Sabato 17 Novembre 2018 - 8:11

I finanzieri di Nola bloccano 9 tonnellate di sigarette di contrabbando

NOLA. I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Nola hanno individuato e sottoposto a sequestro un carico di nove tonnellate di tabacchi lavorati esteri, arrestando in flagranza un cittadino di nazionalità portoghese. Il carico è stato trovato nel corso di un controllo di un articolato con targa portoghese effettuato dai finanzieri lungo l'autostrada all'uscita di Angri, in provincia di Salerno. I militari - insospettiti dalla documentazione a corredo del carico trasportato - hanno proceduto ad un riscontro della merce e, una volta rimossi i tre bancali di carta, ovvero il "carico di copertura", hanno scoperto le sigarette di contrabbando di varie marche. Il conducente si trova nel carcere di Salerno - Fuomi.

Operazione antidroga nel Salernitano: otto arresti

SALERNO. Operazione antidroga dei Carabinieri nel Salernitano. I militari di Sala Consilina, personale del nucleo Cinofili Carabinieri di Sarno e del 7° nucleo Elicotteri di Pontecagnano stanno eseguendo, in tutto il territorio della provincia di Salerno, un'ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di 8 persone facenti parte di un gruppo criminale attivo tra la Piana del Sele e il Vallo di Diano, dedito al rifornimento e allo spaccio al dettaglio di sostanze stupefacenti. Il provvedimento scaturisce da un'indagine coordinata dalla Procura di Lagonegro, competente per il territorio di Sala Consilina, che ha permesso di ricostruire gli assetti organizzativi e i vari ruoli tenuti dai singoli indagati, documentando centinaia di episodi di spaccio di droga, sequestrando oltre 1,5 chilogrammi di droga, ricostruendone il modus operandi, i depositi ed i canali di smercio al dettaglio della droga.  I

Halloween, sequestrati 300mila prodotti pericolosi

AVELLINO. Quasi 300mila prodotti potenzialmente pericolosi per la salute sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza di Avellino nel corso dei controlli in due esercizi commerciali del capoluogo irpino. I prodotti, di provienienza asiatica, erano sprovvisti dei dati prescritti. Oltre al sequestro della merce, nei confronti dei titolari sono scattate sanzioni per 28mila euro.

Ariano Irpino, scoperta casa a luci rosse per anziani

ARIANO IRPINO. Operazione contro il favoreggiamento e lo sfruttamento della prostituzione da parte dei Carabinieri della compagnia di Ariano Irpino che, nella città del Tricolle, hanno arrestato in flagranza di reato un 48enne di origini asiatiche, senza fissa dimora. Gli accertamenti svolti dai militari del Nucleo operativo radiomobile sono partiti monitorando alcuni siti internet, spesso utilizzati come bacheche di annunci a sfondo sessuale, su cui le donne dedite all'attività di meretricio pubblicizzano le loro prestazioni ai potenziali clienti in cerca di "avventure", con il numero da contattare per concordare gli appuntamenti durante i quali consumare rapporti sessuali a pagamento. Poi è stata individuata una palazzina nella quale si registrava un andirivieni di persone anziane.

Export, monitor Intesa Sanpaolo: «Campania in crescita»

NAPOLI. Nel secondo trimestre 2018 si è assistito a un'inversione di tendenza positiva per l'export dei distretti del MEZZOGIORNO che registra una crescita del 2,6%, in linea con l'andamento positivo seguito dal complesso dei distretti italiani (+3,1%). Emerge dal monitor dei distretti del MEZZOGIORNO di Intesa Sanpaolo. La dinamica dell'area ha beneficiato in particolare delle buone le performance registrate sui mercati esteri dalle imprese della Puglia (+4,7%, pari a 33,2 milioni di euro aggiuntivi rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente), con la Meccatronica barese che fa da traino all'export della regione. Positivo anche l'esito dell'export della Campania (+3,4%), supportata dalle buone performance delle Conserve di Nocera (secondo distretto del MEZZOGIORNO per valore di export dopo la Meccatronica barese), e dal forte balzo dell'Alimentare di Avellino. 

Estorsioni a commercianti, misure cautelari per babygang

SALERNO. Una babygang taglieggiava alcuni esercizi commerciali nel centro storico di Salerno gestiti da cittadini bengalesi, costringendo i titolari a subire furti, danneggiamenti e allontanamento della clientela fino ad arrivare a una vera e propria richiesta estorsiva di denaro. È quanto scoperto grazie alle indagini coordinate dalla Procura per i Minorenni di Salerno, guidata dal procuratore Patrizia Imperato, culminate nell'esecuzione di 3 ordinanze cautelari, di cui 2 con collocamento in comunità e una permanenza in casa, nei confronti di minori residenti a Salerno. Sono stati inoltre richiesti provvedimenti di natura amministrativa nei confronti di due minori non imputabili, concorrenti nel reato. Dalle indagini è emerso che da circa un anno un nutrito numero di ragazzi creava nei titolari degli esercizi commerciali uno stato di soggezione tale che li vedeva rassegnati a subire ogni sorta di angherie, fino a vere e proprie estorsioni. Le vittime, per paura di più gravi ritorsioni, sottostavano alle richieste sempre più pressanti. Le indagini sono scattate a seguito di una richiesta di intervento fatta da una delle vittime che, resasi conto della possibilità di tutela, ha denunciato i fatti subiti indicando anche altri connazionali vittime di reati analoghi. Con l'attivazione dell'Upg di Salerno, diretto dal vicequestore Giuseppina Sessa, sono stati ricostruiti i fatti denunciati consentendo l'individuazione degli indagati minorenni. Le indagini proseguono per la ricerca di altre eventuali vittime. 

Ragazzina con ossa di vetro operata al Moscati

AVELLINO. In seguito a un'accidentale caduta aveva riportato una frattura bilaterale del bacino e il quadro clinico, sottoposto all'attenzione di numerosi specialisti, era stato giudicato troppo compromesso per azzardare un intervento chirurgico a causa di ossa "di vetro" troppo fragili. Sembrava destinata a passare il resto della vita sulla sedia a rotelle una 15enne di San Giuseppe Vesuviano, affetta da una forma di osteogenesi imperfetta, malattia genetica rara che comporta una fragilità ossea e osteoporosi giovanile, ma fortunatamente all'ospedale "San Giuseppe Moscati" di Avellino ha trovato chi le ha dato una speranza. Il direttore dell'Uo di Ortopedia e Traumatologia della struttura campana, Antonio Medici, pur consapevole dei rischi connessi a un intervento già di per sé difficile, reso ancora più complesso dalla malattia della paziente, ha comunque deciso di offrire alla giovane la possibilità di rialzarsi sulle proprie gambe. «L'intervento - racconta il primario - si è svolto in due tempi: la prima volta, coadiuvato da un'équipe di ortopedici e anestesisti, sono intervenuto sulla frattura destra e sinistra da via posteriore. Dopo una settimana, la ragazza è tornata in sala operatoria e la frattura è stata trattata per via anteriore. In effetti - precisa - ha subito quattro interventi chirurgici in due sedute, per fare in modo che la fragilità ossea non rendesse inutili i tentativi di fissazione, da effettuare in un particolare modo per favorire la formazione del callo osseo. Ma tutto è andato meglio del previsto». La 15enne è stata dimessa da qualche giorno - riferiscono dall'ospedale - e ha iniziato la fase della riabilitazione presso il proprio domicilio. L'équipe che ha condotto l'intervento chirurgico sta ora lavorando a una pubblicazione scientifica sul caso, in quanto l'operazione eseguita non ha ancora alcun riscontro sul piano divulgativo internazionale. 

Nappi: «Nessun obbligo di assunzione, denuncio De Luca per truffa»

NAPOLI. «Presenterò alla Procura della Repubblica una denuncia nei confronti del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, per i reati di truffa e abuso della credulità popolare. Annunciando il suo piano per il lavoro De Luca ha detto che saranno assunti 10mila giovani: è una balla, mi sono preso la briga di guardare tutte le carte, da docente di diritto del Lavoro, e l'unico impegno che viene fatto è quello di finanziare i corsi di formazione e successivamente dei tirocini presso le amministrazioni disponibili. Ma al termine di questi tirocini non è previsto alcun obbligo di assunzione». Lo ha detto Severino Nappi, vicecoordinatore della Campania di Forza Italia, mostrando in diretta alle telecamere di Mattina 9 la denuncia che ha predisposto nei confronti del governatore. «Terminata la trasmissione mi recherò presso la Procura della Repubblica e consegnerò questa denuncia: il lavoro non può essere oggetto di una presa in giro, ancora di più in una terra come la Campania. I giovani - ha spiegato Nappi - credono che siamo in presenza di assunzioni, ma poi parlano le carte. Questo è un gigantesco carrozzone costruito tecnicamente bene». 

Sequestrata azienda bufalina a imprenditore vicino al clan

CASTEL VOLTURNO. La Direzione Investigativa Antimafia di Napoli sta eseguendo un provvedimento di sequestro dei beni, emesso dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del Procuratore della Repubblica di Napoli. Il valore dei beni in sequestro è stimato in oltre 350mila euro. I beni sottoposti a sequestro sono riconducibili a Giuseppe Morrone di Castel Volturno (Caserta), titolare dell'omonima impresa individuale attiva nel settore dell'allevamento di bufale e produzione di latte crudo, già destinatario di provvedimento di applicazione della sorveglianza speciale di polizia con obbligo di soggiorno nel comune di residenza per due anni e sei mesi. Morrone, figlio del defunto Pasquale, ''storico'' esponente del clan ''dei casalesi'', gruppo Bidognetti, dalle attività investigative eseguite nel tempo è risultato appartenere al citato sodalizio criminale per il quale ha gestito le estorsioni imposte agli operatori commerciali e imprenditori della zona. Secondo le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, con particolare riferimento all'installazione di apparecchi per il videopoker. Nel 2013, il Tribunale di Napoli, all'esito di due procedimenti, lo condannava, rispettivamente, alla pena di sei anno e otto mesi di reclusione per traffico di stupefacenti aggravato ed alla pena di sette anni e otto mesi di reclusione per la partecipazione al clan ''dei Casalesi'', traffico di stupefacenti ed estorsione. I cespiti raggiunti dal provvedimento di sequestro sono beni aziendali della ditta individuale ''Morrone Giuseppe'', con sede in Castel Volturno attiva nel settore di ''allevamento bufalini e produzione latte crudo'', e quattro immobili (1 fabbricato e 3 terreni) ubicati nel comune di Castel Volturno. 

Allerta meteo in Campania, scuole chiuse: bomba d'acqua su Capri

NAPOLI. Scuole chiuse in molti comuni della Campania questa mattina a seguito dell'allerta meteo di livello arancione diramata ieri dalla Protezione civile regionale per temporali e valida fino alle ore 22 di stasera. Nella provincia di Napoli, oltre al capoluogo dove il sindaco Luigi de Magistris ieri sera ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ordine e grado, gli istituti sono rimasti chiusi a Pozzuoli, dove il comune raccomanda anche di «limitare l'uso di strade soprattutto nei punti fragili della città», a Marano, a Torre del Greco, a Comiziano e a Sant'Anastasia. Anche il sindaco di Benevento Clemente Mastella ha firmato nella serata di ieri un'ordinanza con la quale si stabilisce la chiusura di tutte le scuole cittadine «in via precauzionale» per la sola giornata di oggi, lunedì 22 ottobre. In provincia di Salerno le scuole sono chiuse ad Angri, a Cava de' Tirreni, a Nocera Inferiore e a Nocera Superiore. Poche al momento le ripercussioni sulla viabilità e sui trasporti: regolari i collegamenti marittimi nel golfo di Napoli tra i porti di Napoli, Pozzuoli e Sorrento sulla terraferma e quelli isolani di Capri, Ischia e Procida. 

BOMBA D'ACQUA SU CAPRI. Disagi e allagamenti nelle strade di Capri a causa del forte temporale che si è abbattuto sull'isola e su tutta l'area del golfo di Napoli tra la scorsa notte e le prime ore del mattino. Sull'isola sono caduti oltre 70 mm di pioggia in due ore e a tratti anche grandine: il tutto ha causato fiumane e anche la caduta, in via Caterola, di un grosso albero con conseguente chiusura della strada. A Ischia il sindaco del Comune di Casamicciola Terme, Giovan Battista Castagna, ha disposto la chiusura delle scuole presenti sul territorio comunale, mentre negli altri 5 comuni dell'isola verde gli istituti scolastici sono rimasti aperti. I collegamenti marittimi tra i porti della terraferma di Napoli, Pozzuoli e Sorrento e quelli delle isole Capri, Ischia e Procida sono comunque rimasti regolari, comprese le navi veloci. 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale