Domenica 25 Febbraio 2018 - 2:24

Istituto Sant’Agostino ad Aversa: diffidata la curia, subito i lavori

AVERSA. Celerità è stata richiesta e celerità viene pretesa. Nella mattinata di ieri, su impulso dell’assessore all’istruzione Emilio Caterino (nella foto), è stata emanata un'ordinanza da parte dell’ufficio tecnico del comune di Aversa, tramite la quale si intima, ad horas, l'esecuzione dei lavori di ristrutturazione ed adeguamento presso l'Istituto Sant'Agostino, di via Michele De Chiara. In questo modo, viene diffidata la curia che, qualora non dovesse intervenire nei prossimi 4 giorni, vedrà l'amministrazione prendere possesso della gestione dei lavori di ristrutturazione in danno all'ente ecclesiastico medesimo, decurtando il costo degli stessi dai canoni di locazione.

«Lunedì scorso – afferma Caterino -  sono stati eseguiti i lavori di spicconatura.  Per quanto mi riguarda, per il sindaco e per l’amministrazione tutta, l’intervento di ristrutturazione riveste la caratteristica di urgenza e indifferibilità. Sono in continuo contatto con il diacono della curia, con le mamme degli alunni di Sant'Agostino e con la dirigente Tornincasa. Non abbasserò la guardia – avvisa l’assessore - finché gli alunni non torneranno nel plesso di Sant'Agostino in totale sicurezza».

 

Trasporti in Campania, De Luca: piano da sei miliardi per lo sviluppo

NAPOLI. Sei miliardi per il servizio, le infrastrutture e il parco mezzi del trasporto pubblico campano. Questi i contenuti del piano illustrati dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso di una conferenza stampa a Palazzo Santa Lucia. «Abbiamo delle criticità su gomma, in particolare la questione dell'Anm per la quale ci auguriamo che arrivi presto ad una definizione della questione perché è evidente che se il concordato non si chiude nel 2018 dovranno essere prese decisioni drastiche» dice De Luca che poi illustra il piano regionale. «Quando siamo arrivati avevamo due grandi emergenze: sanità e trasporti. E stiamo dando l'anima per risolverle. Per quanto riguarda il secondo ambito, abbiamo programmato l'acquisto di ulteriori 510 bus oltre ai 407 già acquistati e di altri 40 nuovi treni. È partita anche la gara per l'investimento decennale di due miliardi e mezzo, in quote da 250 milioni annui, per quattro bacini del trasporto pubblico ad eccezione di Napoli che ha scelto di gestire in proprio il servizio. E anche 40 nuovi treni. Per le infrastrutture ferroviare mettiamo due miliardi e mezzo, circa 750 milioni per Rfi e 410 per Eav».

«Il Governo regionale non si lascia distrarre dalla campagna elettorale. Stiamo producendo uno sforzo gigantesco per un rapporto corretto con istituzioni, imprese e fornitori. Non ci sottraiamo alle nostre responsabilità». A dirlo, nel corso della conferenza stampa di presentazione del piano di investimento da sei miliardi per i trasporti, è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. Che elenca le cose fatte finora: «Rivendico il trasporto gratuito per gli studenti, siamo già a quota 103mila per un impegno finanziario di 25 milioni e mezzo». Tra i cantieri aperti, De Luca ricorda quelli di «Monte Sant'Angelo della linea 7, con un investimento di 69 milioni; Scampia, con i lavori alla stazione per 24 milioni; la ripresa dei lavori alla stazione Gerolomini della Cumana: il raddoppio della ferrovia Circumvesuviana sul tratto Torre Annunziata-Castellammare; la stazione di Parco San Paolo della linea 7. E siamo in attesa di far partire quella di Baia per la Cumana e Montesanto sulla Cumana-Circumflegrea». Il governatore sorride: «Le imprese hanno trovato l'America con la nostra amministrazione. Avevamo l'obiettivo di far partire le gare e ci siamo riusciti». E ancora: «Abbiamo in corso la gara per la messa in sicurezza di altri tratti della 268 del vesuvio e abbiamo già acquistato 102 bus e altri 305 sono in via acquisizione. Stiamo lavorando per rendere automatici alcuni passaggi come il pagamento delle imprese, con le quali abbiamo mantenuto l'impegno di saldare le spettanze entro fine 2017». Infine: «Abbiamo risolto situazioni debitorie ereditate a cominciare da Rfi con i 125 milioni che non erano stati pagati. Abbiamo consegnato 12 treni Jazz e altri arriveranno entro gennaio del 2019. Con Eav abbiamo sbloccato 600 milioni pagando i debiti e stanziando altri 7-800 milioni per i cantieri. E siamo arrivati a 30 milioni di utili. E di questo mi complimento con il presidente Umberto De Gregorio. Ho letto che l'azienda di trasporti di Milano ha 500 milioni di utili. Ma li prenderemo, state sicuri».

Maltempo, allerta meteo in Campania

NAPOLI. La Protezione civile della Regione Campania ha diramato un avviso di allerta meteo per vento e mare valevole a partire dalla mezzanotte e per le successive 24 ore. In particolare, sulla Campania, spireranno venti forti occidentali con temporanee raffiche e il  mare si presenterà agitato o molto agitato, con possibili mareggiate lungo le coste esposte ai venti. La protezione civile raccomanda agli enti competenti di «porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni anche in ordine alla vigilanza sulle strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso».

Treni locali più puntuali, pool di controllori contro le evasioni

Controlli antievasioni, task force di Trenitalia sui treni regionali ed interregionali. Intanto la società assicura che il 98% delle corse è puntale. Da ieri circa trenta agenti, provenienti anche da altre regioni, divisi in quattro pool (composto da 5 agenti), contrasteranno il fenomeno dell’evasione che comporta una diminuzione di risorse destinate al servizio ferroviario regionale. È quanto spiega in una nota 
Trenitalia che opera con il suo pool nazionale di agenti dell’azienda ogni settimana in una diversa realtà regionale, in affiancamento a un “gruppo” locale che resterà sempre attivo nel proprio territorio. 
Verificheranno il possesso e la regolarità del biglietto o dell’abbonamento. «La contemporanea presenza di più agenti renderà più veloci ed efficaci i controlli e servirà da deterrente per le eventuali reazioni aggressive - recita ancora la nota - Maggiori risorse consentono di investire di più nel miglioramento del servizio».In merito alla regolarità ed alla cancellazione delle corse la direzione regionale di Trenitalia assicura che la media in Campania registra un trend positivo rispetto al 2014. «Quasi 9 convogli regionali su 10 arrivano puntuali; cancellato soltanto lo 0,7% delle corse programmate per cause imputabili a Trenitalia; migliorano gli indici di gradimento del servizio: il 77,7% dei clienti si è dichiarato soddisfatto del viaggio nel suo complesso, con una crescita di 7 punti percentuali negli ultimi due anni; in 12 mesi quasi 134mila treni circolati, per poco meno di 50 milioni di viaggiatori». 
L’azienda spiega che secondo il giudizio dei clienti (indagine fatta a novembre dello scorso anno) il servizio è soddisfacente. «Nelle ore di punta del mattino, nella fascia 6-10 è il 90,4% delle corse ad arrivare puntuale, percentuale in linea con quella dello scorso anno. Il trend continua a essere positivo: la puntualità reale aumenta di 8.0 punti percentuali rispetto al 2014” si legge ancora nel comunicato. «Sono indici che, considerando le sole cancellazioni (0,7%) e ritardi (4%) imputabili direttamente a Trenitalia, salgono al 99,3% come regolarità e 96% per la puntualità, a dimostrazione che la macchina industriale e organizzativa di Trenitalia sta confermando la sua positiva evoluzione. Il bilancio del 2017 tiene conto del volume di servizi prodotti in regione, pari a 133.916 treni circolati, percorrendo complessivamente oltre 10 milioni di km e trasportando poco meno di 50 milioni di passeggeri”. Secondo l’indagine anche il livello e la qualità delle informazioni sono migliorate (+3.8%), nell’ambito della puntualità del treno (+5.6%), pulizia complessiva del treno (+3.3%), climatizzazione della carrozza (+3.4%), cortesia e professionalità del personale (+5.4%) e comfort (+5.7%). 

D'Amelio: «M5S avanti? La partita è tutta da giocare»

NAPOLI. "Non sono molto sensibile ai sondaggi per esperienza personale, credo tuttavia che c'e' molto disagio, c'e' molta disaffezione alla politica, e sicuramente le forze piu' populiste possono giovarne in un momento di crisi della politica e del rapporto con le istituzioni, di disagio reale soprattutto nel Mezzogiorno, se pensiamo a quanti giovani cercano una occupazione che non trovano". Così Rosetta D'Amelio, presidente del Consiglio regionale della Campania, risponde, a margine di una iniziativa a Napoli, ai cronisti che gli chiedono un commento sugli ultimi sondaggi elettorali che danno nettamente avanti il M5S nelle citta' del Mezzogiorno. "Sicuramente - prosegue D'Amelio - la differenza la faranno soprattutto nei collegi i candidati. Il Pd e' il partito che ha piu' sindaci, piu' amministratori, piu' gente legata al territorio. Quindi e' una partita tutta da giocare, e questi sondaggi valgono il tempo che trovano"

Devastazione e saccheggio: presa baby-gang di 9 ragazzi nel Salernitano

SALERNO. Agli arresti domiciliari 9 ragazzi appena maggiorenni, componenti di una gang, ritenuta responsabile del reato di devastazione e saccheggio. A eseguire le ordinanze cautelari a San Marzano sul Sarno e Pagani, firmate dal Gip del Tribunale di Salerno su richiesta della locale Procura della Repubblica, sono stati i carabinieri della Compagnia di Salerno, in collaborazione con gli agenti della Squadra Mobile della Questura e del Nucleo di polizia economica e finanziaria della Guardia di Finanza.

Fonderie Pisano, De Luca incontra il "Comitato salute" in Regione

SALERNO. Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha incontrato oggi a Palazzo Santa Lucia i rappresentanti del "Comitato Salute" e Vita di Salerno sulle questioni relative all'inquinamento e alla delocalizzazione delle Fonderie Pisano di Salerno. Hanno partecipato alla riunione anche il vicepresidente della Regione Fulvio Bonavitacola, il direttore dell'Istituto Zooprofilattico Antonio Limone e il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli. "Abbiamo deciso - dichiara De Luca  - di mettere un punto fermo su questa vicenda che non può essere trascinata oltre. Come Regione Campania abbiamo deciso nei mesi scorsi l'avvio dell'indagine 'Spes' nell'area della Valle dell'Irno, a cura dell'Istituto Zooprofilattico e dell'Istituto Superiore di Sanità, proprio con l'obiettivo di avere e dare serenità e certezze. Il lavoro è pienamente in corso ed è quasi concluso. Si può già dire che siamo in presenza, grazie ai 400 prelievi di sangue effettuati a campione, di una presenza sopra la media di zinco e selenio. È uno studio rigoroso. Attendiamo i risultati finali, ma quello che ci interessa è fare un'operazione-verità, a tutela innanzitutto della salute dei cittadini".

Emergenza barelle,
i medici contro la Regione

CASERTA. "Rispunta il rischio emergenza barelle a causa di due fattori specifici: l'assenza di un filtro territoriale e l'incertezza organizzativa sul ruolo degli ospedali napoletani". Lo afferma l'Anaao Assomed, che aggiunge: "Inefficienze dovute alla gestione fallimentare della sanità campana messa in atto dalla Regione Campania".

Finanza, concorso per ruolo tecnico logistico: entro il 18 le domande

Sulla Gazzetta Ufficiale - 4^ Serie Speciale – n. 96, del 19 dicembre 2017 è stato pubblicato il concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di 10 tenenti in servizio permanente effettivo del “ruolo tecnico-logistico- amministrativo”, per l’anno 2017. Possono partecipare al concorso i cittadini italiani che, alla data del 1° gennaio 2017, non abbiano superato il giorno di compimento del trentacinquesimo anno di età (siano quindi nati in data non antecedente al 1° gennaio 1982) e siano in possesso di un diploma di laurea ovvero di laurea specialistica o di laurea magistrale o titolo equipollente, richiesto per la specialità per cui concorrono. La presentazione delle domande dovrà avvenire entro il 18 gennaio 2018.

La domanda di partecipazione al concorso deve essere compilata esclusivamente mediante la procedura telematica disponibile sul portale attivo all’indirizzo www.concorsi.gdf.gov.it , dove è possibile acquisire ulteriori e più complete informazioni di dettaglio, seguendo le istruzioni del sistema automatizzato. I concorrenti, che devono essere in possesso di un account di posta elettronica certificata (P.E.C.), dopo essersi registrati al portale, potranno accedere, tramite la propria area riservata, al format di compilazione della domanda di partecipazione.

Nasce il distretto turistico “Aversa Normanna - Campania Felix"

Istituito con decreto nr.18 dell’11 gennaio 2018 del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, firmato dal Ministro Dario Franceschini (nella foto), il Distretto Turistico "Aversa Normanna - Campania Felix”.

Il Distretto, istituito a norma della Legge 106 del 2011, ha una delimitazione territoriale nei Comuni di: Aversa (comune capofila), Carinaro, Cesa, Lusciano, Parete e Sant’Arpino.

I sei comuni casertani, contigui, hanno promosso, con Delibera di Giunta comunale, lo sviluppo turistico dei loro territori vedendosi riconoscere, con il Decreto nr.60 del 28.12.2017 della Direzione Generale per le Politiche culturali e il Turismo, il parere favorevole della Regione Campania.

Il Distretto Turistico rappresenta un approccio nuovo per lo sviluppo di un’Area delimitata. Esso mira a creare un Sistema Integrato che pianifichi in modo unitario l’offerta turistica al fine di valorizzarne il Patrimonio naturale e culturale attraendo nuovi flussi turistici, rientrando in circuiti già sviluppati o promuovendone di nuovi, mettendo a disposizione delle imprese di quel territorio, o di quelle che decidono di insediarsi in quell’Area, servizi efficienti e di qualità.

Con l’istituzione del Distretto turistico Piccole e medie imprese, Enti Locali, Associazioni di categoria e professionali hanno finalmente la possibilità di fare sistema per meglio rispondere alle esigenze del mercato, sostenere la cooperazione tra le imprese, migliorare l’organizzazione dei servizi e promuovere nuovi modelli di sviluppo il tutto rendendo più attrattiva anche in termini di investimento l’Area obiettivo del Distretto.

La Legge 106 /2011 prevede per le imprese del Territorio del Distretto la possibilità di accedere a contributi fiscali, amministrativi e finanziari. Con il Distretto vengono istituite aree territoriali a burocrazia zero, con facilitazioni amministrative per l’avvio e la gestione delle stesse. Con esso si amplia la possibilità di accedere per le stesse imprese ai benefici previsti per le Zone franche urbane nonché a specifiche misure agevolative per la Ricerca e lo Sviluppo, nonché, a facilitazioni per l’accesso al credito, agevolato e non, anche attraverso un sistema di confidi a garanzia per gli istituti di credito. Le facilitazioni previste alle imprese che aderiscono al Distretto turistico sono anche in termini di accesso ai servizi, infatti, per favorire la celerità nei rapporti con le pubbliche amministrazioni, e non solo, all’interno dei Distretti saranno attivati sportelli unici di coordinamento delle attività delle Agenzie fiscali e dell’INPS, attraverso i quali le imprese potranno risolvere qualsiasi questione di competenza di tali enti, presentare richieste ed istanze nonché ricevere i provvedimenti conclusivi dei relativi procedimenti, rivolte ad una qualsiasi altra amministrazione statale.

Il Distretto turistico “Aversa normanna – Campania Felix” nasce su iniziativa dell’Associazione Distretto turistico Aversa normanna – Campania Felix con sede in Aversa, presieduta dall’ingegnere Giovanni Spezzaferri, dei sei Comuni che delimitano il perimetro-obiettivo del Distretto, dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli Nord, di Confapi Campania, del Distretto dei Beni culturali Databenc, di Aigo Abbac Campania e del Coordinamento regionale dei Distretti turistici della Campania.

Viva soddisfazione del presidente Giovanni Spezzaferri che si è dichiarato entusiasta del riconoscimento ministeriale che ripaga lo sforzo organizzativo profuso per la promozione territoriale del Distretto e per la redazione del Piano di fattibilità dello stesso a cui ha collaborato il Coordinatore regionale dei Distretti turistici Enzo Marrazzo. Il Sindaco di Aversa, l’architetto Enrico de Cristofaro si è detto soddisfatto del riconoscimento del Mibact, nella persona del ministro Franceschini, che vede riconoscere alle Amministrazioni interessate un nuovo modo di pianificare lo sviluppo territoriale. Una visione comune che non può prescindere dal turismo; dalla possibilità di valorizzare il patrimonio storico-cultuale-religioso delle nostre Comunità. De Cristofaro, il Vicesindaco Michele Ronza e l’Assessore Alfonso Oliva (che hanno seguito la predisposizione dell’istanza di candidatura del Distretto) si sono detti grati nei confronti dei sindaci e delle giunte comunali degli altri cinque comuni che hanno deliberato l’adesione all’iniziativa. La Città di Aversa ha la responsabilità di promuovere iniziative similari per le nostre Aree; la normativa regionale e nazionale ci impone di ragionare non più come singoli potentati ma con un principio più ampio di Scala Vasta.

Guido Rossi, vicepresidente dell’Ordine dei Commercialisti di Napoli Nord ha commentato con entusiasmo l’importante riconoscimento del ministero. Il Consiglio dell’Ordine di Napoli Nord non poteva restare insensibile all’opportunità concessa ai territori, dalla Legge 106 del 2011; è compito anche del nostro Ordine professionale di promuovere iniziative tese a favorire lo sviluppo delle Aree del nostro Circondario, favorire il miglioramento dell’efficienza nell’organizzazione e nella produzione di servizi, di assicurare garanzie e certezze giuridiche alle imprese che vi operano con particolare riferimento alle opportunità di investimento, di accesso al credito, di semplificazione e celerità nei rapporti con le pubbliche amministrazioni. Il Distretto turistico per i nostri territori può rappresentare un importante volano di sviluppo. L’entusiasmo con il quale molte imprese del nostro territorio hanno aderito agli intenti del Distretto deve far riflettere, ci testimonia che abbiamo un tessuto imprenditoriale attento ed esigente e che abbiamo il dovere di valorizzare, non solo il nostro patrimonio storico-culturale, ma anche le eccellenze imprenditoriali delle nostre aree. Lo sviluppo di Filiere turistiche tematiche, come quella enogastronomica, con la valorizzazione di prodotti come la mozzarella, il vino asprinio, la polacca, le fragole, la mela annurca ecc., alla pari di quella artigianale, con il calzaturiero ed il tessile, sono importanti occasioni di riscatto del nostro territorio che, insieme alla Filiera del turismo culturale e religioso, offrono alle nostre imprese, e di conseguenza ai nostri giovani, un imperdibile occasione di sviluppo.

Il prossimo step che si propone l’Associazione del Distretto turistico è quello di ampliare la base di adesione allo stesso delle Associazioni di categoria e professionali, di promozione e valorizzazione turistica e culturale, del tessuto imprenditoriale nonché con le tante Istituzioni scolastiche che già si prodigano sul territorio per poi sviluppare le previste convenzioni con gli Enti pubblici finalizzate a migliorare e semplificare le procedure.

 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica