Sabato 21 Aprile 2018 - 15:16

Azienda dei Colli, lunedì operativo il pronto soccorso del Cto

NAPOLI. Lunedì, 23 aprile, a partire dalle ore 8.00, sarà operativo il pronto soccorso dell’Azienda Ospedaliera dei Colli, all’interno dell’Ospedale Cto, in viale Colli Aminei, 21. Alle ore 10, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, visiterà la nuova struttura. Successivamente, presso l’aula magna del Cto è prevista la conferenza stampa con i vertici dell’Ao dei Colli.

Amianto killer, nuovo caso in Tribunale: morto dopo 40 anni di lavoro a Bagnoli

di Francesca Bruciano

NAPOLI. Operaio dell’Italsider muore dopo aver lavorato per anni a contatto con l’amianto. Il caso di Giuseppe Mainolfi deceduto nel 2013 per mesotelioma pleurico potrebbe aprire un nuovo canale giudiziario tra Napoli e Milano come fa presagire la causa di primo grado in corso al Tribunale di Milano contro la Otis, colosso mondiale nel campo ascensoristico. 

IL LEGALE: «CI SAREMMO ASPETTATI MENO RIGIDITÀ». Gli eredi della vittima rappresentati dagli avvocati Elena e Alessandra Bruno, ricorrono alle vie legali contro l’azienda che al momento non ha voluto rilasciare dichiarazioni. «Nel fare causa alla Otis, oggi United Technologies Holding Italy, ci saremmo aspettati minore rigidità di fronte a un dipendente che ha dedicato la vita all’azienda, come dimostrano i documenti in atti» dichiara l’avvocato Elena Bruno. 

«CHI LO HA CONOSCIUTO RACCONTI QUANTO SA». Difficile per il lungo tempo decorso trovare testimonianze di come Mainolfi lavorasse per l’azienda, però anche dall’audizione delle poche persone sentite è emerso con evidenza che l’amianto era utilizzato in Otis e che gli ascensoristi lavorassero senza protezioni. «Vorrei che chiunque abbia conosciuto Mainolfi si facesse avanti per dire quanto è a sua conoscenza» dice ancora l’avvocato, che attacca: «La posizione dell’azienda è francamente inaccettabile visto che continua a sostenere, contro ogni evidenza e dopo che non ha potuto negare l’utilizzo di amianto, che Mainolfi era un venditore di servizi».  

CONTINUA A LEGGERE SUL ROMA IN EDICOLA O SUL GIORNALE ONLINE

Picchia i genitori per 500 euro negati, arrestato

NAPOLI. A Secondigliano ha tentato un'estorsione in famiglia per un motivo poco credibile e alla fine è stato arrestato. Insisteva da una settimana con i genitori per avere 500 euro: gli servivano “per comprarsi un orologio” e non li chiedeva con modi ispirati al rispetto filiale. Il protagonista di questa brutta storia è un 24enne di Secondigliano già noto alle forze dell'ordine, che ieri è arrivato a picchiare i genitori procurando loro lesioni guaribili in 5 giorni, pur di avere quei soldi. Non ci è riuscito però perché proprio i genitori si sono rifiutati di consegnargli i soldi visto che non credevano al motivo per cui li chiedeva. Il rifiuto è costato loro l’aggressione ma durante la sfuriata del figlio non hanno esitato a comporre il 112; così poco dopo sono arrivati in quella casa i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli che hanno bloccato il ragazzo dopo una colluttazione. Il giovane dovrà rispondere di tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, resistenza a un pubblico ufficiale  e dopo le formalità burocratiche in caserma è stato tradotto in carcere.

Droga nascosta in un magazzino, 45enne arrestato a Pozzuoli

POZZUOLI. Incensurato arrestato dai carabinieri per droga nascosta in magazzino. I carabinieri della compagnia di Pozzuoli hanno tratto in arresto per detenzione di stupefacente a fini di spaccio un incensurato 45enne del luogo, Antonio Mercurio. Durante perquisizione locale nel suo magazzino è stato sorpreso a detenere 560 grammi di marijuana confezionati in una busta sottovuoto e una piantina di cannabis. Dopo le formalità di rito è stato tradotto in carcere.

Smantellata rete di spaccio a Castellammare, 16 ordinanze

IL VIDEO

CASTELLAMMARE DI STABIA. Arrestati dai carabinieri 16 componenti di una rete di spaccio. “Operazione speedball”, dal nome del mix di droghe assunto da alcuni clienti. I carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Torre Annunziata su richiesta della locale procura nei confronti di 16 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di spaccio di stupefacenti e porto e detenzione illegale di armi. Quattro arrestati sono stati condotti in carcere, 9 ai domiciliari, mentre per 3 è scattato il divieto di dimora nel comune stabiese.

 

 

Stella, aggressione alla moglie: preso dai carabinieri

NAPOLI. Nel quartiere Stella si fa trovare davanti casa dell’amica per aggredire la moglie, ma è stato bloccato e arrestato dai carabinieri. La vittima, una 24enne di origine ucraina, si era decisa a sporgere denuncia contro il marito violento e per farlo si era rivolta ai carabinieri della stazione Stella. Dopo aver denunciato tutto ciò che subiva, si era incamminata verso casa di un’amica dove si sentiva più sicura; lungo il tragitto era seguita a distanza dai carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli che la tenevano costantemente sotto controllo visivo. Giunta sotto al palazzo della sua amica per la giovane il peggio sembrava finito, ma le si è parato davanti il marito intenzionato a picchiarla di nuovo: immediato a quel punto l’intervento dei militari che si sono frapposti evitando alla donna l’ennesima aggressione. Pugni e spintoni hanno raggiunto loro ma subito dopo il soggetto, un 28enne anche lui di origine ucraina, è stato immobilizzato e tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia e violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Adesso è in carcere.

Difensore civico: Eav ripristini il servizio alla stazione Trencia

NAPOLI. "​L'Eav ripristini il servizio negli orari soliti nella stazione ​'La ​Trencia​'​ della Circumflegrea, garantendo nel contempo la sicurezza nei trasporti​". A chiederlo, con una lettera indirizzata al ​presidente​ di Eav​ Umberto De Gregorio, è il ​d​ifensore ​c​ivico della Regione Campania, Francesco Eriberto D'Ippolito.​ "Il ricorso presentato da alcune associazioni ​- spiega D'Ippolito - ​segnala la chiusura anticipata della fermata della Circumflegrea, stazione ​'La ​Trencia​'​ a Pianura, disposta per evitare non meglio precisati atti vandalici, ma è evidente che una società regionale non può disporre una tale limitazione del trasporto pubblico senza giusto motivo e soprattutto senza limiti temporali in quanto tale provvedimento causa inevitabilmente un'ingiustificata interruzione di pubblico servizio e un grave disagio ad una grande fetta della cittadinanza regionale​".​

GLI ORARI DELLA STAZIONE. La stazione della Circumflegrea "La Trencia" nel quartiere Pianura, a Napoli, resterà aperta nei giorni lavorativi fino alle ore 20 mentre chiuderà anticipatamente alle ore 18 solo il sabato e la domenica. E' Umberto De Gregorio, presidente di Eav, holding dei trasporti della Regione Campania, a rettificare quanto annunciato ieri, quando ha comunicato la chiusura anticipata della stazione alle ore 18 per i troppi atti vandalici subiti dai dipendenti nell'ultimo periodo. De Gregorio ha riferito di "episodi di vandalismo avvenuti soprattutto in certi orari: aggressioni nei confronti dei dipendenti schiaffeggiati, costretti a rifugiarsi nella guardiola o che hanno subito il taglio dei copertoni delle loro auto".Si tratta di "una situazione straordinaria e transitoria - ha assicurato De Gregorio nel corso di una diretta Facebook - e ci auguriamo che, come accaduto in altre occasioni, ci sia un presidio delle forze dell'ordine per far sì che questa misura sia immediatamente sospesa". Nel frattempo però, ha sottolineato De Gregorio, "a chi mi chiede di aprire la stazione perché si penalizza la popolazione rispondo che io voglio aprirla, ma non penalizzando le aspettative dei lavoratori. Se non ci sono le condizioni minime di sicurezza io la stazione non la apro. In questa fase le condizioni minime di sicurezza, nonostante due guardie giurate, non riusciamo a garantirle. E' necessario quindi un supporto da parte delle forze dell'ordine che sono sicuro arriverà nelle prossime ore. L'obiettivo - ha concluso - è far durare questa misura per il più breve tempo possibile".

Dante, recuperati i 25 computer rubati al Margherita di Savoia

NAPOLI. Gli agenti del Commissariato di polizia "Dante" sono riusciti in brevissimo tempo a recuperare i 25 computer, provento del furto avvenuto le prime ore di questa mattina presso l’istituto scolastico del Liceo Margherita in via Pontecorvo. Ignoti si erano introdotti la scorsa notte all’interno dell’edificio e, dopo aver scavalcato il cancello divisorio, avevano raggiunto l’aula informatica per sottrarre 25 computer. Immediatamente sono scattate le indagini degli agenti che in poche ore hanno appurato che i ladri, utilizzando due scooter, avevano trasportato velocemente la refurtiva. La capillare conoscenza del territorio e l’intuito investigativo hanno portato i poliziotti ad individuare un nascondiglio in un angolo di via Pontecorvo, dove era accatastata la refurtiva. I computer sono stati immediatamente restituiti al dirigente scolastico. Proseguono le indagini per individuare i responsabili.

 

 

 

 

 

Salute, visite gratuite nelle scuole contro le malattie cardiovascolari

NAPOLI. All'ospedale “Gemelli" di Roma, nell'ambito di una ricerca medico scientifica, sono stati recentemente diffusi i dati sulle differenze medico-sanitarie tra Nord e Sud. Il risultato è che i cittadini del Mezzogiorno si ammalano più spesso per mancanza di adeguate attività di prevenzione.

Una tendenza, assolutamente negativa, che però è diventata terreno di impegno territoriale da parte di varie associazioni ed enti. Come conferma la presentazione del progetto di prevenzione delle patologie cardiovascolari infantili "Il Futuro nel cuore", realizzato dal Rotary Afragola-Frattamaggiore–Porte di Napoli in collaborazione con il Comitato della Croce Rossa di Napoli e con il patrocinio dell’Asl Napoli 2 Nord. Visite cardiologiche neonatali e pediatriche gratuite presso gli istituti scolastici per offrire ai neonati e ai bambini del comprensorio rotariano la possibilità di diagnosticare eventuali patologie cardiovascolari. L’iniziativa, coordinata dal Prof. Marco Mucerino, docente di Cardiochirurgia della Facoltà di Medicina dell’università degli Studi di Napoli "Federico II", è ispirata ai valori rotariani della solidarietà e dell'aiuto a favore di chi non fa prevenzione per motivi prettamente economici.

«Il valore positivo della prevenzione non è quantificabile – hanno detto i promotori dell'iniziativa nel corso della presentazione che si è tenuta presso l'hotel “La Lanterna” di Villaricca – perché si tratta di salvare vite umane e soprattutto quella dei bambini».

Vomero, riapre il Parco Mascagna

NAPOLI. Riaprirà domani venerdì 20 aprile il Parco “Marco Mascagna”, chiuso dal mese di agosto scorso per la caduta di un grosso ramo di cedro. A seguito di tale episodio, si è reso indispensabile ricostruire una dettagliata analisi storica del Parco e procedere ad una valutazione di stabilità di tutte le alberature. Numerose sono state le verifiche effettuate per quantificare il grado di criticità di ogni singola alberatura  che  insieme agli interventi tecnici posti in essere, hanno avuto l'obiettivo di coniugare l'esigenza della salvaguardia del patrimonio arboreo esistente e la tutela della pubblica incolumità. Prima di arrivare alla sofferta decisione dell'abbattimento di alberature con aspettativa di vita gravemente compromessa e già sostituite con alberi giovani, sono state esperite, in più fasi e con differenti strumenti diagnostici, tutte le indagini tecniche possibili. Tale attenzione, posta a ridurre al minimo gli abbattimenti, ha reso necessario un iter procedurale molto complesso che solo ora consente la restituzione del Parco alla fruizione dei cittadini nella condizione di totale sicurezza. Tutti i 137 alberi presenti nel Parco sono stati oggetto di verifica visiva di stabilità e 16 di successivo approfondimento diagnostico di tipo strumentale, anche mediante pulling test (prove di trazione) su 5 alberi. Gli alberi abbattuti sono stati 17, mentre 30 sono stati interessati da operazioni di rimozione ramificazioni instabili, rimonda del secco e spignatura e 3 da consolidamento branche e cablaggio della chioma. Inoltre, in concomitanza degli interventi eseguiti sulle alberature, la Società Napoli Servizi spa ha eseguito numerosi interventi tecnici di miglioramento quali il ripristino del campo di bocce e dei servizi igienici oltre alla sostituzione di alcuni faretti divelti, la sistemazione dei camminamenti e messa in opera di nuovi chiusini e di griglia caditoia. «Rivolgo un grazie al personale del Servizio Verde della Città ed ai Lavoratori Socialmente Utili della Cooperativa 25 giugno per essersi prodigati  nella complessa realizzazione degli interventi di competenza. Non termina qui, in ogni caso, l'impegno dell'Amministrazione nel valorizzare sempre più il Parco, polmone verde unico nella zona, e comprendere l'idea di un nuovo concept di Parco Urbano insieme ai cittadini, in uno spirito di libera e democratica collaborazione partecipata». E’ quanto ha dichiarato l’assessore al verde Maria D’Ambrosio

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno