Mercoledì 12 Dicembre 2018 - 5:04

San Giovanni, agguato contro il cognato del boss D'Amico

I due killer cadono dalla moto e sbagliano la mira. Subito dopo due stese al rione Villa, bunker dei Reale

di Luigi Sannino

NAPOLI. Dopo “stese”, minacce, dimostrazioni di forza e muscoli, a San Giovanni a Teduccio c’è scappato il ferito: Giovanni Salomone, 50enne cognato dei fratelli boss D’Amico di via Nuova Villa (Gennaro, Salvatore “o pirata” e Luigi) e anch’egli esponente di spicco della mala del quartiere. Ma i sicari del clan Rinaldi-Reale, almeno secondo l’ipotesi prevalente tra gli investigatori, avrebbero sparato per uccidere e soltanto per la grande prontezza di riflessi della vittima  non ci sono riusciti. L’uomo è stato centrato a un braccio da un proiettile entrato e uscito: guarirà in 30 giorni secondo i medici del Loreto Mare, che lo hanno ricoverato per precazione. Se l’è cavata bene perché contro di lui sono stati esplosi ben 7 proiettili, ma i killer sono caduti dalla moto e si sarebbero rifugiati in un palazzo della zona. Venti minuti circa dopo l’agguato, compiuto in corso Protopisani, si sono verificate due “stese” con spari a salve tra via Sorrento e via Ravello nel rione Villa. Per gli investigatori non ci sono dubbi che si sia trattato di “risposte” dei D’Amico, storicamente alleati dei Mazzarella con base in corso San Giovanni a Teduccio. 

CONTINUA A LEGGERE SUL ROMA IN EDICOLA O SUL GIORNALE ONLINE

13:40 14/04

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno