Sabato 26 Maggio 2018 - 21:13

Restauro Teatro Grande, sequestro da 6 milioni di euro all'ex commissario straordinario degli Scavi

POMPEI. Il restauro che cementificò il Teatro Grande di Pompei negli Scavi avrebbe provocato un danno da 6 milioni di euro alle casse dello Stato. Questa, dunque è la somma sequestrata questa mattina dalla Guardia di Finanza al commissario straordinario dell'emergenza Scavi di Pompei, Marcello Fiori.

Il restauro, per il quale era stata programmata una spesa pari a 450mila euro, lieviò nei costi fino a 8 milioni di euro.

Le indagini erariali condotte dai finanzieri oplontini, diretti dal colonnello Carmine Virno e coordinati dal procuratore Donato Luciano, hanno permesso di accertare il danno pe le forniture in lavori condotti con aggiudicazioni dirette nel 2010.

Per questa vicenda è già in corso un procedimento penale davanti al tribunale di Torre Annunziata. Insieme a Marcello Fiori, la Procura della Corte dei Conti di Napoli indaga per danno erariale i funzionari Salvatore Nastasi, Giuseppe Proietti, Stefano De Caro, Raffaele Tamiozzo, Maria Grazia Falciatore, Roberto Cecchi, Jeannette Papadopoulos, Bruno De Maria e Maria Pezzullo.

«Lungomare, ora docce per la stagione balneare»

NAPOLI. «Il celere intervento del comune, in seguito alla segnalazione dei cittadini stessi circa lo sversamento di liquami da una condotta proprio nei pressi di Rotonda Diaz, ha consentito di restituire a cittadini e turisti la spiaggia e la possibilità di tornare a fare il bagno. Le analisi dell’Arpac hanno infatti consentito la rimozione del divieto di balneazione e l’arenile è stato di nuovo preso d’assalto. Nell’imminenza della stagione estiva chiediamo che siano posizionate al più presto le docce per offrire un servizio indispensabile per le famiglie che decidono di trascorrere qui una giornata di mare». Lo ha dichiarato il consigliere regionale dei verdi, Francesco Emilio Borrelli che ha effettuato un sopralluogo in zona.

Casalnuovo, nuova area alla memoria di don Gennaro Fico

CASALNUOVO. Alla presenza del vescovo di Nola, monsignor Francesco Marino, l’amministrazione comunale di Casalnuovo guidata dal sindaco Massimo Pelliccia ha inaugurato un nuovo slargo di Tavernanova che è stato dedicato alla memoria di Don Gennaro Fico, parroco storico del territorio e punto di riferimento importante per l’intera comunità. «Insieme al parroco della chiesa dell’Addolorata, Don Ciro Biondi, abbiamo deciso di riqualificare questo spazio e di riposizionare la storica statua della Madonna  al centro dell’area – ha spiegato il primo cittadino – creando questo spazio aggregativo,  che è stato affidato dalla chiesa in comodato d’uso al Comune, intendiamo donare  uno nuovo punto di ritrovo alla città: un’area dove poter stare insieme e far crescere il senso di comunità che  tutti i residenti della zona già sentono. Prima di dedicare questo spazio alla memoria di Don Gennaro Fico, un punto di riferimento importante per tutti – ha aggiunto il Sindaco – abbiamo chiesto il parere dei cittadini che hanno accolto con grande entusiasmo quest’iniziativa che servirà a ricordare sempre l’operato di questo parroco straordinario». La statua della Madonna, restaurata e posta al centro della nuova area, è stata poi scoperta e benedetta dal vescovo di Nola. «Felicissimo di essere qui e di aver trovato ad accogliermi tanti cittadini uniti dal loro forte senso di comunità – le parole di Monsignor Marino - oggi ricordiamo un grande sacerdote che ha lavorato molto in mezzo alle persone con il suo spirito di pastore. Questa mattinata servirà inoltre a rinsaldare il vincolo che per tanti anni ha unito le suore di Sant’Anna e questa comunità di fedeli». Al termine della benedizione il sindaco ha simbolicamente donato le chiavi della città al Vescovo di Nola ed alla rappresentanza delle suore di Sant’Anna che hanno partecipato alla cerimonia.

«Ancelotti al Napoli? Non vede l'ora, gli hanno già rubato l'orologio», bufera su Luca e Paolo

NAPOLI. Bufera su Luca e Paolo, la coppia comica che, durante una trasmissione in Rai, ha commentato l'arrivo di Ancelotti sulla panchina del Napoli. «Non vede l'ora di allenare il Napoli» dice Paolo. E Luca gli risponde: «Gli hanno già rubato l'orologio». Il video fa il giro del web grazie ai social, scatendo i commenti dei tifosi. «Alla grande nella lista nutrita dei comici cretini che non fanno ridere, come il tizio che disse alla Loren che era "sempre una gran topa" alla serata dei David (mi pare si chiamasse Ruffini, ma spero di dimenticarmene presto)». Così lo scrittore Maurizio de Giovanni commenta su Facebook.

QUI IL VIDEO

Fico al Salone del libro: «Bel colpo Ancelotti sulla panchina del Napoli»

NAPOLI. «In questo momento il presidente del Consiglio incaricato e il Presidente della Repubblica stanno lavorando per riuscire a dare un Governo al Paese. Speriamo che arrivi il prima possibile». Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, a Napoli in visita al Salone del libro e dell'editoria. A chi gli chiede se non è eccessivo che salti tutto per il nome di Savona, Fico risponde che «questa è un'interlocuzione tra il Presidente della Repubblica e il presidente incaricato, lasciamo a loro. Poi vediamo. Io spero che si vada avanti». «Se mi aspettavo l'alleanza con la Lega? Mi aspettavo un'alleanza parlamentare, la nostra Repubblica è parlamentare e su dei punti programmatici il Parlamento fa nascere il Governo. Funziona così». «Il Parlamento - ha aggiunto Fico - ha lavorato per una interlocuzione istituzionale e il paese deve avere un Governo, su questo non c'è dubbio. Se si guarda un po' la storia, mi sembra che ci sia una coerenza in questi mesi». 

 

BATTUTA SU ANCELOTTI. C'è stato spazio anche per qualche battuta a sfondo calcistico nel  corso della visita del presidente della Camera Roberto Fico al Salone del libro e dell'editoria di Napoli. Secondo Fico, tifosissimo del Napoli, Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli «è un bel colpo. Dopo Sarri o si prendeva un allenatore top in Europa o ci sarebbe stata un po' di rivoluzione in città». Secondo Fico «ci dovremo abituare a un altro gioco, l'imprevedibilità degli schemi di Sarri era stupenda ma è anche giusto che i cicli inizino e finiscano e ricomincino più forti di prima».

 

IL SUD. «Non tradirò mai il Sud, è impossibile». Così il presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, rispondendo indirettamente al sindaco di Napoli Luigi de Magistris che ieri ha accusato il Movimento 5 Stelle di aver «tradito il Sud» e i tanti voti ricevuti dal Movimento nel Mezzogiorno. «Il Sud - ha detto Fico - è elemento fondamentale e fondante, come tutta Italia. Le cose vanno distribuite su tutto il territorio nazionale, non c'è ombra di dubbio su questo. Qualsiasi governo deve per forza fare questo, perché il Sud è l'opportunità di sviluppo maggiore che c'è in Italia e nel panorama europeo».

 

IL CONTRATTO. «Sia Di Maio che Salvini hanno detto che è un contratto, non un'alleanza. Sono due cose molto diverse» ha detto Fico. Il confronto tra Movimento 5 Stelle e Lega, ha aggiunto, «fa parte della dialettica parlamentare e della ricerca della formazione di una maggioranza. È in quest'ambito che ci stiamo muovendo». 

Vasto, la protesta parte dagli immigrati

di Ranieri Giova

NAPOLI. I diritti al decoro e alla sicurezza non appartengono a nessun colore politico, a nessuna razza e a nessuna religione.  Dopo anni di demagogia che condannava le battaglie di civiltà dei residenti di Porta Nolana e del Vasto, unici in città ad aver dimostrato accoglienza anche oltre ogni limite consentito dalla legge, finalmente la protesta viene legittimata non dal Comune, non dalla Prefettura, non dagli intellettuali, ma da un comitato di immigrati che si unisce alla protesta dei residenti. Già in prima linea nella marcia pacifica dello scorso 17 maggio il comitato si organizza e si fa promotore di iniziative proprie per combattere la violenza, la sporcizia e il degrado che imperversano nelle strade intorno a piazza Garibaldi. Per le vie del Vasto, infatti, sono stati affissi dei manifesti che puntano a sensibilizzare i cittadini nel rispetto di alcune regole minime di civiltà. «Emergenza. Per una città pulita e accogliente, siamo responsabili. È assolutamente vietato: gettare rifiuti in strada, urinare a bordo strada, consumare bibite alcoliche davanti agli esercizi commerciali, radunarsi rumorosamente davanti agli esercizi commerciali, fumare e consumare sostanze stupefacenti». È questo il messaggio inequivocabile firmato “Comitato immigrati”, tradotto anche in lingua francese e inglese, in modo da essere compreso da tutti. Guarda caso il testo affisso al muro elenca parte delle lamentele che i cittadini di Porta Nolana e Vasto da anni sottopongono alle autorità competenti, senza ricevere le adeguate risposte e talvolta accusati anche di razzismo. I dispositivi sicurezza nati negli ultimi giorni, grazie anche al particolare interessamento dell'assessore comunale Alessandra Clemente, sono utili ma hanno una missione esclusivamente repressiva. I rom e i violenti sono cacciati da un marciapiede ma si riposizionano su quello accanto, quindi gli interventi non rappresentano una soluzione al problema. Quella che ad oggi manca è una programmazione politica sulle soluzioni radicali ai problemi denunciati. Via i Cas della stazione, stroncare il “traffico” dei vestiti usati partendo dalla raccolta fino allo stoccaggio in aree nascoste, eliminare i cassonetti degli indumenti vecchi dalle strade visto che sono totalmente saccheggiati dai rom, un autocompattatore per distruggere la merce, una zona di libero scambio e un dispositivo che vieti la vendita degli alcolici dopo una certa ora. Sono queste solo alcune proposte che i residenti e i comitati civici avanzano al Comune e alla Prefettura per tentare di risolvere definitivamente il problema.

 

Villaricca, sventato furto d'appartamento: arrestato un 31enne

VILLARICCA. Carabinieri sventano furto in appartamento e arrestano un 31enne. I carabinieri della Compagnia di Marano di Napoli hanno arrestato in via Pirozzi a Villaricca, Domenico Ruggiero, un 31enne di Marano, incensurato. I militari dell’Arma sono intervenuti a seguito di richiesta di movimenti sospetti al 112 e hanno sorpreso il 31enne e suoi complici intenti a forzare la finestra di un’abitazione. Alla vista dei militari i complici si sono dati alla fuga a piedi. Ruggiero è stato invece bloccato a bordo della Panda di suo padre, con la quale tutti erano giunti sul posto. La perquisizione del veicolo ha portato al rinvenimento di vari arnesi atti allo scasso (flessibili, piedi di porco, cacciaviti, corde, martelli). Sono ancora in corso indagini per identificare i complici e per verificare l’eventuale coinvolgimento del 31enne in analoghi reati commessi sulla zona. L’arrestato attende il rito direttissimo.

Ospedale del mare, effettuato espianto di organi

Il sig Sito Claudio di anni 61   è stato sottoposto ad angioplastica presso l’Ospedale del Mare dall’equipe del dr. Tuccillo con ottimo risultato e il cuore ha ripreso a funzionare perfettamente. Purtroppo dopo 24 ore si è realizzata una terribile e drammatica complicanza: una emorragia cerebrale massiva.Prontamente soccorso è stato intubato e trasferito in Rianimazione dove le condizioni sono subito apparse disperate. La assistenza intensiva ha permesso di scongiurare l’arresto del cuore, ma purtroppo per il cervello non c’era più nulla da fare.L’intera equipe medico infermieristica della Terapia Intensiva dell’ODM, caratterizzata da una particolare propensione alla Rianimazione Aperta si è stretta vicino alla famiglia che, con encomiabile e commovente disponibilità ha offerto, prima ancora che venisse prospettata la possibilità, gli organi per eventuali riceventi che ne avessero bisogno.La commissione per l’accertamento (un neurologo, un anestesista, un medico legale), ha certificato dopo 6 ore lo stato di “morte cerebrale”. La macchina della donazione si è prontamente attivata e dopo meno di 24 ore una equipe della AOU Ruggi di Salerno (coordinata dal dr. De Rosa) e una dal Cardarelli (coordinata dal dr. Santaniello), si sono recate nel complesso operatorio dell’Ospedale del Mare dove i dottori Sterni e De Rosa, sotto la supervisione del Direttore della Unita Operativa  Rianimazione dr Zannetti, conservavano in piena efficienza gli organi.L’intero staff infermieristico della Rianimazione e del complesso operatorio ha partecipato con emozione ed impegno all’intera procedura, dando onore ad un gesto così nobile effettuato spontaneamente.Gli organi sono stati portati al Cardarelli ( il fegato) ed in Sicilia ( i reni), per una emergenza nazionale.Anche le cornee sono state prelevate e conservate presso la banca esistente al Pellegrini (sempre ASL NA1).Il Direttore dell’ODM Nunzio Quinto e la dr.ssa Focaccio (responsabile delle attivita’ sulla divulgazione della donazione di organi) hanno personalmente ringraziato ed assistito la famiglia del sig. Sito e cioe’ la moglie Maria Coppa e i figli Giusy e Marco. ” Una terribile complicanza è diventata una opportunità per 5 persone in attesa di un trapianto di organi” ha affermato Mario Forlenza Direttore Generale dell’ASL Napoli 1 Centro il quale ha anche precisato “ che le numerose iniziative di sensibilizzazione ed informazione sulla divulgazione della cultura di donazione degli organi organizzate dall’ASL sono servite a rafforzare quella “cultura” della donazione degli organi che nel caso della famiglia Sito ha trovato ulteriore linfa. Un grazie a tale famiglia perche’ attraverso il loro nobile gesto spontaneo hanno dato una speranza di vita a chi e’ in attesa di trapianto di un organo  pur nel dolore per la morte del loro congiunto”. MiSi

 

 

Rubano tablet dalla scuola, bloccati due ladri seriali

POZZUOLI. Carabinieri bloccano due presunti ladri di tablet scolastici a Monterusciello. I militari della Compagnia di Pozzuoli sono intervenuti su richiesta avanzata al 112 nell’Istituto professionale “Lucio Petronio” in via Matilde Serao dove poco prima, dopo aver forzato una porta antipanico, si era introdotto un 24enne di Napoli tossicodipendente e già noto alle forze dell'ordine, mentre la sua compagna 37enne, anch’ella già nota alle forze dell'ordine, le faceva da palo. Bloccata la donna, che alla vista dei carabinieri aveva provato a inviare una chiamata con il cellulare, i militari sono entrati nell’Istituto e hanno notato l’uomo che, disfattosi di un sacco nero (poi risultato contenere 10 Tablet del valore complessivo di 2.000 euro appena rubati dalle aule della scuola) si è dato alla fuga facendo perdere le tracce. L’immediata attività investigativa condotta anche con la visione di immagini del sistema di videosorveglianza ha però consentito di identificare subito il 24enne e di trovarlo qualche ora dopo nei presi della sua abitazione a Napoli, nel quartiere Soccavo. I 2 sono ritenuti responsabili anche di un tentativo di furto alla Scuola elementare “Pergolesi 2” nella limitrofa via Viviani. La donna è stata tratta in arresto per furto aggravato in concorso in flagranza di reato e portata nelle aule dibattimentali del Tribunale di Napoli per il rito direttissimo. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà per la stessa ipotesi di reato. La refurtiva è stata recuperata e restituita all’avente diritto. Sequestrato un cacciavite utilizzato per l’effrazione.

 

Cade dalla Vela bianca di Scampia, 20enne muore nel giorno del suo compleanno

NAPOLI. La Polizia indaga sulla morte di un giovane caduto da una delle Vele di Scampia, a Napoli. Intorno alle ore 15 sono giunte diverse segnalazioni al 113 di persone che hanno sentito un forte schianto; sul posto è stato trovato il corpo del giovane, non ancora identificato, presumibilmente caduto da un'altezza corrispondente al quarto o quinto piano dell'edificio e da una finestra delle scale, quindi non da un appartamento. Con sé aveva un telefonino all'interno del quale sono memorizzati pochi numeri. I poliziotti stanno tentando di rintracciare i familiari. 

Compiva 20 anni proprio oggi il giovane morto dopo essere caduto da una finestra posta all'altezza del quarto piano della Vela bianca di Scampia. Si tratta di un napoletano del quartiere Capodimonte, incensurato. Sul posto è giunto il padre, che è stato rintracciato dagli agenti della Polizia di Stato intervenuti, e il magistrato. Proseguono le indagini. 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica