Martedì 11 Dicembre 2018 - 14:52

Nuje Simme Napulitane

“Ce piacene ’e ccanzone - quanno tramonta ’o sole - fenesta a Marechiaro - ’e trezz’e Carulina - ’o mare ’e Margellina - ’a luna mmiez’o cielo - nu fritt’e calamare - ’a luce d’’e llampare - ’a pizza margherita - cu ’a pummarola ’ncoppa - ’o sole ca ce scarfa - l’addore d’’o ccafè - e quanno è juorno ’e festa - dì chello che vuo tu - ma a tavola mia moglie - m’ha da purtà ’o rraù.”. Questo incipit all’odierno Fattariello è tratto, in parte, da una canzone scritta e cantata da noi, alcuni anni fa, in occasione della nostra partecipazione al programma di Rai 1 “Napoli prima e dopo”. Erano gli anni in cui il “buon” Matteo cantava “senti che puzza, scappano anche i cani, stanno arrivando i napoletani”. E noi ci togliemmo lo sfizio di sbeffeggiarlo a livello nazionale, citando negli altri versi che non abbiamo riportato, tutti i nostri luoghi comuni: alla puzza salviniana contrapponemmo la fragranza del ragù, alla tristezza della nebbiosa e nebulosa padania, rispondemmo con il sole, il cielo, il mare e quant’altro fa grande la nostra Terra, parlammo di serenate, del nostro parlare a voce alta, del gustarci la controra, del dare appuntamenti con orari approssimativi tipo: ci vediamo verso le dieci, a via ’e ddiece, ’e ddiece ’e ddiece e meza, ’a vutata ’e ddiece, attuorno ’e ddiece, ’a primma matina, sotto miezijuorno, ’a calata ’o sole e via di seguito e… dopo aver stigmatizzato questi nostri stupendi “pregi”, rammentammo al bauscia Matteo che, mentre Milano nel marzo 1848, impiegò 5 giorni per affrancarsi dal dominio austriaco, noi di giorni ne impiegammo solo 4 per mandare a fa ’nculo i tedeschi: ecco, questo siamo noi con i nostri pregi e difetti; e le nostre donne non sono da meno; esse ad esempio, quando al mattino ci chiedono “oggi che vuò mangià?”, noi con la fretta che ci opprime, perché ci ha chiamato il direttore della banca, sull’uscio di casa rispondiamo vagamente “fa ’na bella pasta e fagioli”, ben sapendo che, al rientro a casa, troveremo tutt’altro, grazie alla signora della porta accanto, can nun se fa mai i cacchi suoi, ed ha convinto la nostra consorte ad optare per un frettoloso spaghetto al pesto; noi siamo quelli che, appena seduti a tavola e suona il telefono esclamiamo “ma chiste a casa lloro nun mangiano??”. Noi siamo fatti così, pecchè… Nuje Simme Napulitane. Alla prossima.

di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno