Giovedì 13 Dicembre 2018 - 14:21

Patenti, in Campania i più bravi sono sanniti

Negli ultimi dieci anni il numero delle patenti di guida B attive (cioè non scadute) in Italia è aumentato del 14,4% passando da 31.255.781 nel 2007 a 35.755.912 nel 2016. La regione che conta più abilitazioni è la Lombardia (6.036.346 patenti B), seguita da Lazio (3.480.031), Campania (3.085.103) e Veneto (3.041.953). La crescita maggiore si è osservata in Trentino Alto Adige (+23,8%); la minore, invece, in Abruzzo (+4,8%). In Campania l’incremento è stato dell’11,7 per cento. Complessivamente, nel 2016, in Italia, sono stati abilitati alla guida 798.197 candidati, il 69% dei quali per la patente di categoria B. Per conseguire questo obiettivo sono state sostenute 1.891.632 prove, fra teoria e pratica. Secondo i dati del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la maggiore concentrazione di idonei si è registrata al Sud (81,59%), ma la regione con la più elevata percentuale di promossi è stata il Molise (82,99%). I dati più negativi, invece, hanno riguardato il Centro, con il 24,77% di respinti, nonostante la peggiore performance spetti ad un’isola, ovvero la Sardegna dove l’incidenza dei bocciati è stata del 29,08%. Chi intende conseguire la patente di guida preferisce preparasi presso le autoscuole. Infatti, solo il 4,14% dei candidati si è presentato da privatista, il resto (95,86%), invece, ha optato per le scuole guida, con la Campania che spicca per essere la regione con la minor propensione al “fai da te” (appena il 2,12%). Una scelta che incide significativamente sul piano dei risultati: nella nostra regione, infatti, le prove di teoria sono state superate dal 67,77% degli allievi delle autoscuole contro il 33,97% di chi ha scelto di prepararsi in proprio (le medie nazionali sono rispettivamente di 70,46 e 32,73 per cento). Più equilibrato, invece, risulta il confronto nel test di guida: 96,92% di idoneità per le autoscuole e 96,50% per gli “autodidatti” (in Italia, rispettivamente 88,07 e 86,31 per cento). L’esame di teoria si conferma lo scoglio più difficile da superare. Nel 2016, su 984.648 prove sostenute in Italia è stato respinto il 31,32% degli iscritti, contro il restante 68,68 di promossi. Rispetto all’anno precedente è aumentata la quota dei bocciati che si concentrano in misura maggiore a Roma (39,69%), Livorno (38,44%) e Grosseto (38,17%). Viceversa, le province più “virtuose” risultano essere, nell’ordine, Sondrio (79,26%), Ragusa (78,94%) e Vicenza (78,45%). Nettamente diverso è il quadro relativo ai test di guida che sono stati superati dall’88,01% dei candidati (lo scorso anno questa percentuale era stata leggermente più alta 88,74%) su un totale di 906.984 prove. I risultati migliori si sono verificati nelle province di Isernia (99,44%), Vibo Valentia (99,09%) e Messina (98,95%); i peggiori, invece, a Cagliari (36,07%), a Pistoia (30,80%) e a Trento (28,74%). Per quanto riguarda le differenze di rendimento tra i due sessi, il 2016 ribadisce la maggiore predisposizione delle donne per gli esami di teoria (70,21% di promozioni contro il 67,47% dei maschi), mentre nelle prove pratiche sono gli uomini a riscattarsi con il 90,89% di idoneità rispetto all’83,75% conseguito dal sesso femminile. Prosegue la disaffezione per la più giovane delle patenti, quella di categoria AM valida per la conduzione dei ciclomotori. Anche nel 2016 si è registrato un decremento (- 1,75%) delle prove complessive sostenute (sia pratica che guida) che si è riflesso sul numero delle abilitazioni (63.671) diminuite in un anno di 1.440 unità. Anche in questo caso, le migliori performance si sono registrate nel Mezzogiorno con il 97,75% dei promossi agli esami di guida, mentre la più alta frequenza di respinti (10,99%) si è osservata al Nord. Spostando, infine, l’attenzione sulla Campania, nel 2016, sono stati abilitati alla guida 84.480 candidati (il 9,4% in meno rispetto al 2015) il 54% dei quali a Napoli. Nella nostra regione, la provincia in cui si rileva la maggiore concentrazione di idonei, fra teoria e pratica, è Benevento con l’84,34% di promossi contro una media regionale pari al 80,88%. A Caserta, invece, si registra il record negativo delle bocciature: 20,79% (la media in Campania è del 19,12%).

di Automobile Club Napoli

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno