Sabato 16 Febbraio 2019 - 20:48

Multe, da quest’anno importi più elevati

Rincarano le sanzioni pecuniarie del Codice della Strada. Lo stabilisce il Decreto del Ministero della Giustizia dello scorso 27 dicembre (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.301 del 29 dicembre 2018) nel rispetto di una norma dello stesso Codice (articolo 195, commi 3 e 3-bis) che prevede l’aggiornamento delle multe ogni due anni in misura pari all’intera variazione, accertata dall’Istat, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati (media nazionale) verificatasi nel biennio precedente. Considerato che tale indicatore, dal primo dicembre 2016 al 30 novembre 2018, è stato pari al 2,2%, della stessa entità sono, quindi, aumentati anche gli importi delle contravvenzioni. Lo stesso Decreto specifica, inoltre, che per alcune violazioni gli importi delle multe restano invariati non essendo ancora decorsi due anni dalla loro entrata in vigore. Pertanto, non sono state sottoposte a tale adeguamento le sanzioni relative alle seguenti infrazioni del codice stradale: articoli 7, comma 15-bis (parcheggiatori abusivi); 93, comma 7-bis e 7- ter (circolazione con targhe straniere); 132, comma 5 (circolazione con veicoli immatricolati all’estro); 213, commi 5 e 8 (confisca del veicolo); 214, commi 1 e 8 (fermo amministrativo del veicolo). A seguito di quest’ultimo aggiornamento, quindi, la multa in misura ridotta (vale a dire la somma che il trasgressore è ammesso a pagare entro 60 giorni dalla contestazione della violazione o notificazione del relativo verbale) per divieto di sosta passa da 85 a 87 euro, quella per mancato uso del casco da 81 a 83 euro, mentre l’inosservanza del semaforo rosso aumenta da 163 a 167 euro, giusto per citare alcune delle violazioni più ricorrenti. Il massimo rincaro, sempre con riferimento ai pagamenti in misura ridotta, riguarda le infrazioni previste dall’articolo 123, commi 11 e 11-bis (autoscuole e istruttori abusivi), i cui importi minimi passano da 10.890 a 11.130 euro. I valori indicati nella tabella allegata al Decreto di fine anno sono già in linea con le disposizioni previste dall’articolo 195, comma 3-bis, dello stesso Codice, vale a dire che sono stati arrotondati all’unità di euro, per eccesso se la frazione decimale era pari o superiore a 50 centesimi di euro, per difetto in caso contrario. “Giova ribadire - chiarisce la circolare del Ministero dell’Interno n. 300/A/9857/18/101/3/3/14 del 31 dicembre 2018 - che il citato arrotondamento all’unità di euro opera solo sulle sanzioni edittali e, quindi, non interviene sulle somme che costituiscono eventuale risultato di operazioni di divisione rispetto ai valori minimi o massimi previsti dal Codice”. Perciò, si legge ancora nella circolare, non sono oggetto di arrotondamento, a titolo esemplificativo, “le somme da iscrivere a ruolo ai sensi dell’articolo 203, comma C.d.S. (metà del massimo edittale), quelle richieste a titolo di cauzione ai sensi dell’articolo 207, comma 2, C.d.S. (metà del massimo edittale), la sanzione di cui all’articolo 193, comma 3, C.d.S. (un quarto della sanzione indicata al comma 2), o quelle ridotte del 30 per cento rispetto al minimo edittale ai sensi dell’articolo 202, comma 1, C.d.S. (pagamento entro 5 giorni). L’importo di tali somme, qualora presentino valori decimali, continua ad essere arrotondato secondo le regole generali al centesimo di euro”. Analogamente, restano invariate anche le ammende, in quanto gli aggiornamenti previsti dall’articolo 195 del Codice della Strada riguardano solo le sanzioni amministrative pecuniarie, escludendo, pertanto, quelle penali. Si ricorda che per le violazioni punite con una sanzione amministrativa pecuniaria, il trasgressore è ammesso a pagare, entro sessanta giorni dalla contestazione o dalla notificazione, una somma pari al minimo fissato dalle singole norme. Tale somma è ridotta del 30% se il pagamento è effettuato entro cinque giorni. La riduzione, però, non si applica nei casi in cui sono previste le sanzioni accessorie della confisca del veicolo e della sospensione della patente di guida.

di Automobile Club Napoli

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno