Mercoledì 14 Novembre 2018 - 7:52

Boss morto in carcere, disposta l'autopsia

Giacomo Zeno è deceduto a Cuneo, dove era recluso al regime del 41 bis

di Carla Cataldo

ERCOLANO. È morto nel carcere di Cuneo dove era recluso al regime del 41 bis, Giacomo Zeno, cinquantacinquenne boss del cartello criminale dei Birra-Iacomino. Giacomo Zeno è l’uomo che per oltre un decennio ha fatto parte del clan della Cuparella, con un ruolo apicale nel clan e il supporto del fratello Stefano - anche lui recluso al 41 bis - braccio destro e cognato del padrino del sodalizio criminale, Giovanni Birra (che si trova al carcere duro nel penitenziario di Sassari). Giacomo Zeno è deceduto stroncato probabilmente da un infarto martedì. Per accertare le ragioni dell’improvvisa morte è stata disposta l’autopsia. Uomo di punta del clan Birra-Iacomino e - secondo la Dda - artefice del patto mafioso tra il suo clan, i Gionta e i Lo Russo, Zeno secondo gli inquirenti avrebbe preso parte a diversi fatti di sangue avvenuti nella città degli scavi e non solo. 

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE

11:45 17/10

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici