Martedì 23 Ottobre 2018 - 8:55

È un calcio orfano di leggi severe

Opinionista: 

Salvatore Caiazza

Cori razzisti, manichini con le maglie del Napoli appesi ad un ponte a Mondragone. Chiellini che provoca dopo il successo in campionato,, altri due juventini che vogliono sparare i fuochi dopo uno scudetto conquistato ai limiti della liceità. Il fratello di Higuaìn che è ricomparso con dei post stupidi dopo essere sparito per un po’ di tempo. Ma che razza di calcio è questo? Ma davvero si pensa di poter andare avanti in questo modo? C’è ne fosse stato uno di quotidiano sportivo che avesse evidenziato a chiare lettere ciò che è successo a Marassi con la conseguenza sospensione della partita per le continue offese ai napoletani. Giustamente si è magnificato il settimo tricolore della Signora dimenticando, però, la vergogna della Curva della Doria che per una gara intera ha offeso un popolo chiedendo l’intervento del Vesuvio per lavarli. Senza dimenticare gli appellativi di colerosi e terremotati. Gli episodi di Genova sono gli ultimi di una lunga serie. Ad un certo punto, però, Sarri non ce l’ha fatta più e ha sbottato contro il quarto uomo. E basta. Ma possibile che non si riesce a trovare un modo per zittire questi imbecilli che trovano allo stadio uno sfogatoio della vita pessima che vivono a casa? Prima si chiudevano i settori da dove arrivavano le offese, adesso neanche più quello. Ognuno è libero di offendere senza pagare pene. Domenica in tv si sono viste le facce di chi mandava a quel paese il presidente Ferrero mostrando anche il dito medio. Senza se e senza ma, quelle persone vanno tenute lontano dallo stadio con il Daspo. Pagheranno loro per tutti gli altri, pazienza. La prossima volta imparano a non fare i bulli pur di apparire. Naturalmente non ci saranno mai delle pene esemplari. Adesso puniranno la Samp per responsabilità oggettiva nonostante il presidente sia andato sotto la Curva a chiedere di smettere. Personalmente potrebbero anche evitare una ammenda al club doriano. Sarebbe l’ennesima figura di merda delle istituzioni calcistiche. Tornando a casa nostra, qualche buontempone ha pensato opportuno di appendere dei manchini con le maglie del Napoli e di pulcinella sotto un ponte di Mondragone, a due passi da centro sportivo di Castelvolturno. Sicuramente sarà stato qualche tifoso della Juventus visto che c’era anche uno striscione con la scritta: “Avevano un sogno nel cuore”. Uno sfottò di cattivo gusto che è da stigmatizzare. Basta passarci su dicendo che sono goliardate. Bisogna assolutamente indagare per capire chi sono stati gli autori di questo episodio. Denunciarli e farli affrontare un processo. Ci sarà una legge che possa fargli passare la voglia di prendere in giro in questo modo i napoletani. Per amor del cielo, lo sfottò ci sta. Ma è bello se resta nei limiti e non vada oltre. Altrimenti non si diverte nessuno. La verità è che qualche fan bianconero pensava di vincere facile anche questo campionato ma ha dovuto stare in ansia fino alla fine. E se non fosse stato per Orsato e la Var in Inter-Juventus, a quest’ora il tricolore era già sul petto dei giocatori di Sarri. Ma qualcuno non ha voluto così. 

Share

Commenta

Plain text

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Global tokens will be replaced with their respective token values (e.g. [site:name] or [current-page:title]).
  • Twitter-style #hashtags are linked to search.twitter.com.
  • Twitter message links are opened in new windows and rel="nofollow" is added.
  • Twitter-style @usernames are linked to their Twitter account pages.
  • Replaces [VIDEO::http://www.youtube.com/watch?v=someVideoID::aVideoStyle] tags with embedded videos.
  • Indirizzi web o e-mail vengono trasformati in link automaticamente
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis