Venerdì 22 Settembre 2017 - 20:03

Rigopiano, trovato corpo privo di vita: è la sesta vittima

È un 22enne senegalese che lavorava nell'albergo. Ora i dispersi sono 23. La forza della valanga come 4mila tir carichi

PESCARA. Individuato il corpo "purtroppo privo di vita di uno dei dispersi" dell'Hotel Rigopiano, travolto mercoledì da una valanga. È quanto si legge sul profilo ufficiale Twitter dei Vigili del Fuoco. Si tratat di Faye Dame, 22 anni, originario del Senegal, che lavorava nell'albergo. Un ritrovamento che porta a 23 il bilancio dei dispersi, che in mattinata era stato aggiornato a 24 dalla Prefettura di Pescara: ''È stata segnalata da una delle persone salvate - riportava la nota diffusa in mattinata - la possibile presenza all’interno della struttura, al momento dell’evento, di un ragazzo senegalese lavoratore dell’albergo''.

''Resta invariato il numero delle persone salvate: 9 oltre alle due persone raggiunte nel primo momento" riportava ancora la nota. Al momento, dopo il ritrovamento dei Vigili del Fuoco, il numero delle vittime sale a 6.

Operazioni di ricerca e soccorso senza sosta, sia all'interno dell'hotel che all'esterno: "Su due fronti opposti, da un lato i Vigili del Fuoco stanno avanzando all'interno della struttura lungo il percorso che ha consentito il ritrovamento dei 9 superstiti. Le difficoltà consistono nella necessità di aprire varchi attraverso murature di elevato spessore per accedere ai locali successivi".

Al momento, ha affermato all'Adnkronos Walter Milan del Soccorso Alpino, "continuiamo a lavorare: sono impegnati 60 uomini del Soccorso Alpino e ieri sera sono arrivati rinforzi dall'Alto Adige e dal Sud Tirolo, in tutto una quindicina di uomini. Il tempo è brutto, ha nevicato tutta la notte, c'è poca visibilità''. Ma si cercherà di "aprire nuove vie di accesso all'edificio: noi del Soccorso Alpino davanti per sondare il fronte della valanga e dietro di noi Vigili del Fuoco ed Esercito. C'è un clima di grande collaborazione''.

La valanga che si è abbattuta sull'Hotel Rigopiano al momento dell'impatto - apprende l'AdnKronos - aveva raggiunto una massa pari circa 120mila tonnellate con una velocità di circa 100 km/ora. Ad elaborare i dati provvisori di dimensione e forza di impatto della valanga sono stati i Carabinieri forestali del servizio Meteomont a seguito di specifici sopralluoghi. L'inclinazione del pendio è di 35 gradi, il peso pari a 40-60mila tonnellate. La velocità iniziale compresa tra 50 e 100 km/ora, la pressione pari a 50-270 newton. Si tratta di una massa, spiegano i Carabinieri forestali, pari a 4.000 tir a pieno carico. Lo scorrimento avviene per 2 km, la zona di accumulo è di 800 metri per 100 metri di larghezza. Lo spessore è di 4 metri per circa 300.000 Mc e un peso di 400 kg per mc pari a 120.000 tonnellate al momento dell'impatto.

14:21 22/01

di Redazione


Inserisci un commento

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici