Martedì 23 Ottobre 2018 - 9:06

«Ero abusivo, adesso sono napoletano legalmente»

Il sindaco di Napoli ha conferito la cittadinanza onoraria al filosofo

NAPOLI. «Fino a questo momento ero un abusivo napoletano, adesso invece lo sono legalmente e questo mi tranquillizza». Queste le parole del professor Aldo Masullo, in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria di Napoli. «Questa giornata mi è particolarmente cara - conclude il filosofo - perché è come la manifestazione esplicita del rapporto che dopo cinquant'anni e più di ospitalità si è stabilito tra me e la città. La città che io vedo sempre in pericolo e sempre sul punto di salvarsi e vorrei che tutti lavorassimo insieme per salvarla».

«Masullo è per tutti un faro, un punto di riferimento nei momenti più difficili, abbiamo verso di lui un grande sentimento di riconoscenza e di gratitudine». Così l'assessore alla Cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele. «È stato - conclude - cme deve essere un filosofo, un puro, anche con le sue critiche ma sempre volte a migliorarci tutti».

«Masullo per la sua storia di pensatore, di filosofo, di giurista e anche per il suo pensiero politico che per anni ha attraversato la nostra città, meritava un riconoscimento formale, essendo di fatto di Napoli». Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. «Un pensatore critico - osserva il primo cittadino - con il quale ci siamo confrontati spesso sulla città e credo che sia importante mettere insieme etica, filosofia e impegno civile». «Credo - conclude - che questo sia il messaggio forte che si può dare ai giovani».

17:04 8/06

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis