Venerdì 14 Dicembre 2018 - 21:04

Miracolo di Donnarumma su Milik al 92', solo un pari del Napoli con il Milan

Partita difficile per gli azzurri che avrebbero potuto vincere nel finale

MILANO. Il Napoli ha lasciato a San Siro due punti forse decisivi nella lotta per lo scudetto. Il "centenario" Donnarumma ha salvato in extremis il pareggio. La squadra di Gattuso nella ripresa ha subito, ma ha resistito e il risultato lo ha tenuto in corsa per l'Europa. La partita e' cominciata bene per il Milan, molto aggressivo. Dopo un quarto d'ora e' venuto fuori il Napoli che ha cercato di approfittare di qualche smagliatura rossonera, ma senza reali risultati. Insomma, un equilibrio piuttosto barboso fra squadre che hanno puntato soprattutto a non perdere. Una partita piu' ragionata che giocata spavaldamente e del resto il risultato era decisivo per le sorti di Milan e Napoli che forse hanno pensato di risolverla nella ripresa. Quasi tutte le partite si risolvono spesso nella ripresa grazie ai cambi, agli errori, alla stanchezza. Questa no, anche se il Napoli ha gettato la maschera, creando parecchie occasioni, ma non riuscendo a colpire: la difesa rossonera ha resistito ai tentativi di Insigne e Milik. Il Milan ha avuto nel finale il coraggio e la forza di chiudere l'avversario nella sua area. E cosi' gol non ce ne sono stati: peggio per il Napoli, che per i rossoneri. Il Milan con questo pareggio non ha fatto l'importante passo avanti verso la Champions in cui sperava, ma ha dato una mano alla Juve che ha visto il suo antagonista Napoli, nella lotta per lo scudetto, praticamente fermo in vista dello scontro diretto di domenica prossima. La squadra di Gattuso ogni tanto incespica, ma fondamentalmente sta andando bene. Quella di Sarri, che aveva gia' corso un grave pericolo col Chievo, dopo il pareggio col Sassuolo, ha fatto stavolta un altro mezzo passo falso che potrebbe essere decisivo.  

Eppure il Milan aveva perso la sua coppia centrale difensiva Bonucci-Romagnoli (Zapata-Musacchio) e aveva cambiato centravanti, rivolgendosi inizialmente a Kalinic, mentre Sarri aveva recuperato Albiol e Jorginho. Maggio aveva sostituito lo squalificato Mario Rui. Nostalgia canaglia per il Milan d'altri tempi, rappresentato da Gullit, Virdis, Baresi, Filippo Galli, grandi ex presenti a San Siro: hanno ricordato i Milan-Napoli con Maradona ecc. e hanno celebrato la centesima presenza in A del baby Gigio Donnarumma (a soli 19 anni e rotti). Le vecchie glorie rossonere hanno visto un Milan subito arrembante, manovriero, anche pericoloso. Per una decina di minuti Bonaventura, Suso, Kalinic, lo stesso Calhanoglu, hanno portato concrete insidie a Reina, bravo e sicuro in diverse circostanze. Ma le conclusioni non stano state efficaci. Dopo un quarto d'ora si e' svegliata la squadra di Sarri che ha creato qualche azione da gol: attivi Insigne, Callejon, lo stesso Hamsik, ma gol non se ne sono visti. Anzi se n'e' visto uno, per il Milan, al 39': Calhanoglu ha tirato dal limite, Reina (futuro portiere rossonero) ha respinto e Musacchio ha insaccato, ma in offside. Qualche errore della difesa rossonera ha messo a repentaglio la porta di Donnarumma, ma gli attaccanti del Napoli (Insigne, Callejon) non ne han saputo approfittare. Vogliamo dirla tutta? C'erano punti pesanti in palio e le due squadre han preferito non rischiare eccessivamente. Facile parlare di equilibrio. Noi diremmo paura. Almeno nel primo tempo. Insigne e Hamsik hanno creato un'occasione d'oro per il Napoli sulla sinistra: la palla dello slovacco ha ballato perpendicolarmente alla linea e nessuno ha insaccato. Insomma, Napoli piu' insidioso. 

Suso ha sparato di sinistro alto dalla sua mattonella preferita. La squadra di Sarri ha preso in mano le redini del gioco. Ma il Milan non si e' fatto travolgere, creando anzi qualche azione pericolosa. Son cominciati i cambi: Milik e Zielinski al posto di Mertens e Hamsik (niente centesimo gol) nel Napoli. Gattuso ha fatto entrare Andre' Silva per Kalinic, poco convincente in fase risolutiva. Il Napoli si e' riversato nella meta' campo rossonera, ha lottato, ha cercato l'occasione, ma il Milan ha resistito bene, anche se non e' riuscito ad andare avanti per allentare la morsa avversaria. Quando i rossoneri hanno conquistato la palla, hanno cercato di tenerla lontano dalla propria area. Bonaventura ha lasciato il posto a Locatelli. Insigne da sinistra ha controllato e ha sparato, Donnarumma ha respinto. Poi il Milan ha schiacciato l'avversario in area, ha avuto un'occasione con Suso, ma l'ultimo assalto e' stato del Napoli. Donnarumma sul filo del traguardo, per la sua centesima partita, ha salvato il pareggio su un tiro di Milik da pochi metri. La squadra di Sarri contro il Chievo era riuscito a ribaltare il risultato in extremis. Stavolta non vi e' riuscito. Ed e' finita con un mischione: son volate parole grosse, com'e' facile immaginare. Addio scudetto? 

17:03 15/04

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno