Venerdì 28 Aprile 2017 - 10:25

Porti, De Luca: pronti a partire col progetto del Molo Beverello

NAPOLI.  "Abbiamo condiviso le linee di Spirito per il Molo Beverello, siamo pronti a partire". Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante l'iniziativa alla Stazione Marittima con il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio. "Abbiamo sei milioni di turisti per le isole e non possiamo perdere tempo - ha aggiunto - Sul molo di levante se c'è il progetto per un porto turistico bene, ma altrimenti non perdiamo tempo e destiniamo questi spazi ad altre strutture - ha concluso De Luca - Se a Napoli il governo del ciclo banchina è nelle mani degli operatori ne risentono i livelli di efficientamento del porto". 

De Luca al Pineta Grande Hospital: «Supporteremo il progetto di ampliamento»

CASTEL VOLTURNO.  «Sono assolutamente convinto che la Campania nell'arco di due anni potrà essere la prima sanità d'Italia, se lavoriamo come dico io. Dobbiamo darci un'impostazione antideologica. Il carattere pubblico della sanità non è dato dal fatto che una struttura sia pubblica o privata, ma dalla qualità della prestazione che dà ai cittadini. Io devo garantire ad ogni cittadino una qualità elevata della prestazione e di assistenza. Che queste siano erogate da una struttura pubblica o privata è del tutto indifferente». Ccosì il governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca oggi in visita al Pineta Grande Hospital di Castel Volturno.

«La Regione ha il diritto e il dovere di verificare la qualità delle prestazioni e di selezionare anche nel comparto privato le strutture di eccellenza. Una grande struttura viene fatta in primo luogo da grandi professionisti – prosegue De Luca -. Nel Pineta Grande Hospital ho visto tanto personale all'altezza di un grande ospedale. Questo territorio dovrà essere il volto della nuova Campania e quì il Pineta Grande Hospital si sta preparando a fare un grande investimento. Noi li accompagneremo con il massimo aiuto possibile nell'ambito della legalità e della correttezza. Quello che ci è possibile fare, e anche qualcosa in più, lo faremo. Chiedo solo che continuiate a garantire la qualità delle prestazioni, che oggi ho verificato nel corso della visita. È un investimento nell'interesse di tutti».

«La visita del governatore è per noi un concreto segnale – dichiara il dott. Vincenzo Schiavone, general manager del Pineta Grande Hospital. - Siamo convinti che una nuova stagione della sanità Campana sia possibile. Noi andremo avanti e realizzeremo il nostro sogno, il nuovo Pineta Grande Hospital, che diventerà uno degli ospedali più importanti dell'Italia centro-meridionale, grazie ad un investimento di 50 milioni di euro. Siamo, infine, estremamente fiduciosi nelle Istituzioni e nel presidente De Luca per il sostegno che ci ha promesso», conclude il dott. Vincenzo Schiavone.

L'Electric Tour il 25 a Salerno e il 26 ad Afragola

Torna l'Electric Tour di Quattroruote in collaborazione con Ikea e la rete di officine “a posto". I meccanici della Rete Rhiag, per il secondo anno sono partner di Electric Tour, l’iniziativa di Quattroruote in collaborazione con Ikea per promuovere la mobilità sostenibile e la sicurezza in auto per la famiglia. Si comincia a Catania dal 22 e 23 aprile, si conclude a Gorizia il 7 maggio, 16 giorni con 12 tappe e 11 tratte. Negli “Electric Village” allestiti nei parcheggi Ikea sarà possibile effettuare dei test drive su auto elettriche e ibride plug-in con i driver esperti di Quattroruote ed assistere a mini corsi teorici di guida sicura su auto ad alimentazione alternativa. In Campania doppia tappa dell'Electric Tour, martedì 25 a Salerno e mercoledì 26 all'Ikea di Afragola. Non solo tematiche ambientali, ma anche sicurezza in auto per sé e per la propria famiglia: è su questo aspetto che i professionisti dell’auto della Rete “a posto" vogliono sensibilizzare gli automobilisti. Ad ogni tappa saranno presenti due meccanici che eseguiranno un check-up gratuito alle vetture dei visitatori effettuando una serie di controlli di sicurezza. L’automobilista riceverà il resoconto dei controlli in tempo reale via e-mail, ottenendo così una fotografia dello stato di salute della propria auto.

Espianto multiorgano a Salerno

SALERNO. Un'intera famiglia in ospedale per attendere che fosse compiuto il multiespianto di organi da un congiunto deceduto che ha salvato la vita di un uomo già trapiantato di cuore e che aveva avuto un rigetto dell'organo. Accade a Salerno, nel nosocomio San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona. Alle 11.15 è atterrata all'aeroporto Costa D'Amalfi un'equipe chirurgica proveniente da Padova per prelevare il cuore di un paziente di 48 anni, ricoverato in Rianimazione nel Riggi per un ictus cerebrale massivo, la cui osservazione di morte era terminata durante la notte. In attesa dei medici padovani, erano già state prelevate le cornee e trasportate alla banca del Pellegrini di Napoli. Il fegato che è stato impiantato a un paziente dell'ospedale Cardarelli di Napoli. 

Mare, lidi aperti al 70 per cento

NAPOLI. Le spiagge della CAMPANIA sono pronte per l'arrivo della bella stagione. Tra le vacanze di Pasqua e i ponti del 25 aprile e del 1° maggio "almeno il 70% degli stabilimenti balneari presenti nella regione saranno aperti", spiega all'Adnkronos Marcello Giocondo, presidente regionale campano del Sindacato italiano balneari - Fipe. Lidi aperti quindi su tutti i 550 km di costa della CAMPANIA, dal litorale domitio ai Campi Flegrei, passando per l'area di Napoli, la Penisola Sorrentina e la Costiera Amalfitana, le isole Capri, Ischia e Procida, la zona di Salerno e il Cilento. "Le condizioni meteorologiche favorevoli hanno consentito a molti dei titolari degli stabilimenti di aprire anche prima di Pasqua", aggiunge Giocondo. I

Grande successo al Vinitaly di Verona per Eccellenze Campane (all'interno la fotogallery)

VERONA. Grande successo al Vinitaly di Verona per Eccellenze Campane, con le creazioni culinarie partenopee pret a porter del maestro pizzaiolo Guglielmo Vuolo. Il Polo del Gusto di via Brin 69, infatti, ha rappresentato la Campania nella serata conclusiva degli eventi promossi dall’Associazione le “Donne del Vino - Vinitaly 2017” all’interno dell’esclusiva kermesse italiana del vino, durante la quale delegate “in rosa” della Campania hanno offerto degustazioni dei migliori calici delle aziende associate e, novità di questa edizione, anche specialità gastronomiche delle terre di origine dei vini presentati. La cena-evento, in particolare, si è svolta ieri, mercoledì 12 aprile, presso Palazzo della Gran Guardia della città scaligera ed è stata dedicata alle prelibatezze di Campania, Liguria, Sardegna e Toscana. Quattro artigiani del gusto, uno per ciascuna regione, hanno effettuato preparazioni culinarie dal vivo. Per la Campania il maestro Guglielmo Vuolo, Artigiano del Gusto di Eccellenze Campane, in un cooking show esclusivo, ha presentato agli ospiti una reinterpretazione personale di un classico della tradizione napoletana: la pizza fritta, massima espressione dell'arte dei friggitori partenopei cui il maestro appartiene, inserendosi nel solco della tradizione avviata dalla bisnonna ai primi Novecento. Due, in particolare, le creazioni pret a porter elaborate da Vuolo: gli Scugnizzielli Napoletani, e cioè straccetti di pasta conditi con pomodoro Datterino campano, origano dei Monti Lattari, aglio dell'Ufita e olio evo sannita, e l’Arepa napoletana, ovvero l’omaggio del maestro Vuolo a migranti e immigrati di ieri, oggi e domani: mousse di ricotta di bufala al profumo di limone di Procida, cicoli di Maiale Nero Casertano e pepe nero macinato fresco. “Essere presenti con un nostro 'artigiano del gusto' alla più importante vetrina italiana del vino è stato molto significativo”, afferma il patron di Eccellenze Campane Paolo Scudieri. “Guglielmo Vuolo – continua l’imprenditore – sa rinnovare uno dei simboli della nostra terra, la pizza, e in coerenza con la nostra missione di polo enogastronomico impegnato a valorizzare i sapori della Campania, sa farsene ambasciatore nel mondo”. Guglielmo Vuolo, infatti, vanta un’esperienza di 40 anni e un’antica tradizione familiare. La sua pizza, che nel 2015 è stata premiata con “tre spicchi” dal Gambero Rosso, si caratterizza per la qualità dell’impasto e dei suoi ingredienti.

ms

Patto per la Campania: «Quattro miliardi per l'economia»

NAPOLI. "Devo ringraziare il ministro per la straordinaria attenzione allo sviluppo del Sud. Sottolineo soltanto tre miliardi euro per Napoli per il completamento delle infrastrutture della mobilità e delle metropolitana, oltre agli interventi per Napoli Est, Mostra Oltremare e centro storico. Alcune novità riguardano piazza Garibaldi e l'interscambio modale per la stazione di Vesuvio Est". A dirlo, a conclusione dell'incontro con il ministro per la Coesione e il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti, è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. "Confermiamo il collegamento tra la stazione Alta velocità di Afragola e la metropolitana di Napoli. Immettiamo nell'economia campana quattro miliardi euro.

Schizofrenia, un farmaco allunga le terapie

Il loro grande sogno è la libertà. Libertà di organizzare il proprio tempo, di immaginare un futuro, di avviare nuovi progetti. Ma nella realtà quotidiana i pazienti con schizofrenia e malattia psicotica convivono soprattutto con il peso di una terapia da non saltare mai per evitare una ricaduta, un nuovo episodio psicotico che comporta il ricovero e fa crollare con un soffio il castello della vita faticosamente ricostruito.In anni recenti, però, la cura delle psicosi è cambiata grazie all’avvento dei LAI – Long Acting Injectables, farmaci a lunga durata d’azione, che permettono intervalli di somministrazione più lunghi rispetto ai farmaci orali e grazie ai quali il paziente non è più condizionato dall’assunzione giornaliera della terapia.

«Il recupero del paziente con schizofrenia è diventato nel corso degli ultimi anni un elemento sempre più importante per noi psichiatri e prima ancora per i pazienti», spiega Silvana Galderisi, Professore Ordinario di Psichiatria, Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e Presidente della European Psychiatric Association (EPA). «Nell’arco dell’ultimo decennio abbiamo fatto un percorso migliorativo di cura, che ha coinvolto medici, pazienti e familiari e che, da un approccio clinico in cui si affrontavano solo gli effetti devastanti delle fasi acute della malattia, ci ha condotto gradualmente alla situazione attuale in cui si cerca di perseguire il reinserimento della persona nel suo ambiente socio-familiare. L’integrazione passa attraverso molteplici fattori connessi tra loro ma tutti essenziali per il restituire un significato pieno alla vita del paziente: la resilienza, la consapevolezza sociale, la lotta contro lo stigma, le capacità funzionali. Naturalmente la stabilità delle condizioni cliniche del paziente è un fattore indispensabile per la continuità e la completezza dei percorsi di reinserimento. Pertanto la disponibilità di trattamenti farmacologici che migliorano l’aderenza alla cura rappresenta un importante tassello della strada per il recupero. I farmaci long-acting sono certamente un presidio importante in tal senso e uno schema di terapia che prevede 4 somministrazioni in un anno può essere gradito a molte persone, semplificare questo aspetto della cura e rispondere a svariate esigenze».

«Nel caso dei disturbi mentali gravi, il ruolo di caregiver è solitamente assunto da un familiare, ma anche dagli operatori psichiatrici, i quali svolgono un ruolo essenziale nel percorso di cura del paziente – spiega Andrea Fiorillo, Professore, Dipartimento di Psichiatria, Università della Campania “Luigi Vanvitelli” – i familiari, in relazione al ruolo di supporto e assistenza continua, riportano molto spesso di sentirsi “sovraccarichi”, di non avere tempo da dedicare ai propri hobby e ai propri interessi, e di sentirsi in colpa per la situazione del congiunto. La possibilità di utilizzare farmaci a rilascio prolungato, con una somministrazione di 4 volte l’anno, potrà avere un impatto positivo anche sui caregiver riducendo il carico familiare e, quindi, il rischio di conflitti e problemi, soprattutto per quanto riguarda l’impegno quotidiano nel dover ricordare l’assunzione della terapia».

Il paliperidone palmitato a somministrazione trimestrale sarà prossimamente disponibile in Italia; è stato approvato dalla Commissione Europea a maggio 2016 per il trattamento della schizofrenia nei pazienti adulti in condizioni clinicamente stabili con paliperidone palmitato a somministrazione mensile.

Pagine

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici