Venerdì 22 Settembre 2017 - 20:56

Pietro Golia, una vita in difesa del Sud

Nemico mortale della dittatura del pensiero unico relativista e di tutti i conformismi, il giornalista ed editore di Controcorrente lascia un vuoto incolmabile nella cultura meridionale

di Vincenzo Nardiello

 

Chi lotta non muore. Mai. La cultura napoletana e meridionale piange uno dei suoi figli migliori. Pietro Golia ha intrapreso il viaggio verso la luce alla sua maniera: mentre era intento a lavorare al suo posto di combattimento. Era alla scrivania nell’ufficio della sua creatura più bella, la casa editrice Controcorrente, quando un malore lo ha sottratto all’affetto della famiglia e dei tantissimi amici che con lui hanno condiviso una vita di battaglie culturali e politiche in difesa del Sud.

Uomo d’incredibile generosità, cattolico impavido animato da un’incrollabile fede, impegnato da sempre sul fronte del meridionalismo e della Tradizione, Pietro Golia, 66 anni vissuti arditamente e senza risparmio alcuno, non ebbe mai paura di dispiacere al mondo, prendendo sempre posizioni coraggiose, culturalmente e politicamente scorrette. Spesso sfidando lo spirito del tempo.

Vicino alla destra, ma nemico mortale della dittatura del pensiero unico relativista e di tutti i conformismi, uomo di cultura poliedrica, meridionalista appassionato e appassionante, a chi gli chiedeva da quanto tempo esistesse la sua casa editrice Golia amava rispondere che «Controcorrente esiste da sempre. È lo spirito della tradizione, il paese ribelle, è la grande cultura del Sud». Prima, molto prima che la grande stampa si accorgesse delle tante pagine nere del Risorgimento, Golia fu il primo a scoperchiare il pentolone puzzolente dei lager dei Savoia dove furono deportati i soldati borbonici, dell’invasione del Sud spacciata per lotta di liberazione, dei massacri che ne seguirono e del ruolo assunto dai cosiddetti briganti e brigantesse. Profondo conoscitore della sua terra, era convinto che la sfida globalista si dovesse combattere al tempo stesso con la controrivoluzione locale e con un’opposizione su vasta scala alla turbofinanza, quella che nega l’economia reale e il lavoro produttivo, il sudore della fronte con il quale gli uomini costruiscono e realizzano se stessi. È stato proprio un uomo d’altri tempi Golia, l’alfiere di una cultura del sacrificio e della conoscenza, contrapposta allo svuotamento valoriale del potere del denaro e della tecnica.

Fiero avversario dell’intellettualismo illuminista e dell’egemonia anglosassone, l’editore di Controcorrente era innanzitutto un giornalista. Sempre attento alla realtà che lo circondava, pronto a coglierne i mutamenti e a criticarne senza sconti gli aspetti che non lo convincevano.

Pietro era così, sempre avanti; consapevole che nessuna innovazione è possibile se non all’interno della tradizione, ovvero di ciò che è permanente in una società.

Assieme alla sua casa editrice è stato la punta di diamante di un fronte del rifiuto del dominio turbofinanziario e dei comitati d’affari nazionali e internazionali che alimentano e moltiplicano le crisi, spappolando le Nazioni e rendendo i popoli ostaggio dell’affarismo e della speculazione internazionale.

Indipendenza e sovranità del Sud erano i concetti fondamentali attorno ai quali ruotava la sua concezione di alternativa sociale ed etica radicale - quasi antropologica - al caos della società dei consumi e al potere della tecnocrazia, alleata di una sinistra cosmopolita e mondialista che ha da tempo rinnegato se stessa.

Pietro Golia era questo e molto, moltissimo altro. Ha camminato tanto. E ora la luce dei suoi passi illuminerà la strada di chi verrà dopo di lui.

22:06 2/02

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici