Martedì 16 Ottobre 2018 - 16:06

Omicidio Materazzo, Luca in aula: «Non sono il mostro di Firenze»

Prossima udienza il 25 ottobre

NAPOLI. «Non sono il mostro di Firenze. Non mi sentivo al sicuro, neppure nella casa dove abitavo, dove tutti potevano entrare». Così Luca Materazzo durante l'udienza del processo che lo vede imputato per l'omicidio del fratello Vittorio, assassinato il 28 novembre del 2016, a Napoli, davanti l'abitazione di famiglia. «Non volevo mettere in pericolo i miei amici, per questo sono andato via», ha continuato. Luca Materazzo ha poi sostenuto la sua estraneità ai fatti, cercando di dare spiegazioni sul suo profilo genetico trovato, in particolare su un coltello e su un casco, che sarebbero stati usati dall'assassino. La prossima udienza è stata fissata per il 25 ottobre. Intanto la Polizia Scientifica oggi in aula ha confermato quanto scritto nella perizia e cioè di aver isolato il profilo genetico sia della vittima sia dell'imputato, in taluni casi sovrapposti, sui reperti acquisti dell'omicidio. Tracce di Dna di Vittorio e di Luca sono stati trovati anche su molti altri reperti, come il casco di cui l'imputato aveva denunciato il furto e, come il coltello, trovati in alcune buste in un vicolo vicino al luogo del delitto. Sono state rilevate tracce anche di altri profili genetici.

16:11 11/10

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano