Venerdì 28 Aprile 2017 - 10:27

Truffavano anziani in trasferta, presa gang dell'Arenaccia: quattro arresti

NAPOLLI. Da Napoli a Campobasso per raggirare anziani, presi truffatori seriali in trasferta. La Polizia di Stato di Campobasso ha eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare (richieste dal procuratoreCampobasso, Armando D'Alterio ed emesse dal Gip Cardona Albini) nei confronti di quattro persone residenti nel quartiere Arenaccia di Napoli, ritenuti gli autori di numerose truffe aggravate in danno di anziani.  Si tratta di Luigi Amato, 60 anni e Alfonso Aveta di 59 (entrambi in carcere) e di Romeo Rossi di 62 anni e del 38enne Luca Torsi, sottoposti ai domiciliari. Le indagini dei poliziotti della squadra mobile di Campobasso e Napoli hanno permesso di ricostruire l'intero sistema e il modus operandi degli associati. L'analisi del fenomeno aveva evidenziato che dal 29 gennaio 2016 sino al 6 giugno 2016 presso le forze di polizia di Campobasso erano stati denunciati 41 episodi, di cui 23 consumati, tutti commessi con le stesse modalità: gli anziani venivano contattati sull'utenza di casa da persone che si presentavano come avvocati o pubblici ufficiali/marescialli dei carabinieri e venivano informate di incidenti stradali o altri problemi occorsi a figli/nipoti, problemi che si sarebbero potuti risolvere subito pagando la somma di denaro richiesta alla persona incaricata di recarsi presso il domicilio. Un gruppo stabile, come hanno dimostrato le indagini, ben organizzato con tanto di vertici e specifiche "abilità". I capi di imputazione contestati contemplano i reati di associazione a delinquere al fine di commettere plurime truffe in danno di persone anziane, sostituzione di persona, plurime truffe aggravate in danno di anziani.

Sant'Antimo, preso con la droga in cucina

SANT'ANTIMO. I carabinieri della Tenenza di Sant'Antimo hanno arrestato per detenzione di stupefacente a fini di spaccio Luigi D'Antonio, 20 anni, di Sant'Antimo, già noto alle forze dell'ordine. Durante perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 97 stecche di hashish, peso complessivo circa 150 grammi, semi di cannabis indica per circa 22 grammi, un bilancino di precisione e materiale per il taglio e il confezionamento in stecchette. Rinvenuti e sequestrati anche post-iT con appunti a mano, ora al vaglio degli inquirenti. Il tutto era stato nascosto nella cucina di casa D'Antonio ed è stato sequestrato insieme a due martelletti frangivetro rinvenuti nel corso della perquisizione. L’arrestato è in attesa del rito direttissimo.

Cardito, arrestati mentre rubano la rubinetteria in una villa

CARDITO. I carabinieri della stazione di Crispano hanno tratto in arresto a Cardito Ferdinando Amalfitano, 30 anni e Salvatore Barra, 26enne, entrambi del luogo e già noti alle forze dell'ordine. I due sono stati sorpresi all’interno di una villa proprietà di un 55enne in via Roma mentre stavano rubando la rubinetteria dei bagni e della cucina. Accortisi dei militari hanno tentato di darsi alla fuga, ma sono stati ineguiti, raggiunti e bloccati dopo un breve inseguimento a piedi. Nel corso di perquisizione sono stati rinvenuti e sequestrati diversi arnesi atti allo scasso usati per compiere il reato. La refurtiva è stata recuperata e consegnata al proprietario.

Cinquemila euro falsi nascosti in carta di giornale: bloccato 29enne di Giugliano

VILLARICCA. In un pacco rivestito di carta di giornale aveva quasi 5.000 euro falsi: preso 29enne. A Villaricca, i carabinieri dell'aliquota operativa di Giugliano in Campania hanno arrestato per falsificazione di monete e per spendita e introduzione nello Stato previo concerto di monete falsificate Massimo Bonetti, 29 anni. Il giovane residente in via della Repubblica a Giugliano e volto già noto alle forze dell'ordine, è stato bloccato sul corso Europa, subito dopo aver ricevuto un pacco rivestito di carta di giornale. All'interno dell'involucro sono state rinvenute e sequestrate 99 banconote false da 50 euro, per un totale di 4.950. I carabinieri ora indagano per identificare chi ha ceduto il pacco e se dietro al giovane si nasconda una vera e propria organizzazione. Dopo le formalitò di rito, il 29enne è stato sottoposto ai domiciliari.

Diciassette chili di marijuana sotto il letto: arrestata 47enne a Qualiano

QUALIANO. I carabinieri del nucleo Investigativo di Castello di Cisterna insieme a colleghi della Compagnia di Giugliano in Campania hanno arrestato a Qualiano, Natascia Moscardino, una 45enne di Qualiano già nota alle forze dell'ordine. Nel corso di perquisizione domiciliare, la donna è stata trovata in possesso di 17 kg di marijuana contenuti in 12 confezioni di plastica (nella foto il sequestro) rinvenute nascoste sotto il letto della camera matrimoniale. Dopo le formalità di rito la donna è stata portata nella casa circondariale di Pozzuoli. 

Folle fuga tra l'Arenaccia e piazza Carlo III: due motociclisti in manette

NAPOLI. Due giovani di 19 anni e 21 anni, sono stati arrestati dalla polizia per resistenza a pubblico ufficiale al termine di un lungo e rocambolesco inseguimento per il centro antico di Napoli. Gennaro Esposito, 19enne del Borgo Sant'Antonio Abate, e Vincenzo Persico, 21 enne del Parco Verde di Caivano  sono fuggiti sabato sera in moto da piazza Nazionale, proseguendo per via Arenaccia, Porta Capuana, via Sant' Antonio Abate, corso Garibaldi e piazza Carlo III, effettuando manovre azzardate e pericolose nel centro cittadino. I due  infatti, all’alt intimato loro, hanno iniziato una folle corsa, compiendo manovre repentine e pericolose per l’incolumità dei passanti, zigzagando tra le auto, oltrepassando incroci e salendo sui marciapiedi, pur di sfuggire al controllo. E’ stato solo grazie all’abilità dei motociclisti "Nibbio" della questura che sono stati raggiunti e bloccati. Il 19enne, al quale 5 giorni fa era stata sostituita la misura degli arresti domiciliari con quella dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria e dell’obbligo di dimora, registra a suo carico svariati precedenti penali, tra cui associazione per delinquere. Persico, che era alla guida dello scooter, non ha mai conseguito la patente. Processati con rito direttissimo questa mattina, sono stati condannati, rispettivamente, a 8 e 6 mesi di reclusione, beneficiando della sospensione condizionale della pena, oltre al pagamento di contravvenzioni per violazioni al Codice della strada per 9.000mila euro. Sono comunque di nuovo liberi.

Via Carlo Poerio pronta a rifarsi il look

napoli. Via Carlo Poerio è pronta a rifarsi il look. Entro un paio di settimane partiranno gli urgenti quanto lunghi lavori. La pavimentazione stradale è ormai irriconoscibile: avvallamenti della strada, sanpietrini saltati, tante “pezze” d'asfalto e tombini divelti. Bisogna rimettere a nuovo il manto stradale della via che collega piazza dei Martiri con San Pasquale a Chiaia. La battaglia di commercianti e residenti pare aver raggiunto un punto di svolta. Trecento firme sono state raccolte nelle scorse settimane per ottenere attenzione su una via simbolo del commercio e del turismo napoletano, ridotta in condizioni pessime.

TEMPI LUNGHI MA RESTYLING COMPLETO. Ieri mattina la conferenza di servizi in cui sono stati programmati i lavori. Dopo un sopralluogo sul posto, durante il quale sono state verificate le pessime condizioni in cui il manto stradale era ridotto, la decisione di intervenire subito. Presenti il presidente della municipalità Francesco de Giovanni, la presidente della commissione manutenzione Anna Bruno, la Napoli servizi e la polizia municipale. Entro la metà di aprile il via ai lavori, effettuati interamente dalla Napoli servizi. L'intervento durerà almeno un mese: a metà maggio dovrebbe essere concluso il percorso. «Si lavorerà step by step, per ridurre al minimo i disagi alla viabilità» assicura la presidente della commissione manutenzione Anna Bruno, che però aggiunge: «La strada verrà rifatta interamente e a regola d'arte». Nel periodo dei lavori, comunque, i disagi saranno inevitabili: chiusura parziale della strada, sensi unici alternati e probabilmente anche semafori temporanei, le soluzioni studiate per la viabilità. La strada, con la collaborazione della polizia municipale, verrà chiusa per sezioni, man mano che procederanno i lavori, affinché il danno alla viabilità sia il minore possibile.

IL DETTAGLIO DELL'INTERVENTO. Via Carlo Poerio, insomma, verrà rimessa a nuovo. Saranno rimossi i tappetini di asfalto realizzati in passato per una manutenzione veloce, ma mai definitiva. Verrà portata a livello la strada nei punti di avvallamento. Saranno rimessi a posto i sanpietrini che non ci sono più. Non una soluzione tampone, ma un vero restyling del manto stradale. «È un intervento che ci permetterà di star tranquilli anche quando torneranno le piogge –  dice ancora Anna Bruno - Sarà fatto tutto a regola d'arte, con i migliori materiali, e sarà un intervento duraturo. La NapoliServizi metterà a disposizione una squadra dedicata a questi lavori per tutto il tempo necessario. Non vogliamo correre il rischio di dover intervenire di nuovo tra pochi mesi».

Suicida per video hard, archiviazione per i cinque amici indagati

NAPOLI. È stata archiviata dal gip di Napoli la posizione dei 5 indagati per la diffusione dei video e delle foto hot di Tiziana Cantone (nella foto), la 31enne che lo scorso 13 settembre si è tolta la vita a Mugnano, in provincia di Napoli. Il gip ha accolto la richiesta della Procura di Napoli, che aveva aperto un fascicolo a seguito dell'esposto presentato dalla 31enne nel quale indicava i nomi degli amici che avrebbero ricevuto da lei il materiale fotografico e i video che hanno poi avuto ampia diffusione sul web e dei quali chiedeva la rimozione. La Procura di Napoli aprì un fascicolo nel quale ipotizzava il reato di diffamazione, iscrivendo nel registro degli indagati i 5 nomi quale atto dovuto alla luce dell'esposto presentato. Contestualmente alla richiesta di archiviazione per i 5 indagati, la Procura ha aperto un ulteriore fascicolo nel quale ipotizza il reato di calunnia nei confronti di Sergio Di Palo, l'ex fidanzato di Tiziana Cantone, che secondo i pm avrebbe spinto la stessa Tiziana a presentare l'esposto indicando i 5 come responsabili della diffusione dei video. 

Pompei, scoperti “furbetti del cartellino”: 8 dipendenti comunali sospesi, 19 indagati

POMPEI. “Furbetti del cartellino” scoperti a Pompei: sospesi 8 dipendenti comunali, indagati altri 19 truffa aggravata ai danni dello Stato e di falsa attestazione della presenza in servizio mediante modalità fraudolente. L'inchiesta è della Procura di Torre Annunziata. Questa mattina gli agenti del commissariato di Pompei hanno dato esecuzione al provvedimento di sospensione disposto dal gip. Le indagini, partite nell'aprile del 2015 dopo varie segnalazioni, hanno consentito di appurare che i dipendenti timbravano non solo il proprio cartellino ma anche quello di altri colleghi per poi allontanarsi dal posto di lavoro e dedicarsi a incombenze private. Gli agenti hanno accertato il modus operandi attraverso il monitoraggio di 2 dei 6 apparecchi “marcatempo” presenti negli uffici del comune di Pompei, oltre che con opportuni appostamenti e pedinamenti. 

Spara a operaio per gelosia, arrestato 74enne di Terzigno

TERZIGNO. Stamattina a Terzigno UN operaio è stato ferito da un colpo d'arma da fuoco mentre si recava a lavoro presso una ditta edile. Nel giro di poche i carabinieri chiudono il caso: arrestato un 74enne. Il movente? La gelosia. I carabinieri della compagnia di Torre Annunziata dopo immediate indagini hanno arrestato per tentato omicidio F. R., un incensurato 74enne di Terzigno. I militari dell’arma alle 6.30 circa di stamattina erano intervenuti in via Fancesco Iervolino a seguito di chiamata al 112 che segnalava una persona ferita con un colpo d’arma da fuoco alla spalla destra. Sul posto hanno accertato che a sparare con un fucile da caccia contro un ucraino 50enne del luogo era stato l’anziano. La vittima è stata portata da personale del 118 all’ospedale di Boscotrecase, dove è stata ricoverata in prognosi riservata ma non in pericolo di vita. Dai primi accertamenti è emerso che il fatto potrebbe essere maturato a causa di gelosia per i rapporti con una donna molto più giovane, precedentemente badante della madre dell’anziano e ora compagna della vittima. La perquisizione in casa dell’arrestato ha portato al rinvenimento e sequestro del fucile usato per il ferimento, sulla provenienza dell’arma sono ancora in corso accertamenti.

Pagine

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici