Martedì 17 Luglio 2018 - 23:10

Nuovo studio sul cancro al polmone e mesotelioma

I risultati della ricerca di Università di Siena e Sbarro Institute, in collaborazione con il Pascale di Napoli

Il cancro al polmone e il mesotelioma potrebbero in futuro essere controllati attraverso strategie terapeutiche condotte con farmaci mirati a inibire la proteina Akt e quindi a riattivare l'attività di oncosoppressore della proteina Rbl2/p130. È la conclusione a cui giunge lo studio diretto dal professor Antonio Giordano del dipartimento di Medicina, chirurgia e neuroscienze dell'Università di Siena e Sbarro Institute della Temple University di Philadelphia, in collaborazione con ricercatori dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli, Fondazione G. Pascale. Lo studio, appena pubblicato in America sull'autorevole rivista "Oncogene" e finanziato dall'Associazione Italiana per la Ricerca sul cancro (Airc) e dal Ministero della salute, ha dimostrato come in linee cellulari l'inibizione attraverso la molecola Akt Inhibitor VIII della proteina Akt, la cui presenza è determinante nella proliferazione delle cellule tumorali, possa favorire la stabilità e la localizzazione nel nucleo della cellula del citato oncosoppressore Rbl2/p130, andando a ridurre la vitalità delle cellule tumorali. Nella sperimentazione, infatti, la disattivazione farmacologica della proteina Akt ha provocato l'arresto del ciclo cellulare e la conseguente morte delle cellule di cancro polmonare e mesotelioma.

«Abbiamo scoperto che il silenziamento di Rbl2/p130 riduce fortemente la morte cellulare indotta mediante il blocco di Akt, identificando così un ruolo cruciale di Rbl2/p130 nel determinare il destino cellulare in seguito alla inibizione di stimoli oncogenici. L'inibizione di Akt, infatti, funziona in sinergia con inibitori delle chinasi ciclina dipendenti, anch'essi in grado di riattivare il potenziale oncosoppressore di Rbl2/p130», affermano Francesca Pentimalli, primo autore dello studio, e Giordano. «Riteniamo - ha concluso il professor Giordano - che questa potrebbe essere una strategia antitumorale molto promettente: sia gli inibitori di Akt che di Cdk sono due classi di farmaci attualmente in fase di sperimentazione clinica, mirata ad altre patologie. Il nostro studio si è incentrato principalmente sul cancro al polmone e sul mesotelioma ma potrebbe essere valido anche contro altri tipi di tumore». È stato lo stesso professor Giordano a individuare e clonare nel 1993 il gene oncosoppressore, l'Rbl2/p130, la cui funzione è di primaria importanza nel ciclo cellulare, controllando la corretta replicazione del Dna e prevenendo, essenzialmente, l'insorgenza del cancro. 

15:29 3/04

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis