Lunedì 10 Dicembre 2018 - 20:11

Nascondono la cocaina nella lavatrice: coniugi in manette a Massa di Somma

MASSA DI SOMMA. Arrestati per detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti Raffaele Piccolo, 28enne, e Rosalia Gancitano, 24enne, entrambi di massa di Somma. I carabinieri di Massa di Somma nel corso della perquisizione domiciliare hanno scovato nel cestello della lavatrice tra gli indumenti sporchi 8,5 grammi di cocaina confezionata in 3 dosi, oltre a un bilancino di precisione.

Ercolano, sorvegliato speciale al bar: preso

ERCOLANO. Un sorvegliato speciale, Ciro Pollino, 55enne di Ercolano, è stato arrestato per violazione agli obblighi della misura di prevenzione. Tra i vari obblighi aveva anche quello di rientrare a casa entro le 21. Ma ieri è stato pizzicato dai carabinieri della tenenza di Ercolano, agli ordini del comandante Gianluca candura, in un bar di via Panoramica, in palese violazione degli obblighi imposti.

Droga dal Sud America: preso l'ultimo broker dei Tamarisco

TORRE ANNUNZIATA. Si è consegnato spontaneamente nelle mani degli inquireni Claudio Scuotto, 41enne, destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere e considerato affiliato al clan Tamarisco di Torre Annunziata, smantellato il 27 aprile scorso con un'operazione eseguita da nucleo di polizia tributaria di Napoli che ha portato all'arresto di 29 persone per un traffico di droga dal Sud America. Quel giorno Scuotto era in Venezuela e, a fronte delle accuse formulate a suo carico dalla Dda pronte per essere trasfuse in un mandato di cattura internazionale, ha deciso di rientrare in Italia per consegnarsi agli inquirenti. Al suo arrivo all'aeroporto di Capodichino ha trovato ad attenderlo i finanzieri del Gico. Adesso Scuotto è rinchiuso nel carcere di Secondigliano.

Sicurezza, Orlando: nuovo carcere da 1200 posti nel Napoletano

NAPOLI. Stiamo sviluppando un progetto per un nuovo carcere da 1200 unita' nell'area di Nola». Lo ha annunciato il ministro della giustizia Andrea Orlando al termine della riunione sulla sicurezza a NAPOLI che si è svolta in Prefettura. 

Rapina a portavalori sventata da polizia nel Napoletano

GIUGLIANO. Una rapina ad un furgone portavalori è stata sventata nella prima mattinata dalla polizia tra Lago Patria, alla periferia di Giugliano, e Castel Volturno. Alcuni banditi hanno tentato di bloccare il mezzo che portava un'ingente somma di denaro: più di un milione di euro. Lungo la strada, secondo quanto riferito dagli investigatori, è stato dato alle fiamme un altro veicolo con l'intento di bloccare il traffico. La rapina non è avvenuta grazie al tempestivo intervento di una pattuglia del commissariato di Giugliano, diretti dal primo dirigente Pasquale Trocino. Gli agenti hanno spento le fiamme. Sul posto è stata recuperata anche una pistola, una Beretta. 

Endocrinologia, Federico II all'avanguardia

Napoli all’avanguardia nella cura delle malattie endocrine rare, poco conosciute ma più diffuse di quanto si possa credere e spesso letali. Per questo il Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia dell’Università degli Studi Federico II (e Centro di eccellenza nazionale e internazionale per le malattie endocrinologiche rare e per le malattie ipofisarie) diretto da Annamaria Colao ha organizzato un summit, iniziato oggi, si concluderà sabato 7 maggio, con i maggiori esperti italiani e internazionali pronti a  fare il punto sullo stato dell’arte, in particolare per una patologia ipofisaria rilevante come “l’acromegalia” e sui disturbi correlati.

Cos’è l’acromegalia

E’ una malattia endocrina rara e severa che colpisce entrambi i sessi dovuta a un tumore ipofisario benigno che induce una ipersecrezione dell’ormone della crescita GH (growth hormon) che a sua volta esercita i suoi effetti aumentando la produzione di un altro ormone, il fattore di crescita insulino-simile-1, IGF-1, prodotto principalmente dal fegato. L’azione combinata dei due ormoni produce l’acromegalia, modificazioni somatiche per cui si assiste a un aumento di volume delle estremità e del volto. Importanti le complicanze a livello cardiovascolare, respiratorio, reumatologico, metabolico e sessuale. Lunghissimo il tempo medio necessario per arrivare a una diagnosi, circa 8 anni, per una patologia che, se non trattata, presenta una mortalità molto elevata

 

L’appuntamento napoletano servirà anche a trattare il tema della gestione medica e chirurgica del paziente affetto da acromegalia, saranno discussi gli sviluppi della ricerca e le più interessanti novità sulle terapie mediche. Il Corso è strutturato secondo un’impostazione multidisciplinare e dialettica: alle letture del singolo esperto si alterneranno gruppi di lavoro di giovani specialisti coordinati da un tutor/senior su argomenti specifici della letteratura scientifica al termine dei quali verrà prodotto un documento da cui partire per realizzare un editoriale, un comment, una review o mini-review.

«La diagnosi dell’acromegalia è ancora un bisogno medico non risolto, in quanto i medici che hanno una limitata o nulla esperienza della malattia non la riconoscono, mentre è necessario un primo sospetto diagnostico per indirizzare il paziente a un Centro di riferimento dove endocrinologi specializzati in questa patologia siano in grado di diagnosticarla con certezza e trattarla: in caso contrario la mortalità dei pazienti è 3-4 volte più elevata rispetto a quella della popolazione generale – afferma Annamaria Colao, Direttore del Centro di riferimento regionale e nazionale per le malattie endocrine rare e per le malattie ipofisarie dell’Università degli Studi Federico II di Napoli e Referente italiano per le malattie endocrine rare per la Comunità Europea – il rischio di decesso, correlato soprattutto alle complicanze cardiovascolari e respiratorie,  non dipende solo dalla terapia ma anche dalla precocità diagnostica. Uno studio condotto dal nostro Centro, in parallelo con la Bulgaria, dimostra che quando l’acromegalia viene diagnosticata tempestivamente e trattata correttamente la mortalità diventa sovrapponibile a quella della popolazione generale».

 

Il Centro di riferimento in endocrinologia dell’Università Federico II di Napoli è una struttura all’avanguardia in Italia per la diagnosi e la cura dell’acromegalia, dei tumori ipofisari e della sindrome di Cushing. Oltre alle competenze del personale sanitario, è dotata di laboratori d’avanguardia e conduce ricerche sia cliniche, sia di base su nuove molecole, in particolare per l’acromegalia e per il Cushing, con l’obiettivo di mettere a disposizione dei pazienti armi terapeutiche sempre più efficaci nel curare queste patologie rare ma di estrema gravità.        

Portici, scooter investe ragazzina: entrambi in gravi condizioni

PORTICI. Sarebbero in gravi condizioni una ragazzina investita da uno scooter a Portici e il centauro che l'ha travolta. Il grave incidente è avvenuto in corso Garibaldi, alla fermata dell'autobus nei pressi della scuola Media Melloni.

Ercolano, arrestato mentre ruba cavi di rame da un palo dell'illuminazione

ERCOLANO. L'hanno arrestato in flagranza mentre estraeva da un palo dell'illuminazione in via Fossogrande i cavi elettrici. I carabinieri della tenenza di ercolano hanno quindi bloccato Nunzio Zobel, 49enne, del luogo, già noto alle ff.oo. E lo hanno arrestato per furto aggravato. Non solo: perquisito, i cc gli hanno trovato altri cavi di rame, verosimilmente  provento di analoghi furti commessi in precedenza.

Peschereccio disperso, l'appello della vedova

ERCOLANO. «Non ci fermeremo fino a quando non saranno ritrovati, vivi o morti, i pescatori dispersi da quindici giorni e abbiamo lanciato anche l'hashtag #trovateli per tenere alta l'attenzione», ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che, questa mattina ha ricordato la tragedia nel corso de "La radiazza" di Gianni Simioli quando, in studio, c'era anche Luca Abete di "Striscia la notizia". «A chiedere di non fermare le ricerche, insieme a noi, c'era anche la moglie di Giulio Oliviero, il proprietario del peschereccio affondato e individuato», hanno aggiunto Borrelli e Simioli sottolineando che «al momento non è ancora chiaro se e quando cominceranno le operazioni per verificare se nel peschereccio ci siano i tre dispersi per poter poi recuperare i corpi».

Ercolano, turista ha un infarto: le guide lo salvano

ERCOLANO. Un turista olandese ha avuto un arresto cardiaco mentre si trovava in visita sul Vesuvio. Il pronto intervento delle guide alpine vulcanologiche lo ha salvato.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)