Venerdì 19 Ottobre 2018 - 3:06

Il paese è spento Serve una scossa

Opinionista: 

Amedeo Laboccetta

Il centrodestra così come lo abbiamo visto e conosciuto in questi anni non esiste più. La società liquida sta sciogliendo quasi tutto con una velocità fulminante. Appare come un processo inarrestabile e provoca paure e sconforto. Ma occorre reagire. Mentre Silvio Berlusconi lancia proclami di rifondazione nei quali il primo a non credere è proprio lui, Matteo Salvini continua la sua corsa in solitaria. A volte ho la sensazione che stia correndo troppo. E non sono il solo. Ma lui sa bene che il vecchio Cavaliere è sprovvisto di munizioni. Che la gente non è più disponibile ad ascoltare gli slogan e le parole d'ordine che avevano senso e valore 20 anni fa. Il leghista nazionale è superlanciato, ripeto, forse troppo, nel voler prosciugare nei prossimi mesi un'intera area di riferimento. Ma ad ogni concorrente deve sempre esser concesso l'onore delle armi. Ogni tanto l'ex premier si affaccia da un balcone, traballante, e spara un piccolo petardo. Ma non fa il minimo rumore. Si tratta di una mera illusione che permette alla sua corte di poter dire che il Berlusca è sempre in battaglia. Ma il Governo che fa? Non c'è alcun dubbio che sul tema immigrazione è riuscito a far breccia nel pancione italiano; ma ho la preoccupazione che dopo questa torrida estate assisteremo ad un autunno caldissimo. Rovente. La moneta non circola, le imprese sono in grande affanno. I giovani laureati, soprattutto quelli meridionali, continuano ad espatriare. Con un ritmo che fa veramente paura. Quelli che restano son sempre più tristi. Grigi, spenti. L'Italia appare sempre più come una nazione che sta perdendo il suo sorriso, sempre più chiusa in una morsa rinunciataria. E quel che è più grave è il rischio di smarrire la sua identità. L'Italia si sta facendo arrugginire l'anima. Nel tempo della mediocrità c'è poco da stare allegri. Ma tutti, e dico tutti, abbiamo il dovere di reagire in positivo. Di tirar fuori gli attributi. Non è più solo un problema di colori politici. È soprattutto un fatto culturale. Rimettiamoci in marcia, da sinistra a destra, per costruire un pensiero nuovo. Un pensiero che riesca efficacemente a combattere questa cappa di negatività che ci assale quasi quotidianamente. Mi vien di dire: “giù dalle brande”. Non possiamo permettere che una nazione con la nostra storia possa perdere punti in tanti campi. Tocca innanzitutto agli uomini di cultura lanciare un messaggio di freschezza e creatività per gli italiani. Un messaggio di speranza e prospettiva lungo almeno 50 anni. Se ci affidiamo solo alla politica che oggi offre il mercato non si va oltre il quotidiano. Al massimo mezza legislatura. E questo discorso riguarda tutti noi che in questi ultimi 20 anni ci siamo cimentati in politica. Favorire un vero processo di rinnovamento non significa abbandonare il campo. Bensì porsi con serietà in panchina per offrire in spirito di servizio buoni e soprattutto disinteressati consigli. Chi scrive, nel suo piccolo, ha scelto e sta operando in questa direttrice. Ed ha ritrovato sorriso, creatività, e forse, me lo si passi, una nuova giovinezza.

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli