Mercoledì 12 Dicembre 2018 - 14:48

Berlusconi e le giuste revisioni storiche

Opinionista: 

Gerardo Mazziotti

Intervistato da Giovanni Floris nel corso del suo programma su La7, il fondatore di “la Repubblica” Eugenio Scalfari, dopo decenni di battaglie nel campo anti-berlusconiano, di fronte alla scelta Di Maio-Berlusconi ha detto «Voterei Berlusconi perchè è una persona intelligente». Mai immaginando di provocare l’indignazione del suo stesso giornale e degli antiberlusconiani irriducibili come Zagrebelsky, Flores d’Arcais, la Bonsanti, Travaglio, Serra, Maltese, Montanari…. Solo gli imbecilli non cambiano opinione. E Scalfari è tutt’altro che imbecille. Tuttavia non si può dimenticare la diffamazione sistematica di cui Berlusconi è stato fatto oggetto per vent’anni dai giornali di proprietà di Carlo De Benedetti, suo nemico personale. Ricordo le diecine di copertine diffamatorie e denigratorie dell’Espresso, dedicate all’Uomo Nero di Arcore Cito solo la copertina n° 22 del 30 maggio 1996 con l’immagine sorridente della pm milanese Boccassini e con la scritta “Forza Ilda, la donna che incastra Berlusconi e Previti”. Con chiaro riferimento al processo Sme- Ariosto finito in Cassazione con l’assoluzione piena di tutti gli imputati. A cominciare proprio da Berlusconi e Previti. Un flop clamoroso. E non sono imbecilli nemmeno i giornalisti di “Venerdì di Repubblica”. Il settimanale del 4 agosto scorso ha pubblicato a pagina 36 l’ articolo di Oriana Liso “A Basilio sono tutti ricchi”. E mi ha colpito questo passaggio: “Il motivo di tanta ricchezza concentrata? Ha un nome evocativo e un logo, quello del biscione: nel territorio del comune di Basiglio, infatti, rientra Milano 3, il sogno immobiliare di Silvio Berlusconi degli anni Settanta, perfezionato rispetto a Milano 2. Non un semplice quartiere: l’80% dei residenti dell’intero comune vive tra i prati, i laghetti e i viali perfetti del centro residenziale costruito per essere la città ideale (o quasi). Oltre ai 15 ettari di Milano 3 a Basiglio c’è ben poco”. Su suggerimento di Bruno Zevi andai a visitare nel maggio 1980 questo insediamento abitativo, fatto di belle case (una rarità) immerse nel verde, senza auto né motorini ma solo biciclette, alberi, prati e laghetti, tanto sole e niente rumori. Ne restai ammirato e ne scrissi su alcune riviste di architettura tutto il bene che merita. Dopo la discesa in campo di Berlusconi i giornali di De Benedetti ne scrissero invece tutto il male possibile e definirono Berlusconi “un palazzinaro senza scrupoli, come il napoletano Ottieri”. Un giudizio ingiustificato, dettato solo dal livore verso un personaggio che si era permesso di fare anche politica e di diventare addirittura presidente del Consiglio. Se i palazzinari italiani, che hanno messo “le mani sulle città”, avessero seguito l’esempio di Berlusconi il Bel Paese avrebbe oggi un aspetto ben diverso dalla gigantesca discarica dell’edilizia spazzatura in cui è stato trasformato. Misi in evidenza un fatto straordinario: era la prima volta (è rimasta l’unica) che un costruttore applicava il punto dottrinario n° 62 della Carta di Atene del 1932 di LeCorbusier: “Il pedone deve potere usare strade a lui riservate, diverse da quelle destinate alle auto da ubicare nel sottosuolo, e ciò costituisce una riforma radicale del traffico urbano”. . Lo stesso “Venerdì di Repubblica” del 4 agosto ha pubblicato a pagina 46 l’articolo di Giacomo Papi: “Sapore di mare dove il mare non c’è” nel quale si legge tra l’altro “Le piscine di Milano sono la traccia dell’acqua invisibile che continua a scorrere sotto le strade. Le più grandi e grandiose furono costruite dal fascismo come risarcimento implicito per la scomparsa dei navigli che venivano coperti negli stessi anni. C’entrava il culto del corpo di Mussolini, certo, e l’invenzione del tempo libero (…) Milano è la città che nuota da sempre”, dice Paola Vercelli che dirige tre delle piscine più importanti, la Bacone, la Cozzi e la Romano, in perfetto stile fascista”. In un momento in cui registriamo rigurgiti antiberlusconiani e antifascisti prendiamo atto con piacere di queste revisioni storiche.

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno