Mercoledì 21 Novembre 2018 - 10:29

“Locanda Radici”, un progetto territoriale

Appena sotto mezzacosta, sul fianco dei monti che compongono il massiccio del Taburno Camposauro, corre una via lussureggiante e ombrosa. Nel tratto a nord ovest, tra Solopaca e Melizzano, la strada si affaccia su uno scampolo di Valle Telesina, ma lo sguardo libero plana sul Volturno e sulla sua piana. Proprio su una sorta di slargo panoramico, sotto un cielo aperto e indisturbato, si leva una masseria e la cucina di Angelo D’Amico. Lo chef, a lungo promessa della per lo più incolore cucina sannita, ha finalmente trovato, fuori dalle secche del ristorante dell’albergo beneventano cui a lungo ha prestato la sua opera, uno spazio in cui liberare il proprio talento. Si chiama “Locanda Radici” ed è, come annunciano e denunciano nome e insegna, un atelier in cui D’Amico modella un progetto gastronomico radicalmente territoriale. Occorre far attenzione e non incedere nell’errore di significare territorio come sinonimo di banalità, superficialità, semplicità, prossimità. Radici sono quelle che affondano, oltre che nella terra natia e nelle proprie origini, nella memoria dei sapori e nella schiettezza espressiva del territorio che li ha generati. Se così non fosse, non si spiegherebbe, del resto, il senso e la coerenza col contesto della seducente “parmigiana di melanzane con gamberi, riduzione di pomodoro san Marzano ai crostacei e origano” al fianco del magistrale, per abilità tecnica e sapienza nella creazione dell’equilibrio gustativo, “uovo croccante, pancotto di fagioli, funghi e tartufo nero pregiato” (col tartufo, invero, in edizione poco pregiata probabilmente per il periodo non propizio) e del coraggioso “musetto di vitello, patate, fagiolini e pesto di pistacchio” (encomio, nonostante il tedioso pistacchio, per l’ardire di proporre il “musso”). Meno complessi, ma molto saporiti, i primi con le baroccheggianti “candele spezzate, baccalà, pomodorino arrosto e guanciale” e i modaioli “cappellacci di mortadella, pistacchi (maledetti, immancabili in questo scorcio di terzo millennio) e aceto balsamico”. Torna la complessità, ben maneggiata, nei secondi, con accostamenti non scontati, come nel “lingotto croccante di stinco di maiale, gambero rosso di Sicilia e mela annurca” o, addirittura, felicemente esotici, come nel “petto d’anatra arrosto alle spezie, crocchetta di tapioca e ananas al peperoncino”. Poco intrigante l’assortimento dei formaggi, pur buoni, e carta dei vini radicale nel declinare il Sannio enoico nelle sue espressioni migliori. Fanno eccezione al contesto territoriale un pugno di etichette di spumanti e Champagne. A dispetto della vivacità dell’esterno quasi onirico per il panorama, il cielo, gli afrori di cespugli aromatici e una madonnina incastonata in tronco d’ulivo, che appare inattesa sulla via dell’uscita senza riuscire, tuttavia, a infondere in noi, sereni lussuriosi, alcun senso di colpa per i peccati di gola, e forse non solo, appena sospesi in attesa dei prossimi, gli interni, confortevoli, ben illuminati e spaziosi, sono ordinati e neutri fin troppo, conferendo un senso di distacco sostenuto anche dagli oramai immancabili runner (altra dannazione contemporanea) usati per l’apparecchiatura. Servizio preciso e attento. Conto sui 55 euro, vino escluso. Tre menù degustazione a 45- 55-65 euro. “LOCANDA RADICI” Strada Provinciale Frasso-Solopaca, 5 Melizzano tel. 0824 944506 - 3496901057 www.locandaradici.it  

di Antonio Medici

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici