Mercoledì 20 Giugno 2018 - 15:03

Pagnozzi, presentato il Riesame per il ras di “camorra capitale"

NAPOLI. Primo ricorso della difesa nell’ambito della inchiesta denominata “Camorra Capitale” che ha portato all’arresto di 61 persone, svelando la presenza invasiva della criminalità organizzata nel territorio capitolino. A ricorrere davanti al Tribunale di Roma è proprio l’avvocato Dario Vannetiello in qualità di difensore del capo della articolatissima compagine delinquenziale Pagnozzi Domenico. La discussione del ricorso è stata immediatamente fissata il giorno 23 febbraio. Pesantissime le accuse mosse al Pagnozzi: associazione delinquenziale di stampo camorristico, associazione finalizzata al narcotraffico, 7 episodi estorsivi aggravati dal metodo camorristico, consistenti episodi di riciclaggio e intestazioni fittizie di beni. Le fonti di prova appaiono schiaccianti e sono rappresentate da massicce intercettazioni telefoniche ed ambientali, videoriprese, servizi di osservazioni e pedinamento, nonché dichiarazioni di collaboratori di giustizia, nonché dichiarazioni di persone offese nei delitti di estorsione.

Dipendente picchiato, sequestrato
e poi gettato nella discarica:
due fratelli arrestati

SANT'ANASTASIA. Picchiarono e sequestrarono un loro dipendente di origini indiane abbandonandolo nei pressi di una discarica nel Casertano: due fratelli di Sant’Anastasia sono agli arresti domiciliari con l'accusa di lesioni aggravate e sequestro di persona. I due fratelli, pregiudicati e titolari di un’azienda bufalina di Sant’Anastasia, avrebbero aggredito brutalmente il 46 enne indiano loro dipendente nell’ottobre scorso in seguito ad un litigio legato alle mansioni lavorative, e dopo aver picchiato l'uomo lo avrebbero rinchiuso nel bagagliaio di una vettura per poi abbandonarlo nei pressi della discarica Maruzzella a San Tammaro. La vittima venne soccorsa dal personale della discarica e trasportata in ospedale dove i sanitari gli riscontrarono lesioni e fratture alle costole.

Castellammare, movida tranquilla: multe e denunce

CASTELLAMMARE DI STABIA. Servizi di controllo dei carabinieri nel week-end: fioccano multe e denunce. Nel corso dei servizi di controllo del territorio nell'area stabiese, intensificati in concomitanza di carnevale, i carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia hanno ritirato 8 patenti di guida e contestato 130 violazioni al codice della strada, tra le quali quelle a 14 cittadini sorpresi a circolare senza copertura assicurativa e quelle a 32 persone che circolavano senza usare le cinture di sicurezza.

 

CONTROLLI SU STRADA I controlli su strada, inoltre, hanno portato alla denuncia per guida in stato di ebbrezza alcolica di un 24enne di Gragnano e di un 27enne e un 55enne sorpresi alla guida di vetture senza aver mai conseguito la patente. Un cittadino rumeno 40enne residente a Sant'Antonio Abate è stato denunciato per rifiuto di sottoporsi all'accertamento dello stato di ebbrezza al quale i militari volevano sottoporlo dopo essere intervenuti per un sinistro stradale.

 

PARCHEGGIATORI ABUSIVI. Due pregiudicati sono stati identificati, multati e allontanati da piazza Unità d'Italia ove stavano abusivamente esercitando l'attività di parcheggiatore nei pressi dei locali d'intrattenimento. Ai 2 i militari dell'Arma hanno sequestrato i proventi dell'attività svolta illecitamente, 115 euro.

TOSSICODIPENDENTI DENUNCIATI. 24 persone sono state segnalate al prefetto perché trovate in possesso della quantità complessiva di 62 grammi di marijuana e di 7,3 grammi di cocaina che detenevano per uso personale. Contemporaneamente sono stati eseguiti controlli a carico di 25 soggetti d'interesse operativo: personaggi agli arresti domiciliari o sottoposti alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.
Un pregiudicato 61enne di Casola di Napoli è stato denunciato per detenzione abusiva di una pistola lanciarazzi calibro 9 risultata acquistata in germania e del tromboncino e 19 cartucce per la stessa.
Una 20enne di Sant'Antonio Abate nonché un 26enne e un 49enne di Castellammare di Stabia sono stati denunciati per essersi resi responsabili di furto di energia elettrica, detenzione a fini di vendita di sigarette di contrabbando e pe rviolazione di sigilli.

Area flegrea allagata, stop ai treni della Circumflegrea

QUARTO. Interrotti i collegamenti della Circumflegrea tra Napoli Montesanto e Torregaveta per l'allagamento della linea ferrata nei pressi della stazione di Licola Borgo a causa della pioggia battente. I convogli sono costretti a fermarsi nella stazione di Grotta del Sole a Monterusciello e poi ritornano a Napoli. Attualmente è al lavoro una squadra di tecnici Eav per individuare il problema e verificare anche l'ipotesi di possibili cedimenti de binari nel tratto interessato. Secondo le prime indicazioni emerse si tratterebbe dell'intasamento della fogna tra Licola Borgo e Licola mare che avrebbe provocato anche la fuoriuscita di melma. Allagamenti si sono registrati anche nella zona di Licola e Monterusciello di cantinati e locali al piano terra.

 

Pozzuoli, sabotate le centraline per l'accesso alla Ztl del Lungomare

POZZUOLI. Dopo i raid contro le auto della municipale e le aggressioni ai vigili, a Pozzuoli continua la guerra della sosta. Lo ha annunciato il sindaco Vincenzo Figliolia che in un tweet di qualche ora fa ha scritto: "Manomesse la notte scorsa le centraline della Ztl per gli accessi sul lungomare di via Napoli". Un assalto premeditato e studiato nei mini dettagli: i varchi sarebbero entrati in funzione tra qualche giorno, limitando l’accesso delle autovetture. Il sindaco comunque ha lasciato intendere che questi episodi non fermeranno il dispositivo previsto per la zona del Lungomare: «Riattivazione immediata perchè non ci facciamo intimidire. Tolleranza zero e massima vigilanza». Gli occhi dei varchi elettronici saranno attivati la prossima settimana e il Comune prepara il piano per impedire nuovi sabotaggi e, soprattutto, per individuare e arrestare i responsabili.

 

 

 

Preparava le dosi di droga
nella casa della nonna morta:
arrestato pregiudicato 27enne

TERZIGNO. Un pregiudicato di 27 anni e la convivente, utilizzavano l’appartamento della nonna, defunta due mesi fa, ubicato al piano terra nello stesso stabile ove abitavano, come base per il confezionamento di droga.

Gli agenti del Commissariato di San Giuseppe Vesuviano hanno fatto irruzione nell'appartamento in via Zabatta a Terzigno trovando e sequestrando diverse dosi di cocaina e marijuana, un bilancino di precisione, due pistole ad aria compressa, complete di serbatoio carico a gas, pallini in metallo per armi, oltre alla somma di €.1.860, suddivisa in banconote di vario taglio.

La perquisizione, estesa anche all’abitazione al piano terra, ha portato al ritrovamento di un bilancino di precisione, oltre ad un piccolo rametto di marijuana essiccata, il tutto poggiato sul tavolo della cucina.

Solo 8 giorni fa, i poliziotti avevano già svolto analoga operazione presso l’abitazione dell’uomo che, nella circostanza, riuscì a fuggire proprio nell’attimo in cui furono rinvenute delle dosi di droga.

Il 27enne Alan Cristian Batti è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in concorso con la convivente 20enne solo denunciata in stato di libertà.

Batti, in attesa d’esser giudicato con rito per direttissima,  è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Ladri a Chiaia fermati in una casa: è allarme

NAPOLI. La Polizia di Stato di Napoli è intervenuta nella notte in un appartamento di via Michelangelo Schipa arrestando tre uomini; Vincenzo Strazzullo, 64anni, Gaetano Russo, 51 anni e Francesco Costabile 57anni tutti napoletani per il reato di furto aggravato. I poliziotti, dei commissariati San Ferdinando e Bagnoli collaborati dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, in seguito ad una segnalazione al 113 hanno raggiunto l’appartamento al terzo piano di via M. Schipa; udendo rumori provenienti dall’interno della casa ed essendo i proprietari in vacanza chiedevano ausilio ai Vigili del fuoco e con un’autoscala entravano dallo stesso balcone da cui erano entrati i ladri. I tre uomini bloccati all’interno erano entrati forzando una finestra condominiale prospicente il balcone dell’immobile. La Polizia ha rinvenuto e successivamente restituito all’ignara vittima una fodera da cuscino utilizzata come sacco con all’interno numerosi monili in oro e pietre preziose di ingente valore. I tre sono stati arrestati.

 

Pistola in pugno tenta una rapina a Chiaiano, arrestato

NAPOLI. La Polizia di Stato ha arrestato Massimo Fusco napoletano 41enne per il reato di rapina aggravata. I poliziotti del commissariato Chiaiano, durante il controllo del territorio , nella tarda serata di ieri, hanno notato in Via E. Scaglione il titolare di una cornetteria ingaggiare una colluttazione con un altro uomo che impugnava una pistola. Prontamente gli agenti sono intervenuti bloccando l’uomo armato riuscendo a disarmarlo. I poliziotti hanno accertato che il 41 enne, pochi attimi prima, aveva fatto irruzione all’interno di un esercizio commerciale di Via Cupa Tozzole ed impugnando una pistola, risultata giocattolo privata del tappo rosso, aveva intimato al titolare di consegnare quanto in cassa. La vittima dopo aver consegnato quanto richiesto inseguiva il rapinatore che a bordo di un motociclo aveva tentato di scappare; durante la fuga aveva minacciato nuovamente la vittima che lo inseguiva a bordo della sua autovettura. Il rapinatore nel voltarsi per mirare alla vittima aveva perso l’equilibrio cadendo dallo scooter; a questo punto il negoziante notata la pattuglia della Polizia attirava l’attenzione dei poliziotti. L’uomo è stato arrestato, il ciclomotore e la pistola sottoposti a sequestro. I 120 euro rapinati sono stati riconsegnati al titolare della cornetteria.

Terzigno, aveva rapinato l'iPhone a due ragazzini: identificato 32enne

TERZIGNO. I carabinieri della stazione di Terzigno hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa per rapina aggravata dal gip di Nola a carico di Salvatore Capuano, un 32enne napoletano. Il provvedimento restrittivo gli è stato notificato nel carcere di Poggioreale, dove l'uomo è rinchiuso in attesa di giudizio per altri reati. I carabinieri di Terzigno hanno individuato il 32enne in una rosa di sospettati con l'utilizzo del sistema informatico weblase in uso all'Arma, identificandolo quale autore di una rapina perpetrata in via Bovio a Terzigno, nei pressi di una scuola media. Il 27 novembre scorso a volto scoperto, aveva avvicinato i due minori (una ragazzina e un coetaneo) e dopo averli minacciati con un coltello li aveva costretti a consegnare i loro telefonini iPhone.

Massa di Somma, calci e pugni
alla convivente e alle 2 figlie: arrestato

MASSA DI SOMMA. I carabinieri della stazione di San Sebastiano al Vesuvio hanno arrestato a Massa di Somma un 34enne del luogo già noto alle forze dell'ordine, accusato di maltrattamenti in famiglia e di lesioni personali. I militari sono intervenuti d'urgenza nell'abitazione dell'uomo dopo che, al culmine dell'ennesima lite familiare scoppiata per futili motivi, il violento ha preso a calci e pugni la convivente 32enne e le due figlie della donna di 18 e 13 anni procurando loro contusioni che sono state giudicate guaribili dai 3 ai 7 giorni. Nel corso degli accertamenti successivi all'intervento dei carabinieri, è emerso che negli ultimi tempi l'uomo si era reso responsabile di altri episodi di violenza.

 

 

 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno