Lunedì 21 Gennaio 2019 - 21:01

Nei vicoli è una polveriera: è guerra per il pizzo di Natale

I Mazzarella attaccano i Sibillo per arrivare ai Contini. Dopo la bomba ai Decumani si teme una risposta della cosca dell'Arenaccia

di Bruno Pavone

NAPOLI. È una guerra su più fronti quella che si sta giocando nella zona del centro di Napoli.  La bomba che ha scosso il quartiere e che ha portato alla distruzione di una saracinesca di articoli sacri nel cuore dei Decumani è il segnale che qualcosa di è rotto nelle alleanze. Riguarda soprattutto le estorsioni. Non tanto le piazze di droga che sono bene divise tra i gruppi camorristici ma il pizzo e in partciolare quello legato alla rata di Natale. Innanzitutto al centro ci sono due blocchi. Uno legato ai Mazzarelle e uno che fa capo ai Sibillo-Giuliano che si sono alleati con i Contini. Sono loro ad essere stati attacati due notti fa, perché la bomba è esplosa in vico Santissimi Filippo e Giacomo. Lì nel bunker del clan Sibillo, a pochi metri dall’appartamento dei fratelli Lino (che è in carcere) ed Emanuele che invece è stato ucciso e ricordato in una cappella votiva con un mezzo busto. I Contini avrebbero chiesto il pizzo anche in zone dei Mazzarella e questo avrebbe generato una crisi tra le due cosche che invece si erano divisi il quartiere. Dopo le tensioni con i fuoriusciti dei Giuliano, ovvero i De Martino, la situazione pareva essere tornata alla tranquillità, e invece no.

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE

12:43 10/12

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici