Venerdì 23 Giugno 2017 - 5:16

Inseguimento sui tetti, ferito un finanziere di Giugliano

PALERMO. Un giovane finanziere, in servizio a Palermo e originario di Giugliano, è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Villa Sofia di Palermo dopo essere scivolato da un tetto mentre, nell'agrigentino, inseguiva due tunisini destinatari dei provvedimenti di fermo dell'operazione “Scorpion Fish". Il ventisettenne, dopo la caduta, è stato trasferito in elisoccorso da Agrigento a Palermo dove viene seguito dai vertici della Guardia di Finanza in Sicilia, a partire dal generale Ignazio Gibilaro. Il finanziere è precipitato dal tetto di un'abitazione di via Boccaccio a Menfi. 

L'operazione “Scorpion Fish" ha portato a smantellare un'associazione che operava tra la Tunisia e l'Italia.  La Guardia di Finanza di Palermo e Marsala, al termine delle indagini della Direzione Distrettuale Antimafia, ha fermato tra Marsala, Trapani, Firenze ed Emilia Romagna, 15 persone. Si tratta di tunisini ed italiani, appartenenti ad un'associazione per delinquere transnazionale dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi lavorati esteri. Sequestrate anche 10 auto e due imbarcazioni utilizzate per i traffici illeciti. I fermi sono da inquadrarsi nell'Operazione "Sscorpion Fish" eseguita, tra il gennaio 2017 e oggi, dal Gico di Palermo in sinergia con la Compagnia di Marsala. Il sodalizio, capeggiato da pericolosi pregiudicati tunisini e con gli italiani in posizione subordinata, è risultato particolarmente attivo nell'effettuare una serie di lucrosi traffici illeciti tra la Tunisia e le coste del trapanese. Grazie all'utilizzo di veloci gommoni d'altura condotti da esperti “scafisti", capaci di percorrere il tragitto anche in meno di 4 ore, sono state trasportate in Italia persone in grado di pagare il rilevante costo della traversata e introdotte in Italia sigarette di contrabbando. 

Casa, a Napoli compravendite +4,8%: crescita moderata

Ancora in crescita il mercato immobiliare italiano nei primi tre mesi dell'anno. Il settore delle abitazioni, sebbene a ritmi più moderati rispetto ai trimestri precedenti, cresce dell'8,6%, con rialzi a doppia cifra per le compravendite di abitazioni a Firenze, Genova, Milano e Roma. Una crescita più sostenuta si rileva per il mercato relativo a cantine e soffitte, che nel primo trimestre guadagna il 17%, mentre per box e posti auto risulta un aumento in linea con quello delle abitazioni (+8,7%). In crescita gli scambi nel settore terziario-commerciale (+10,8%) e in quello produttivo (+12,2%). È quanto emerge dai dati diffusi oggi dall'Osservatorio del Mercato Immobiliare dell'Agenzia delle Entrate. Nel primo trimestre le abitazioni compravendute sono state 122mila, quasi 10mila in più rispetto allo stesso periodo del 2016, con una crescita dell'8,6%. A mostrare un tasso di variazione più elevato, seppur riferito ad un più basso numero di scambi, sono state le isole, con un +11,9%. Nelle aree del nord, i rialzi sono stati vicini al 10%, prossimi all'8% al centro, mentre al sud gli scambi sono saliti del 5,1%. Risulta in aumento del 9,8% la superficie complessiva delle abitazioni compravendute, segno di uno spostamento degli acquisti su abitazioni di maggiore dimensione. Infatti, la superficie media dell'abitazione compravenduta, che è pari a circa 105 m2, aumenta di un metro quadro. In assoluto, le abitazioni più scambiate sono state quelle con superficie superiore a 85m 2 (circa il 60%). Nelle 8 maggiori città italiane, la crescita delle compravendite di abitazioni ha sfiorato il 10%, con 22.170 transazioni. Il risultato migliore è stato raggiunto da Firenze (+16,5%), seguita da Genova (+15%), Milano (+13,8%) e Roma (+10,2%). Crescita più moderata per le altre città: Torino segna un +4,6%, Napoli un +4,8% e Bologna un +4,4%. Fanalino di coda è Venezia, che si ferma ad un +2,3%. Gli scambi di cantine e soffitte (depositi pertinenziali) sono stati circa 13.700, in crescita, rispetto al primo trimestre 2016, del 17%, con una superficie media di 14,5 m2 . Nelle otto principali città la percentuale di crescita è più elevata e pari a +25,3%. 72mila le compravendite di box e posti auto, in rialzo dell'8,7%, con una superficie media di 21 m2. Il settore terziario-commerciale, che comprende per la maggior parte uffici, istituti di credito, negozi, edifici commerciali, depositi commerciali e autorimesse, mostra nel periodo gennaio-marzo 2017 un incremento del 10,8%, superando 20mila unità immobiliari compravendute. A livello geografico, i tassi di crescita risultano piuttosto simili nelle diverse aree del Paese, con l'eccezione delle isole, dove il rialzo sfiora il 15%. In particolare, gli uffici scambiati sono stati 2.363, in aumento del 19,2%, i negozi e i laboratori 6.216 (in crescita del 3,2%), i depositi commerciali e le autorimesse 10.867, con un incremento dell'11,5%. Nel primo caso la media della superficie è stata pari a 175 m2 , nel secondo 119 m2 e nel terzo caso 110 m2 . Aumenta del 12,2% il settore produttivo (capannoni e industrie), anche se la crescita è ridimensionata rispetto ai tre trimestri precedenti. Infine, le unità immobiliari produttive connesse alle attività agricole oggetto di transazione sono state 582, in rialzo di circa il 35% rispetto all'analogo periodo del 2016. 

«Vergogna, voglio giustizia», l'urlo
di Fabrizio Corona
al processo

ROMA. "Vergogna, voglio giustizia". Perde la calma subito, all'inizio dell'udienza del processo a suo carico, Fabrizio Corona, imputato per quei 2,6 milioni di euro trovati in parte in un controsoffitto in parte in Austria e nel quale oggi è prevista la requisitoria del pm Alessandra Dolci. Dopo le grida dell'ex 're dei paparazzi', che si è agitato per una produzione di atti da parte dell'accusa, il presidente del collegio Guido Salvini ha deciso di interrompere momentaneamente l'udienza e di disporre che l'ex agente fotografico fosse portato fuori dall'aula.    

Il pm, tra l'altro, dopo alcune osservazioni dei difensori di Corona, aveva deciso anche di rinunciare alla produzione dei nuovi atti perché, ha spiegato, "io voglio concludere oggi" con la requisitoria e la richiesta di pena. Il giudice Salvini, prima di interrompere l'udienza, ha spiegato all'imputato che "questa è un'udienza importante per lei, stia tranquillo". L'udienza, dopo una breve pausa, è ripresa senza Corona in aula

Rogo camper a Roma, è caccia al complice

ROMA. Prosegue la caccia al presunto complice di Serif Seferovic, il 20enne fermato giovedì a Torino con l’accusa di essere uno dei due artefici del rogo di Centocelle, nel quale hanno perso la vita tre sorelle di 4 , 8 e 20 anni, tutte appartenenti alla famiglia bosniaca rom degli Halilovic. Lunedì dovrebbe svolgersi l’udienza per la convalida del fermo. Ora le indagini sono concentrate su una persona che la notte del 10 maggio avrebbe accompagnato il responsabile del rogo del camper parcheggiato al centro commerciale Primavera.

Secondo le ipotesi investigative potrebbe trattarsi di una persona molto vicina a Serif, forse un parente. Anche lui avrebbe lasciato Roma dopo il rogo e gli investigatori lo starebbero cercando nel Nord Italia.

È morta la presentatrice RAI Gambineri

ROMA È morta a Roma Anna Maria Gambineri, l'amata "signorina buonasera" della Rai. I funerali si terranno il 3 giugno alle 11.30 nella Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo. Era uno degli amatissimi volti che per anni ha annunciato agli Italiani i programmi della tv pubblica, ed anche il segnale orario. Aveva quindi 81 anni, ed era malata da tempo. proprio per motivi di salute aveva lasciato la Rai dove aveva lavorato dal 1958 al 1994. 

Neonato ucciso, la madre: l’ho gettato dalla finestra

"Ho lanciato il mio bambino, appena partorito, dalla finestra di casa". E' quanto avrebbe confessato al procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, la donna di 34 anni, madre del neonato trovato abbandonato per strada, a Settimo Torinese, morto poco dopo in ospedale. A ritrovare il bimbo agonizzante, con una ferita alla testa, un giovane che stava passando in auto.

"Il lancio del neonato dal balcone da parte della mamma subito dopo il parto è un'ipotesi investigativa" ha precisato il procuratore nel corso della conferenza stampa al comando provinciale dei carabinieri di Torino, aggiungendo che il racconto "è stato caratterizzato da molti 'non ricordo' in particolare per quanto accaduto dopo il parto. La signora ha raccontato di aver partorito da sola in bagno ma poi ha detto di non ricordare cosa è successo dopo".

 

 

Neonato abbandonato in strada nel Torinese muore poco dopo in ospedale

SETTIMO TORINESE. Un neonato, forse appena partorito, è stato trovato avvolto in un asciugamano e abbandonato in strada a Settimo Torinese. A segnalare la presenza del bimbo un passante che ha allertato il 118 e il 112. Il bambino è stato trasportato al Regina Margherita dove è deceduto subito dopo. I carabinieri, sul posto, hanno ascoltato il passante che, insieme a un operatore ecologico, ha trovato il bimbo di carnagione chiara. Al vaglio degli investigatori anche eventuali immagini delle videocamere di sorveglianza della zona che potrebbero aver filmato qualcosa. Sono in corso anche accertamenti nei diversi ospedali per verificare se nelle ultime ore si sia presentata qualche donna con sintomi compatibili a un parto recente. Dai primi accertamenti dei carabinieri effettuati sul luogo del ritrovamento, è emerso che il piccolo quando è stato trovato poco dopo le sei di questa mattina da un operaio 22 enne che transitava in auto e che ha chiesto aiuto a due operatori ecologici che si trovavano in zona, era completamente nudo. Poco distante è stato rinvenuto e sequestrato l'asciugamano intriso di sangue che con ogni probabilità avvolgeva il corpicino quando è stato abbandonato.

Si incide la pelle e posta la foto, polizia salva 14enne da "Blue Whale"

RAVENNA. Nuovo caso di 'Blue Whale' a Ravenna. Una ragazza di 14 anni, si legge sul 'Corriere di Romagna', aveva postato su internet una foto in cui apparivano tagli che si era inflitta a un braccio, lesioni considerate il rito di iniziazione di questo 'gioco del suicidio'.

L’immagine è stata però intercettata dagli agenti della Polizia postale che sono riusciti a risalire prima al computer con cui era stata inviata la fotografia e poi alla vittima del nuovo e pericolosissimo fenomeno social che spinge al suicidio.

L’obiettivo degli investigatori ora è quello di rintracciare chi possa averla manipolata, impresa tutt’altro che agevole visto che i 'tutor' del gioco sono esperti informatici in grado di muoversi nell’anonimato della rete.

Si indaga anche per capire come la 14enne sia finita nel giro del 'blue whale' e perché e se l’adolescente abbia o meno sperimentato altre 'prove' richieste per partecipare alla sfida, anche se l’impressione è che la ragazzina fosse all’inizio del percorso.

Alitalia sciopera, voli cancellati e caos

ROMA. Disagi in vista per chi viaggia in aereo. Per oggi infatti alcune organizzazioni sindacali del personale Alitalia (CUB Trasporti, Usb, Confael e Assovolo) hanno indetto uno sciopero di 8 ore, con astensione dal lavoro dalle ore 10 alle ore 18.

La compagnia è stata costretta a cancellare numerosi voli nazionali e internazionali programmati per oggi. Alitalia ha comunque attivato un piano straordinario per riproteggere sui primi voli disponibili il maggior numero di passeggeri coinvolti dalle cancellazioni. Alla data del 24 maggio l'80 per cento dei passeggeri era stato già ricollocato su voli alternativi.

Per limitare il più possibile i disagi, Alitalia invita tutti i viaggiatori in possesso di un biglietto per volare oggi, a verificare lo stato del proprio volo prima di recarsi in aeroporto, chiamando il numero verde 800.65.00.55 (dall’Italia) o il numero +39.06.65649 (dall’estero), oppure contattando l’agenzia di viaggio presso cui hanno acquistato il biglietto.

Alitalia ha previsto un rafforzamento del proprio personale negli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Linate per assicurare la massima assistenza ai passeggeri. E’ stato anche incrementato il numero degli addetti al call center. Saranno inoltre impiegati aerei più capienti, sia sulle rotte domestiche che su quelle internazionali, per trasportare un numero maggiore di viaggiatori.

Venerdì l'Enav ha comunicato che lo sciopero nazionale e gli scioperi locali sui centri aeroportuali di Ancona, Falconara e Pescara, indetti dall’organizzazione sindacale Unica, sono stati invece differiti.

Auto sulla folla durante il rally, muore un bambino

Tragedia al 'Rally Città di Torino' dove un'auto in gara ha sbandato travolgendo un'intera famiglia fra gli spettatori: nell'impatto è morto un bambino di 6 anni. Miracolosamente illeso il fratellino di 3 anni mentre i genitori sono stati ricoverati in ospedale ma non sono in pericolo di vita. Genitori e figli si trovavano ai lati del tracciato, in una zona vietata agli spettatori e recintata, quando una delle auto in gara ha sbandato, sbattendo prima contro un muro e poi finendo contro la famiglia. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia Venaria Reale che stanno compiendo tutti gli accertamenti. Non si esclude l'ipotesi che il pilota possa aver avuto un malore. Il Rally 'Citta di Torino' è stato definitivamente sospeso.

Pagine

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto