Martedì 25 Settembre 2018 - 14:35

Troppa paura di perdere dopo la botta con la Roma

Opinionista: 

Italo Cucci

La Juventus è sola al comando. Di un punto, ma deve recuperare una partita. Dybala è tornato in Europa e in Italia. Ha voglia di mondo. Si vede.
Mentre altrove si perde tempo. Inter- Napoli. Diario minimo di una vittoria buttata. Da Sarri. Il guru di Bagnoli ha mal digerito gli incredibili quattro gol della Roma e si è presentato a San Siro in festa per il genetliaco nerazzurro con un atteggiamento prudente, quasi partecipativo. Peggio che prudente, per uno che vuole lo scudetto: rinunciatario. Ma chi poteva approfittarne, l’Inter, avendo un traguardo obbligatorio, la Champions, neanche ci ha provato. E dire che Spalletti - uno che non parla a vanvera - aveva annunciato la rinascita. Ispirato da chi? Dal passato glorioso? Ma va. Inter d’annata, no, Inter dannata. A vederla cosí la pensi felice del punto guadagnato. Per un esame attendibile ci voleva un avversario importante, il Napoli si è prestato, neanche troppo severo, e il risultato è stato stupefacente: l’Inter soffre la sindrome dei 110 anni. È vecchia. È tornato Icardi, idolo della giovinezza, ma la squadra è proprio vecchia d’idee, di spirito, di muscoli, lui la chiama ma non ha risposta. Nè risponde a se stesso, quando è ora di combattere. I nerazzurri non si spostano un centimetro dalle ultime posizioni passive, esibiscono il solito tran tran, la palla gira da Handa a Miranda, poi per Gagliardini che la ridà in mezzo, alla ventura, e sbaglia, si ricomincia; il Napoli perdona (anche troppo) palleggiando sereno, quasi sfottente; l’Inter riprende il giro, prova con Perisic a sinistra, serve a poco, riprova con Candreva a destra, ne ricava il solito cross alto e inutile o peggio ancora l’incursione velleitaria. Uno s’aspetta che il Napoli, spesa tanta benevola pazienza, provi a guastare la festa. Ci prova, in ritardo, ma senza convinzione, e con il solito Insigne solitario, come contro la Roma. I sodali del Magnifico dormono. Sono più vigili i protettori di Reina, fedeli alla consegna sarriana: mai più quattro. Ma la botta romana ha evidentemente lasciato il segno e adesso comincia un altro campionato. Il tempo mi sta dando ragione: corre e vince la Juve che ormai punta al Triplete, frena incerto il Napoli che ha scelto lo scudetto. Sarà una bellissima primavera a decidere la la grande sfida.

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno