesco Alfieri, Capo Segreteria del Presidente della Regione Campania e consigliere del Presidente per i temi attinenti l'Agricoltura, le Foreste, la Caccia e la Pesca e di Antonio Marciano, questore alle finanze e consigliere regionale della Campania, faranno seguito una serie di interventi sul mondo della pesca.
Di analisi e prospettive della pesca attraverso i FLAG parlerà Filippo Diasco, direttore penerale per le Politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Campania; di opportunità legate ai fondi FEAMP, invece, Claudia Esposito, in rappresentanza della SCARL Sviluppo mare isole di Ischia e Procida. Sulle competenze per la Blue Economy interverrà Maria Salette Longobardo, dirigente dell'istituto “Caracciolo" di Procida; di turismo esperienziale discuterà invece Achille Lauro, amministratore delegato di Achille Lauro Group. La nutrizionista Lucia Costagliolaproporrà un focus sul benessere alimentare legato al mare. Al termine, un buffet didattico presso il ristorante “La Medusa”.

 

17:22 21/02

di Redazione

Commenta

Al via la rassegna storica sulla musica e canzone Napoletana

Quattro concerti, quattro diverse formazioni musicali, due convegni, due conferenze e tanti ospiti per una manifestazione giunta alla sesta edizione che si svolgerà tra la Fondazione Humaniter (Piazza Vanvitelli 15) e il Centro di Cultura Domus Ars (via Santa Chiara 10).

“La Rassegna Storica sulla musica e canzone Napoletana, già denominata Rassegna Storica sulla canzone Napoletana, arriva al suo sesto anno con la consapevolezza dell’ approfondimento degli studi storico- musicali sulla canzone napoletana e la necessità di allargare lo sguardo su tutta la storia della musica prodotta nella città di Napoli da cui il cambio del titolo della rassegna. – spiega il direttore artistico Lucio De Feo – I concerti si presentano, quindi, in ordine cronologico e prevedono l’intervento di formazioni musicali diverse. Tante le novità introdotte: per ogni concerto abbiamo cercato gli interpreti di maggior rilievo del settore, inoltre, ogni appuntamento sarà preceduto da un convegno o conferenza introduttiva per permettere al pubblico una comprensione migliore del percorso storico - musicale. Importante, abbiamo allargato la collaborazione ad altre associazioni e  oltre la Domus Ars, Il Canto di Virgilio e la Fondazione Humaniter, avremo per l’ultimo concerto anche l’apporto de I sedili di Napoli che parteciperanno allestendo una mostra sugli autori della canzone napoletana e presentando la relativa conferenza”.

Ad inaugurare il programma, il 22 febbraio alle ore 17,30 presso la Fondazione Humaniter (piazza Vanvitelli), il convegno sulle villanelle alla napolitana. A seguire, il 23 e 24 febbraio sempre all’Humaniter alle ore 17,30, il concerto della formazione “Le Villanelle alla Antiqua Napolitana” con il soprano Filomena Scala, il contralto Emanuela De Rosa, il tenore Massimiliano Sebastiano, i bassi Giulio Mercadante e Angelo Florio e il chitarrista Pietro Rossi. Questa formazione, creata per l’occasione, è stata voluta dal Maestro Lucio De Feo per l’esecuzione polifonica delle villanelle a tre voci che caratterizzarono il periodo originario della Villanella alla Napolitana, dal 1537 al 1570.

“Questo incontro iniziale è dedicato alla Villanella indicata come il primo momento in cui Napoli fornisce il suo specifico contributo alla storia della musica. – continua Lucio De Feo - Questa forma musicale, di chiara ispirazione popolare, darà modo di far conoscere Napoli in maniera talmente peculiare che poi sarà definita come Villanella o canzonetta alla Napolitana, e articolata nella seconda metà del XVI secolo anche da compositori del Nord, Italia ed Europa, in forma polifonica dilagando come una moda in tutto il continente continuando ad essere scritta e pubblicata ancora per un secolo”.

La Rassegna prosegue il 22 marzo, presso la Fondazione Humaniter, ore 17,30, con il convegno sulle Arie “Napolitane” del Settecento. E a seguire, il 23 e 24 marzo sempre presso la Fondazione Humaniter alle ore 17,30, il concerto “Scarlatti e dintorni” a cura del Maestro Rosa Montano. Il 5 maggio, alla Domus Ars alle ore 17,30, ci sarà prima la conferenza sulla Tarantella a Napoli nell’ 800 e a seguire, alle ore 19,00, lo spettacolo con il gruppo di Danze Popolari Meridionali, diretto dal Maestro Maria Grazia Altieri. Gran finale il 2 giugno alla Domus Ars dove alle ore 17.30 si svolgerà la conferenza sulle Canzoni Napoletane del periodo d’oro (fine ‘800, inizio ‘900) e alle ore 19.00 il concerto con la Piccola Orchestra Fantasia Napoletana del Maestro Lucio De Feo, ospite Mario Maglione.

Per gli appuntamenti previsti nell'aula Magna dell'Humaniter al 4° piano di piazza Vanvitelli 15, i convegni sono gratuiti mentre i concerti hanno un biglietto di 5 euro. Gli appuntamenti che si svolgeranno alla Domus Ars (via Santa Chiara 10), invece, prevedono l’ingresso gratuito alle conferenze e un biglietto di 10 euro per i concerti.

14:06 21/02

di Redazione

Commenta

Presentazione della seconda release firmata Arrondel Records stasera da Perditempo

Presentazione della seconda release firmata Arrondel Records stasera da Perditempo, nel cuore del centro storico di Napoli. 

La piccola label di Lille del dj francese Frigodelik aveva annunciato a fine 2017 una trilogia di re-edit di alcuni introvabili brani della disco-funk di fine anni ’70 grazie al contributo di dj, compositori e musicisti partenopei, coordinati dal produttore vesuviano Funk Coffee aka Luca D’Andrea.

La prima pubblicazione ha visto il remake di “I Think”, produzione tutta napoletana di Al, Puccy & Claude e la rivisitazione del classico “Electronic Jungle” di Jean Schultheis, grazie alla partecipazione di Plastic Penguin, Sasà Mendoza, Mosca Sounds e Giovanni Roma.

Il secondo vinile in uscita invece trattasi di quattro brani tra cui l’inedito “Je Pense L” a cura di Funk Coffee, Sasà Mendoza e Giuseppe Capasso, oltre alle reprise di “Get Up” di Paul Martin, “Stand up” e “Dance On” di Nawari, rinate nelle nuove versioni di Frigodelik e Albion, masterizzate anche in questo caso da Giovanni “Blob” Roma.

Per quanto concerne lo showcase di questa sera, sul palchetto di Perditempo si alterneranno Plastic Penguin live-set, Sdu, Domasan, Dj Armi, O’ Stràn, Edwin, LucianoPain e lo stesso Funk Coffee.

 

12:58 21/02

di M.S.

Commenta

Jenn Morel e Markett Legends per il weekend del Club Partenopeo

Il weekend del Club Partenopeo prevede due eventi. Venerdì 22 febbraio alle 23:50 Jenn Morel la sexy domenica che ha conquistato il mondo sbarca a Napoli ospite del format Festival che si terrà Jenn Morel è nata nella Repubblica Dominicana e all'età di 6 anni si è trasferita negli Stati Uniti con tutta la famiglia. Fin da piccola, però, Jenn Morel ha sempre avuto la passione per il mondo dello spettacolo anche se gli inizi sono stati come cubista a New York, Jenn si è esibita in alcune discoteche importanti della città come il Pacha, il Webster Hall il Finale e il Griffin.
Con Ponteme, suo primissimo singolo, Jenn Morel ha conquistato una fama a livello internazionale."

Sabato spazio al Markett Legends con personaggi diventati “Leggenda”. La musica e i personaggi che hanno scritto la storia di sempre animeranno il format che sta conquistando l'Italia, e che torna finalmente a Napoli. Un grande successo per il format rivelazione dell'anno, uno show che celebra miti e leggende della cultura pop internazionale, e del cinema di tutte le generazioni.

Il Club Partenopeo è un punto di riferimento storico della night life partenopea, che registra, da sempre, numeri da capogiro durante i propri live, serate private ed eventi musicali di tendenza.

Atmosfera, dettaglio, creatività e passione, sono gli elementi alla base di ogni party al Club Partenopeo, un unico locale in grado di ospitare e creare party di ogni genere, dalla musica elettronica, dance, techno e reggaeton, fino a concerti, spettacoli, cabaret e cene spettacolo.

Addii al celibato, feste aziendali, addii al nubilato, cerimonie privati tra amici e parenti, feste di laurea, matrimoni, diciottesimi ed eventi personalizzati, eventi cuciti su misura per qualsiasi cliente è il pane quotidiano per lo staff del club.

20:56 20/02

di Redazione

Commenta

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno