Mercoledì 12 Dicembre 2018 - 4:28

La scossa “rovescia" le casette

Tanta rabbia, indignazione e qualche polemica

Tanta rabbia, indignazione e qualche polemica. Sui social è bufera dopo la scossa di magnitudo 4.6 che stamattina ha colpito la zona di Muccia, Pieve Torina e Pievebovigliana, in provincia di Macerata. Alcune delle persone che vivono nelle casette Sae, le soluzioni abitative in emergenza, hanno denunciato su Facebook i danni subiti all'interno delle abitazioni, con mobili e pensili crollati a terra in seguito alle scosse.

"Sae: sistemazione autonoma di emergenza, scatoloni dove bisognerebbe sopravvivere sicuri - scrive in un post Antonella Paganelli -. Sappiamo quanto sono costate, il doppio di una villa fatta bene (dalle nostre parti), ecco il risultato dopo una scossa 4,7 in una casetta, dentro la casetta e fuori dalla casetta".

A farle eco Riccardo Pompei, che sempre su Facebook ha pubblicato delle foto con diversi pensili sparsi a terra: "Provate a immaginare se fosse successo intorno a questa ora con i bambini già alzati" denuncia. E poi ancora, mostrando un'altra foto, scrive: "Sae arredate da 2-3.000 Euro /mq alla prima scossa importante. Vergogna".

In pochi minuti il post ha sollevato diverse polemiche tra gli utenti. "Leggendo i commenti credo che la colpa non sia della casa Sae ma di come siano stati fissati i mobili - scrive qualcuno - forse con qualche accorgimento in più come ad esempio le sbarre fissate meglio e più forti al movimento non sarebbe accaduto".

"Che c'entrano le case - commenta Vale - lì non ha tenuto la piastra che tiene il mobile...mah". "Evitiamo sti commenti superficialotti, please" chiosa qualcun altro. Fabio invece precisa: "Mi intendo un po' di mobili e da quello che vedo la stecca reggi pensili è fissata solo con due stop e non ha retto, comunque mi spiace per l'accaduto".

"Vergogna per un pensile? - rimarca Sonia -. Ma ringraziamo di avere un tetto sulla testa che ce chi ancora sta in camper". Più tranchant Stefano: "In una zona ad alto rischio sismico la scossa non è sfortuna, ma invece la superficialità di chi ha certificato quelle Sae credo possa definirsi disonestà".

13:43 10/04

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno