Martedì 19 Settembre 2017 - 21:00

Scafati, cinque colpi di pistola contro un bar

SCAFATI. Ancora un raid criminale a Scafati. La scorsa notte sono stati esplosi cinque colpi di arma da fuoco all’esterno di un bar a Scafati di proprietà della moglie di A.D.S., già noto alle forze dell’ordine e vicino, secondo indiscrezioni da confermare, al clan Ridosso-Loreto. L’uomo, indicato dal pentito Alfonso Loreto junior come un collaboratore nella gestione delle slot machine da parte dei clan, è agli arresti domiciliari per estorsione. Già in passato aveva subito atti intimidatori.

Tentato omicidio di un allevatore, preso 23enne

SCALA. È stato arrestato e condotto ai domiciliari l’allevatore 23enne di Scala ritenuto responsabile del tentato omicidio del 25 giugno scorso in località Sambuco di Ravello ai danni di un altro allevatore del posto. I carabinieri hanno dato esecuzione all’ordinanza emessa dal Gip su richiesta della Procura di Salerno nei confronti di A.B., che la sera stessa del misfatto venne intercettato a Maiori a bordo della sua autovettura ed in compagnia del fratello minore. L’uomo era stato denunciato. Poi, nello sviluppo delle indagini, i militari hanno raccolto elementi e testimonianze fondamentali al proseguo delle indagini, oltre ad aver rinvenuto e sequestrato il bastone usato per l’aggressione. Le indagini hanno permesso di ricostruire anche il movente dell’aggressione, cioè la contesa di un pregiato capo di bestiame. In questo modo si è arrivati all’emissione del provvedimento restrittivo nei confronti del ragazzo. si era risaliti alle responsabilità e si è arrivati all’emissione della misura cautelare. La vittima è ancora in gravi condizioni, anche se stabili.

Il parroco lo rimprovera, lui gli taglia le gomme dell'auto

MACERATA CAMPANIA. Il parroco lo invita a rispettare le regole comuni della mensa della Caritas ma lui, un 51enne tunisino, prima gli perfora le gomme dell’auto con un coltello a serramanico e poi lo minaccia. In manette per danneggiamento aggravato e minaccia Noureddine Dridi. I fatti si sono svolti a Macerata Campania, in via De Matteis, dove era parcheggiata in strada la Fiat Grande Punto del sacerdote della parrocchia Santa Maria delle Grazie di Portico di Caserta e gestore della mensa della Caritas parrocchiale. I carabinieri hanno accertato che l’uomo si era reso responsabile di atteggiamenti minacciosi nei confronti di alcuni volontari della Caritas che prestano servizio presso la mensa da lui frequentata. Dopo aver incassato il rimprovero, il tunisino, con un coltello a serramanico aveva bucato una ruota dell’auto del prete che, avvicinatosi per riportarlo alla ragione, era stato, a sua volta, minacciato con il coltello da parte del nordafricano che non aveva esitato a rivolgere l’arma verso il sacerdote. L’uomo verrà giudicato con rito direttissimo. 

Capodichino-Salerno, aeroporti verso gestione unitaria

SALERNO. «Approvata in giunta ipotesi di unificare Capodichino e Salerno Costa d’Amalfi. Dobbiamo puntare al raddoppio dei viaggiatori». Il governatore campano Vincenzo De Luca, via Twitter, annuncia la novità. Che  poi a Salerno, a margine dell’inaugurazione del servizio “Le vie del mare” alla Stazione Marittima, sottolinea: «Lidea fondamentale è quella di creare un sistema aeroportuale regionale. La regione Campania è l’unica in Italia, tra le grandi regioni, che ha fondamentalmente un solo aeroporto, che è quello di Capodichino. Quest’ultimo che ha un livello di efficienza straordinario riconosciuto a livello internazionale. Però ha un limite nella possibilità di espansione. Oggi abbiamo circa sei, sette milioni di viaggiatori su Capodichino. Oltre non si può andare per ovvie ragioni di sicurezza. Per questo, l’integrazione con i due aeroporti significherebbe la possibilità di sviluppo per milioni di altri passeggeri per Capodichino e la possibilità di avere un secondo aeroporto a Sud nell’area salernitana. Ovviamente la gestione dovrà essere unitaria e il gestore deve essere Capodichino, com’è del tutto evidente». 

Meridonare al fianco del Parco Nazionale del Vesuvio

NAPOLI. Dopo nove giorni di roghi incessanti, il “cuore selvaggio di Napoli" è andato distrutto. Impossibile al momento fare una stima dei danni, l’Ente Parco Nazionale del Vesuvio, ancora in piena emergenza, ha visto bruciare centinaia di ettari di riserva protetta. Impossibile per tutti noi non sentire un tuffo al cuore volgendo lo sguardo all’orizzonte e scoprendo il nostro “gigante buono” avvinghiato dal fumo e dalle fiamme. Meridonare non ha avuto dubbi: «Metteremo a disposizione la nostra piattaforma di crowdfunding a sostegno del Parco Nazionale del Vesuvio - afferma il presidente Marco Musella - è la città stessa che ce lo chiede, affinché il luogo simbolo di Napoli non vada perduto». Sostenere il territorio è una delle fondamenta della startup partenopea che si propone con questa campagna di raccolta fondi di contribuire al recupero ed alla prevenzione futura del parco e delle riserve protette circostanti.

Dragoni, uccisa in piazza dal compagno

Una donna di 49 anni, Maria Tino, è stata uccisa a Dragoni, in provincia di Caserta, dal suo compagno a colpi di arma da fuoco. L'uomo, Massimo Bianco, 61 anni, è stato arrestato dai Carabinieri della compagnia di Piedimonte Matese, guidati dal maggiore Giovanni Falso. Secondo una prima ricostruzione, l'uomo ha esploso i colpi di pistola contro la 49enne nella piazzetta adiacente l'abitazione di quest'ultima. L'anno scorso la vittima era stata accoltellata dal marito, che ora è in carcere.

L'uomo ha esploso 3 colpi di pistola verso di lei mentre si trovava in piazza Municipio a Dragoni, nell'alto Casertano. La donna e' stata colpita al torace ed e' deceduta subito. Lei era casalinga, lui operaio. La volonta' da parte della donna di interrompere la relazione avrebbe portato all'omicidio; Bianchi, dopo aver ucciso la compagna, e' rimasto sul posto ed e' stato arrestato dai carabinieri della stazione di Alvignano, subito accorsi. Non risultano denunce nei confronti del 61enne da parte della donna.

Traffico di rifiuti dalla Campania a Brescia: 2 arresti

BRESCIA. I Carabinieri del Noe di Milano, i Carabinieri del Gruppo per la Tutela dell'Ambiente di Milano, in Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Lazio e Campania, in collaborazione con i Comandi Provinciali Carabinieri territorialmente competenti, hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare agli arresti domiciliari e una misura interdittiva, oltre a numerose perquisizioni e sequestro di beni, emesse dal Gip di Brescia a carico di appartenenti a un'organizzazione criminale frutto di una joint venture tra aziende private e pubbliche. È stato invertito il senso della rotta illegale dei rifiuti, portando a smaltimento in Lombardia e Piemonte circa 100.000 tonnellate di ecoballe provenienti dalla Campania. Arrestati con l'accusa di traffico illecito di rifiuti un 46enne amministratore unico di una società di Torre Pallavicina (Bg) e di Abbadia Lariana (Lc), e un 60enne capo impianto di una società di Castelceriolo. Un 63enne broker di una società è stato colpito dalla misura interdittiva del divieto di temporaneo totale di esercitare uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese per 12 mesi. Sono 26 le persone che risultano coinvolte nell'inchiesta e indagate a vario titolo.

Terra dei fuochi, siglato protocollo Carabinieri e Regione

Questa mattina, a Palazzo Santa Lucia, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette e il Presidente della Regione Vincenzo De Luca hanno sottoscritto il Protocollo d’intesa che si inserisce nel più generale Piano delle azioni per il contrasto al fenomeno dell'abbandono e dei roghi dolosi in Campania (Progetto Iter). Il Protocollo disciplina le attività di collaborazione tra l'Arma dei Carabinieri e la Regione Campania per la vigilanza e il monitoraggio per la tutela ambientale, forestale e agroalimentare dei territori campani, con particolare attenzione alla “Terra dei Fuochi”, e con riferimento alla lotta all'abusivismo edilizio, allo sversamento illegale dei rifiuti e all'inquinamento delle falde acquifere.
La Regione Campania si impegna a finanziare l'acquisto delle attrezzature e dei sistemi necessari per le attività di vigilanza e monitoraggio del territorio.
In particolare, questo finanziamento, a valere su risorse disponibili sul programma POR FESR 2014/2020, permetterà l'acquisizione di 8 droni (5 di prossimità, 2 da ricognizione e 1 per sorveglianza estesa multisensore), 2 laboratori avionici mobili e 500 tablet per il Sistema Odino.
L'Arma dei Carabinieri garantisce l'impiego delle tecnologie, utilizzando personale appositamente addestrato, per le finalità di tutela del territorio, dell'ambiente e del paesaggio della Regione Campania. I controlli, inseriti in un quadro di sinergie con le altre forze in campo coordinato dalle competenti Prefetture, verranno condotti principalmente con i Reparti Speciali inquadrati nel Comando Unità per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare Carabinieri.

Furbetti del cartellino, sospesi 5 dipendenti comunali a Frignano: 29 indagati

FRIGNANO. Cinque dipendenti del Comune di Frignano (Caserta) sono indagati per truffa aggravata e falsa attestazione sulla presenza al lavoro e sono stati raggiunti dalla misura interdittiva della sospensione dall'esercizio del pubblico ufficio. La misura è stata emessa dal gip del Tribunale di Napoli Nord ad esito delle indagini svolte dai Carabinieri della stazione di Frignano e del reparto territoriale di Aversa e coordinate dalla Procura di Napoli Nord. I 5 dipendenti, spiega il procuratore Francesco Greco, avrebbero "falsamente attestato la propria presenza in servizio" attraverso "l'irregolare utilizzo del sistema di rilevazione automatico di presenze". Le indagini, svolte tra novembre e dicembre del 2016, hanno consentito di raccogliere indizi non solo a carico dei 5 dipendenti raggiunti dalla misura cautelare, ma anche nei confronti di altri 29 dipendenti che, secondo l'ipotesi accusatoria, si erano ripetutamente assentati dal posto di lavoro per adempiere a incombenze di natura privata. 

Pagine

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici