Sabato 27 Maggio 2017 - 15:52

Allarme dei geologi: adesso c’è un alto rischio di frane

Da Francia, Germania, Israele, Russia, il cordoglio espresso al capo del governo ma anche la disponibilità ad intervenire con mezzi e aiuti

Si stanno muovendo rapidamente i geologi del Consiglio Nazionale dei Geologi (Cng) che si sono messi a disposizione delle istituzioni per verificare lo stato del territorio nelle aree del Centro Italia colpite dal terremoto. "Dopo un terremoto ci sono rischi residui e rischi indotti dal sisma e, fra questi, quelli che ci preoccupano di più sono l'elevato rischio frane ed il rischio di sprofondamenti" anticipa all'Adnkronos il geologo Raffaele Nardone, raggiunto telefonicamente mentre si sta recando ad Amatrice proprio per osservare lo stato del territorio. "La Protezione Civile attiverà direttamente questi controlli, noi andiamo a sostegno delle verifiche dello stato dei territori colpiti" spiega Nardone.

"Dopo un terremoto c'è il rischio di sprofondamenti del territorio perchè nel suolo esistono cavità che vengono danneggiate a causa delle scosse. Questi danni provocano fratture nella roccia ed il rischio conseguente di vedere la terra sprofondare. Una situazione che rimanda al rischio di ulteriori crolli, ulteriori danni e possibili ulteriori vittime" spiega ancora il geologo Nardone che, come tutti i geologi del Cng, ha inviato la lettera di "messa a disposizione" presso la Protezione Civile per interventi di supporto relativi al controllo del suolo e del territorio.

A preoccupare i geologi del Cng, inoltre, è anche l'alto rischio frane dopo un sisma. "Andiamo a verificare possibili frane indotte dalle scosse. Dopo un sisma, infatti, frane in equilibrio, e rimaste tali dopo la scossa principale, possono essere riattivate sotto la sollecitazione delle ripetute repliche" spiega ancora Nardone. Le scosse di assestamento, che al momento stando ai dati dell'Ingv sono già arrivate a 470 nell'area colpita dal sisma del centro Italia, "provocano ulteriori sollecitazioni al terreno con incremento del rischio di crolli anche gravi" incalza il geologo.

Per questo, anticipa ancora Nardone, "ora andiamo ad Amatrice anche per aiutare nella verifica dello stato di stabilità di viadotti, ponti ed edifici, proprio controllando lo stato del terreno su cui poggiano queste strutture". Frane e sprofondamenti, aggiunge il geologo, potrebbero "intralciare i soccorsi e la gestione degli interventi" e la "Protezione Civile avvierà l'attività di verifica del territorio con ingegneri, architetti ed esperti e noi siamo pronti ad affiancarli".

 

Sono diversi i messaggi di solidarietà e di cordoglio che cominciano ad affluire a palazzo Chigi da altri governi esteri per le vittime del terremoto di questa notte. E non mancano neanche i messaggi di disponibilità ad intervenire nei soccorsi, se necessario.

Tra i molti che hanno fatto pervenire la loro vicinanza all'Italia, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande, il primo ministro olandese Mark Rutte e quello maltese, Joseph Muscat, il presidente russo Vladimir Putin, il primo ministro d'Israele, Benjamin Netanyahu e il leader socialista spagnolo, Pedro Sanchez.

La Germania offre inoltre aiuto all'Italia colpita dal terremoto. "Ho ricevuto con orrore le notizie dall'Italia sul terremoto di stanotte - si legge in un comunicato diffuso dal ministro degli Esteri tedesco, Frank Walter Steinmeier - in questo momento di lutto e solidarietà siamo a fianco dei nostri amici italiani. Siamo pronti a offrire aiuto se necessario".

Solidarietà arriva poi dal portavoce della cancelliera Angela Merkel: "I nostri pensieri sono rivolti ai nostri amici italiani e a tutti coloro che sono stati colpiti dal terremoto" scrive Steffen Seibert su Twitter.

Il presidente russo Putin ha inviato al premier Matteo Renzi un telegramma di condoglianze per "la perdita di vite umane a seguito del devastante terremoto nelle regioni centrali d'Italia". Nel telegramma, rende noto il sito del Cremlino, Putin "condivide il dolore del popolo amico italiano" ed esprime la "disponibilità a rendere l'assistenza necessaria a seguito del disastro".

13:49 25/08

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto