Martedì 17 Ottobre 2017 - 13:31

Neh, ma quanto pesa ’nu tablet?

Prima di scrivere l’odierno “fattariello”, abbiamo voluto verificare di persona alcune “pesate”; così, di buon’ora ci siamo recati ai mercati generali, dove abbiamo trovato tanti poveri cristi, ca se facevane ’o mazzo tanto nel trasportare cassette di frutta e verdura avanti e indietro… pe purtà ’a zuppa a casa; abbiamo chiesto loro, quale fosse mediamente il peso di una cassetta e ci hanno risposto: 7-8 chili; poi ci siamo recati in un cantiere edile, dove abbiamo chiesto ad un “faticatore” cioè uno che “fatica veramente”, quale fosse il peso dei mattoni che trasportava per otto ore al giorno e, ci ha risposto: 6 chili. Acclarate queste pesate, ne abbiamo fatto un’altra, dopo esserci procurato una pistola (a salve), un tablet, una stampante ed un blocchetto cartaceo, ed il risultato è stato: gr. 700 circa. Mò. secondo voi, se chiediamo ad un disoccupato, se è disposto o meno, a portare addosso, magari con una tracolla, un peso di 700 grammi per circa 8 ore al giorno e con uno stipendio di 1.200/1.300 euro al mese, lui cosa risponde? Secondo noi ci dice: “Quanno pozzo accummincià?”. E, secondo noi, è la risposta più logica che potrebbe darci, considerata la moltitudine di disoccupati sparsi per il paese. Mo’ vorreste sapere perché ci siamo trasformati in “pesatori” e noi ve lo diciamo subito; sul Mattino di sabato 8 aprile, (vedete quanto siamo bravi, citiamo anche la “concorrenza”), c’era un articolo a firma di va.es., riguardante la protesta dei vigili di Napoli, relativa proprio all’eccessivo “peso” di cui farsi carico quotidianamente. Per carità, non vogliamo entrare nel merito delle loro proteste, ma vorremmo ricordare a costoro che, duemila e passa anni fa, proprio di queste giornate, in un luogo chiamato Gerusalemme, un povero Cristo, chiamato il Nazareno, da non confondere con quella caxxata del patto del Nazareno, fu costretto a portare sulle spalle, una enorme croce, il cui peso, riteniamo, fosse oltre quello di una pistola, un tablet, una stampante ed un blocchetto cartaceo; detto peso, il Re dei Giudei, lo portò addosso dal centro di Gerusalemme fino alla collina chiamata Golgota e mai lamentandosi; poi fu crocifisso e, ciononostante, pregò per noi, per l’umanità intera, anche per quelli che… invece di ringraziarlo, perché ha concesso loro di portare ’o ppane a casa, se lamentano pe’ 700 grammi di peso. Buona Pasqua a tutti. Alla prossima.

di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)

Commenta

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica