Mercoledì 14 Novembre 2018 - 8:24

Essere genitori nel terzo millennio tra social, fake news e nuove ansie

NAPOLI. Quali sono le nuove responsabilità degli adulti nel mondo di Internet, dei social e delle fakenews? Quali i bisogni degli adolescenti e dei giovani nella società dell’ansia e della famiglia allargata? Ricette  non ce ne sono, ma si può provare a trovare qualche risposta con l’aiuto di chi segue con attenzione i cambiamenti in corso. Domani alle 17,30 a Palazzo San Teodoro, Riviera di Chiaia 281, ci si confronta sul tema “Essere genitori nel terzo millennio”. Ne parlano lo psicoterapeuta Michele Rossena (nella foto), il giornalista Fabio Postiglione e Alessandra Bocchino, del Progetto scuola Itaca, per offrire diversi punti di vista in un incontro pubblico che sarà coordinato dalla giornalista Armida Parisi. Aprono i lavori Francesco de Giovanni di Santaseverina e Domenico Ciruzzi, presidenti, rispettivamente, della Prima Municipalità e della Fondazione Premio Napoli. L’iniziativa, infatti, è maturata in seno alla Consulta Pari Opportunità della Prima Municipalità, sollecitata dalla lettura dei tre romanzi finalisti al Premio Napoli: “Ipotesi di una sconfitta” di Giorgio Falco; “Leggenda privata” di Michele Mari e “Mio padre la Rivoluzione” di Davide Orecchio. Scritti da autori diversissimi per formazione e linguaggio, sono sorprendentemente legati da un tema comune: la mancanza del padre come punto di riferimento. E se la letteratura registra quelle che sono le correnti sotterranee del nostro vissuto, allora scrivere e leggere libri non è un’azione fine a se stessa ma un modo per comprendere meglio il presente. 

18:23 15/10

di Redazione

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici